Violin solo in C Major. Ediz. italiana e inglese - Francesco Geminiani,Sharon Tomaselli - ebook

Violin solo in C Major. Ediz. italiana e inglese

Francesco Geminiani

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Curatore: Sharon Tomaselli
Editore: Wip Edizioni
Formato: PDF
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 7,1 MB
Pagine della versione a stampa: 14 p.
  • EAN: 9788884595201

€ 2,49

Punti Premium: 2

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Francesco Geminiani (1687-1762), come ogni altro violinista della sua generazione, risente particolarmente dell'influsso diretto di Arcangelo Corelli, pur mostrando una maggiore libertà nell'elaborazione ritmica e tematica, un virtuosismo strumentale eccezionalmente ardito e fantasioso, una fantasia armonica e strumentale che ebbe ben pochi rivali in tutto il primo Settecento. Il manoscritto del Solo in Do Maggiore [Ms. 2201-P-1] è conservato presso la SLUB - Biblioteca Universitaria del Land di Sassonia (Dresda).
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Francesco Geminiani Cover

    Compositore e violinista. Studiò a Milano con C.A. Lonati, a Roma con A. Corelli e a Napoli con A. Scarlatti. Dal 1706 al 1710 fu attivo a Lucca, sua città natale, quindi a Napoli fino al 1714. Si trasferì poi a Londra, dove trascorse la maggior parte della vita, pur con frequenti soggiorni in Irlanda e a Parigi, ovunque apprezzatissimo come virtuoso, compositore e didatta. Se come solista G. fu piuttosto estroso ed eccentrico, e dunque lontano dalla classica austerità dello stile corelliano, come autore di sonate (fra cui le 24 delle opp. 1 e 4, le 6 per violoncello dell'op. 5, le 6 per flauto, sempre con basso continuo) e di concerti grossi (i 24 opp. 2, 3, 6 e 7, oltre a quelli trascritti dalla propria op. 4 e dalle opp. 3 e 5 di Corelli) non si staccò molto dai modelli del maestro. Compose... Approfondisci
Note legali