Traduttore: S. C. Perroni
Editore: Bompiani
Collana: AsSaggi
Anno edizione: 2001
In commercio dal: 24 ottobre 2001
Pagine: 143 p.
  • EAN: 9788845249716
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Usato su Libraccio.it - € 5,40
Descrizione
È la fine del XVII secolo. Johannes, genio musicale precoce, rimane ferito nel corso della campagna napoleonica in Italia. Accolto e curato dal liutaio Erasmus, il giovane apprende nuove notizie su Carla Farenzi, una misteriosa dama fugacemente incontrata tempo prima. Il liutaio gli rivela poi il segreto di un violino nero, da lui stesso costruito, che canta con la voce suadente e incantatrice della donna. Dopo averlo sentito suonare la vita di Johannes, come uomo e come artista, resterà incatenata a quella di Carla Farenzi.

€ 5,40

€ 10,00

10 punti Premium

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    MAGGIE

    09/10/2018 11:34:01

    Libro che appassiona e si rende indimenticabile,come la musica dello strumento che rapisce e strega senza eguali. In nessun libro di quest'autore manca la sottile inquietudine che fa smaniare l'anima alla ricerca della perfezione.E così Fermine,in un concentrato strategico di parole, incanta e ferma l'attenzione sulle sue pagine.

  • User Icon

    Pier

    04/12/2013 11:44:51

    Racconto carino, ma tranquillamente evitabile; non riesce ad emozionare e risulta assai banale. Leggetevi Canone inverso, dieci volte meglio!!!

  • User Icon

    Letizia

    05/05/2012 17:41:43

    Un altro bel racconto poetico, pieno di passione....mi è piaciuto addirittura più di "Neve" e ora sono curiosa di leggere il terzo. Ti fa emozionare, ti rapisce con il mistero e ti lascia senza parole. Bello.

  • User Icon

    Enrik

    25/11/2011 21:22:48

    Un libro semplice,senza dubbio piacevole. A tratti sdolcinato e scontato...ma non come la musica di quel violino!

  • User Icon

    guja

    07/04/2008 10:56:35

    una bella favola da leggere in un pomeriggio..peccato che la trama e la struttura del testo richiamino troppo altri testi meravigliosi e facciano venire qualche dubbio sull'originalita' del romanzo...

  • User Icon

    marta83

    08/01/2008 11:41:12

    Stupendo, l'ho letto tutto d'un fiato, mi ha lasciato senza parole e dato tante emozioni. Da leggere

  • User Icon

    Aurora

    07/09/2005 16:32:41

    ti rapisce, ti fa venire la pelle d'oca e ti lascia senza una spiegazione... ti fa pensare e sognare. da leggere!

  • User Icon

    Kitty

    13/03/2005 20:07:31

    venezia, la musica, la voce muta di un soprano... un libro che mi ha lasciato moltissimo

  • User Icon

    Gabriele

    08/03/2005 13:41:24

    L'ho trovato piacevole e scorrevole. La storia - che poi è quasi una favola - ha dei lati molto interessanti, come il reciproco scambio di doni che in qualche modo vengono tramandati (la scacchiera, il violino... la "voce"). Tuttavia, ho trovato certe immagini un po' banalotte e scontate; per carità, belle!, ma nulla di nuovo - se si legge Novecento di Baricco si possono trovare alcune immagini pressoché identiche. Insomma, tematichre affascinanti trattate anche con una certa eleganza... A scapito però dell'originalità. Gabriele

  • User Icon

    cri...

    10/01/2005 14:19:43

    Poesia allo stato puro,mi ha toccato nel profondo dell'animo.

  • User Icon

    Loredana

    04/10/2004 15:09:00

    Un libro piacevole che però non mi ha entusiasmato...non mi ha emozionata come Neve e L'apicoltore.

  • User Icon

    Gaute da Suta

    04/02/2004 14:12:14

    FAVOLOSO, da leggere!

  • User Icon

    SognoBlu

    15/07/2003 16:27:58

    Al contrario io l'ho letto in treno ma al ritorno da Milano!! Posso solo dire che è stata un'esperienza che mi ha segnato..un viaggio dentro il viaggio in un'atmosfera unica....e non sono ancora arrivato....

  • User Icon

    Giulia

    18/03/2003 15:05:11

    Superlativo.....letto su un viaggio in treno verso Milano. Si legge in modo scorrevole e piacevole. Appassiona chi conosce la musica e la ama, come me, ma credo possa dare molto anche a chi non ha specifiche conoscenze. Ve lo consiglio e buona lettura

  • User Icon

    norberto

    12/02/2003 23:54:35

    Anch'io confermo i precedenti commenti! La lettura "prende", l'autore ci porta lontano; ma hai anche la sensazione di entrare nella realtà dell'umano! Un autore che diventa così un amico che riesce a camminare con te, al di là della materialità!!

  • User Icon

    Stefano Canepa

    20/08/2002 20:55:56

    Non è facile dare cosi tante emozioni in poche pagine. La scrittura di Fermine è asciutta, profonda. Ci fa riflettere sul significato della vita e sulla felicità. Vale la pena raggiumgerla anche solo per un attimo, se poi tutto ti rende infelice, anche le cose più insignificanti?

  • User Icon

    Jessica

    14/11/2001 20:31:41

    Come il primo libro, "Il violino nero" è capace di toccare nel profondo. Complimenti ancora una volta a questo autore!

Vedi tutte le 17 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Maxence Fermine è il giovane autore di romanzi legati da un sottile gioco di simmetrie e di contrasti: l'opera prima Neve (Bompiani, 1999) e il più recente Il violino nero. Due piccoli libri, uno bianco e l'altro nero, nella cui veste editoriale troviamo un riflesso del candore e dell'oscurità all'origine di due avventure fiabesche di iniziazione all'amore e all'arte. Avventure cesellate in una prosa semplice e controllata, che al piacere del raccontare associa l'agilità della concisione. Johannes Karelsky, protagonista de Il violino nero, è un musicista dal genio precoce destinato a conoscere gli abissi della passione in una Venezia di fine Settecento immersa, a dispetto delle precise indicazioni storiche, in un'atmosfera onirica che ripropone l'icona funesta della città, forse ispirandosi all'immagine pittoresca dell'Italia fissata dalla tradizione del romanzo nero e fantastico. L'incontro con un misterioso liutaio, antico allievo della famiglia Stradivari, è il motore di una storia che sviluppa con grazia il tema del rapporto speculare tra discepolo e maestro, tesi in una comune recherche de l'absolu, l'uno a "mutare in musica la propria vita", l'altro a "mutare la musica in vita". "Un violino nero dal suono strano, una scacchiera (...) magica, e una grappa senza età" sono gli elementi fantastici di un racconto che, come nella miglior tradizione del genere, accoglie il meraviglioso per affermare la più semplice delle verità terrene: nell'arte, come nell'amore, si perviene alla pienezza solo attraverso la perdita.

Annalisa Bertoni