Virtù e obbligo morale. Antichi e moderni

Terence H. Irwin

Traduttore: M. Stango
Editore: Edusc
Collana: Saggi
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 21 maggio 2018
Pagine: 278 p.
  • EAN: 9788883337284
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Il titolo di questo libro riflette il modo sintetico e netto con cui abitualmente si distingue l'impostazione dell'etica classica, fondata sulla virtù, dall'impostazione dell'etica moderna, fondata sull'obbligo e sul dovere. Il contenuto però punta a dimostrare che questa distinzione va superata in quanto fondata su una comprensione non sufficientemente accurata della filosofia morale classica, in particolare dell'etica di Aristotele, e di quella moderna. E in questo tentativo l'autore va a minare le fondamenta stesse su cui poggia buona parte dell'attuale Virtue Ethics, con la chiara pretesa di contrastare non solo la posizione di Prichard, ma anche quella, a suo parere ancora più inesatta, della Anscombe. L'autore non si limita a realizzare un mero esercizio di analisi e dissezione di testi, antichi o moderni, fine a se stesso, ma vuole rispondere alla domanda che - malgrado Prichard - ritiene non solo ragionevole ma ineludibile per ogni filosofo etico e per ogni uomo: perché dovrei comportarmi in un determinato modo? Perché dovrei perseguire il bene? Si tratta dunque di trovare una risposta alla questione del dovere morale. Tale risposta Irwin pensa di trovarla, almeno in nuce, nell'etica aristotelica che, pur sottolineando l'importanza della virtù, non può essere ritenuta una Virtue Ethics così come alcuni oggi la intendono, ovvero fondata soltanto sulla ricerca di una felicità e di un bene esclusivamente attraenti; per Irwin, infatti, anche nell'etica aristotelica è presente il dovere ancorato a ragioni esterne, a imperativi non solo ipotetici ma categorici, detto in termini kantiani. Se questa interpretazione dell'etica aristotelica è esatta, allora la pretesa distinzione tra l'impostazione etica classica, aristotelica, e quella moderna va riveduta, perché l'etica classica può puntare sulla virtù in quanto ha il sostegno di un bene fondato su ragioni esterne al desiderio del soggetto, senza bisogno però di una legge e di un legislatore.

€ 21,25

€ 25,00

Risparmi € 3,75 (15%)

Venduto e spedito da IBS

21 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità: