Vite di corsa. Come salvarsi dalla tirannia dell'effimero

Zygmunt Bauman

Traduttore: D. Francesconi
Editore: Il Mulino
Collana: Voci
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 7 maggio 2009
Pagine: 102 p., Brossura
  • EAN: 9788815131607
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
"Nella modernità liquida il tempo non è né ciclico né lineare, come normalmente era nella altre società della storia moderna e premoderna, ma invece "puntillistico" ossia frammentato in una moltitudine di particelle separate, ciascuna ridotta ad un punto". Questa perdita di senso del tempo, che ci costringe a vivere in un perpetuo e trafelato presente, in cui tutto è affidato all'esperienza del momento, è accompagnata dallo svuotamento dei criteri di rilevanza che fanno distinguere l'essenziale dal superfluo, il durevole dall'effimero. Così la nostra identità di persone, ieri faticosamente costruita su un progetto di vita, può essere oggi assemblata e disassemblata in modo intermittente e sempre nuovo, "come un pacchetto pay-per-view". È dunque ancora più sorprendente, dato questo sconsolante scenario, che Bauman sappia indurci una volta di più a sospendere le nostre vite di corsa per il tempo indispensabile a riflettere sulle questioni che ci riguardano più profondamente: bisogni e felicità, memoria e oblio, fondatezza e inconsistenza, costrizione e libertà.

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Antonella

    05/06/2017 10:44:28

    Mi ha colpita il titolo.. Sembrava scritto per me. Di fatto è una fotografia piuttosto realista del nostro tempo e della perdita di molti e bei valori

  • User Icon

    Tom

    11/07/2011 02:08:25

    Riflessioni molto limpide e a tratti proprio brillanti sulla nostra società. Molto interessante. L'ho trovato leggeremente tendente al pessimistico, perché la nostra vita compensa le carenze e non é solamente fatta di fretta, stacchi, punti a capo, e frenesia di consumare. Mentre il quadro che dipinge l'autore é un po' troppo drammatico. Alla fine propone la sua soluzione, sebbene non la articoli neanche minimamente, secondo lui la soluzione é un ritrovato senso di responsabilità attraverso l'empowerment dell'individuo, e la educazione perenne. Va be'.... Molto piú forte nel descrivere le magagne dei giorni nostri, che nel proporre soluzioni o direzioni da prendere. Tutto sommato, molto acuto, da leggere.

  • User Icon

    emanuele

    23/09/2009 13:21:00

    Riflessioni e citazioni di sicuro interesse. E'un libro adatto a chi ha voglia di pensare, capire e riflettere. La scrittura non è linearissima ma si lascia leggere.

Scrivi una recensione