Viva Zapata! di Elia Kazan - DVD

Viva Zapata!

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Elia Kazan
Paese: Stati Uniti
Anno: 1952
Supporto: DVD
Salvato in 20 liste dei desideri

€ 6,00

Venduto e spedito da Allstoreshop

Solo 1 prodotto disponibile

+ 3,90 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 4,35 €)

Messico 1909. Attraverso alterne vicende Emiliano Zapata diventa il mitico condottiero dei peones nella rivoluzione che, con l'appoggio del borghese Madero, sconfigge la dittatura di Diaz. Ma le contraddizioni tra le due anime del movimento fanno presto ad esplodere e Zapata si trova a capo di una seconda rivoluzione più radicale.
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    cirofigliolino

    08/04/2004 12:22:43

    più che essere un grande film,è sicuramente il film degli interpreti,capaci di fargli guadagnare un'ottimo ,altrimenti buono.un'opportunità per vedere assieme ,in un'occasione più unica che rara due mostri sacri come quinn e l'allora giovane brando.qui il regista ha sicuramente il merito di dirgere in modo esemplare i suoi attori.un tema importante per un film da vedere e rivedere.

1952 - Oscar [Academy Awards] - Miglior attore non protagonista - Quinn Anthony
1952 - Festival di Cannes - Miglior attore - Brando Marlon

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: 20th Century Fox Home Entertainment, 2003
  • Distribuzione: Videodelta
  • Durata: 113 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono);Francese (Dolby Digital 1.0 - mono);Inglese (Dolby Digital 1.0 - mono);Spagnolo (Dolby Digital 1.0 - mono);Tedesco (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Francese; Inglese; Spagnolo; Olandese
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Contenuti: trailers
  • Elia Kazan Cover

    Kazan, Elia Pseudonimo di Elia Kazanjoglous, regista e produttore cinematografico statunitense di origine greca, emigrato negli Stati Uniti nel 1913. Associato al Group Theater e in seguito membro fondatore dell'Actors' Studio, divenne famoso come originale e sensibile direttore di scena grazie a spettacoli rappresentati a Broadway come La famiglia Antropus di Thornton Wilder (1942), Un tram che si chiama desiderio di Tennessee Williams (1947, con Marlon Brando, che diresse anche nella versione cinematografica del 1951 al fianco di Vivien Leigh), Morte di un commesso viaggiatore (1949) di Arthur Miller, La gatta sul tetto che scotta (1955, da cui nel 1958 fu tratto il film omonimo con Elizabeth Taylor e Paul Newman) e La dolce ala della giovinezza (1959), ancora di Williams. Diresse inoltre... Approfondisci
  • Marlon Brando Cover

    Attore statunitense. Espulso da diverse scuole, inclusa un'accademia militare, e invitato dal padre a scegliersi un mestiere, decide di diventare attore (la madre gestiva una piccola compagnia teatrale). Trasferitosi a New York, studia alla New School e all'Actor's Studio dove, sotto la guida di S. Adler e L. Strasberg, si dedica in maniera maniacale al metodo di Stanislavskij, che porterà il suo stile recitativo a profondità inedite. Nel 1947 E. Kazan mette in scena a New York Un tram che si chiama desiderio di T. Williams, con B. nella parte di Stanley Kowalski: la sua interpretazione è così intensa e coinvolgente da impressionare le platee e i produttori di Hollywood, che cominciano a corteggiarlo. Il debutto sullo schermo avviene nel 1950, con Uomini di F. Zinnemann, nel quale impersona... Approfondisci
  • Jean Peters Cover

    Attrice statunitense. Esordisce come spalla di T. Power (Il capitano di Castiglia, 1947, di H. King) per poi passare smagliante all'avventura (La regina dei pirati, 1951, di J. Tourneur). Nel frattempo il registro si allarga al giallo, tinto di rosa (Sei canaglia ma ti amo, 1950, di A. Hall) e non (Assassinio premeditato, 1953, di A.L. Stone), accanto a un cinico R. Widmark (Mano pericolosa, 1953, di S. Fuller). Sotto i riflettori grazie a drammi (Niagara, 1953, di H. Hathaway) e commedie (Tre soldi nella fontana, 1954, di J. Negulesco) sgangherati ma di grande successo, è una comprimaria calibrata nel western, a fianco di protagonisti problematici (M. Brando in Viva Zapata!, 1952, di E. Kazan) e determinati (B. Lancaster in L'ultimo apache, 1954, di R. Aldrich). Giunta all'apice della carriera,... Approfondisci
  • Anthony Quinn Cover

    Anthony Quinn è Senior Lecturer nel corso di laurea di Ceramic Design all’Università Central Saint Martins College di Londra e Tutor nelle attività relative alle tecniche di progettazione in tre dimensioni. È anche Visiting Tutor di Ceramics and Glass presso la facoltà di Lettere del Royal College of Art di Londra. Approfondisci
Note legali