La voce degli uomini freddi

Mauro Corona

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
Pagine: Brossura
  • EAN: 9788804666981
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 9,78

€ 11,50

Risparmi € 1,72 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    zombie49

    14/04/2017 15:59:14

    Nel paese degli uomini freddi, incastonato fra le montagne come un coltello nel fodero, nevica sempre, anche d’estate. Per questo le persone hanno una carnagione pallida, e la loro pelle è fredda come la neve, tanto che solo dopo la morte sembra scaldarsi un poco. Vivono da secoli in isolamento in comunione con la natura, felici del poco che riescono ad ottenere da una terra inospitale e apra, rassegnate alle disgrazie che derivano da quel clima inclemente: frane, valanghe, malattie. Sono però solidali fra loro, miti e sagge: non vogliono andare lontano nelle città fumanti della pianura, dove la vita è più comoda, ma dove regnano violenza, avidità e cupidigia. Ogni anno rinnovano un patto attraverso l’antico rito del miele, con cui s’impiastricciano le mani unendosi in un girotondo. La sera, gli uomini freddi cantano nenie sulla memoria degli avi, e incidono la loro storia sulla roccia di una caverna per non dimenticare. Insieme ricostruiscono il paese quando è distrutto dalle valanghe, dopo avere cavato i morti dalla neve e averli seppelliti senza lapidi, come loro usanza. Il libro è una favola cupa, poetica e nostalgica su una civiltà contadina semplice ed essenziale, in cui la felicità non si misura col denaro e il successo. Sono piccoli, delicati capolavori le storie della caverna dei cristalli, in cui due litigiosi amanti si abbracciano x sempre nella morte; dello scultore che si uccide in braccio alla statua lignea della sua amata. Stupisce il contrasto fra le storie cupe, nerissime, di violenza e stupri in alcuni libri di Corona e altre, come queste, colme di poesia e delicatezza. Il libro è anche una trasparente parabola sulla tragedia del Vajont, un’ombra sempre presente nell’opera dello scrittore di Erto. E’ una favola delicata e poetica, ma anche triste e disperata, poiché tutto è finito in una notte, coperto da una neve nera a lutto. Forse la storia didattica è un po’ ripetitiva, ma è di grande dolcezza con un retrogusto amaro.

Scrivi una recensione