Categorie
Editore: Intrecci
Collana: Enne
Anno edizione: 2016
Pagine: 86 p., Brossura
  • EAN: 9788899550134
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibile in 2 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Franci

    24/06/2016 16.41.40

    La filastrocca al centro di questa storia servirà a scuotere gli animi dei protagonisti, perché le sue parole che sembrano indicare un pericolo per Mandalchiria nascondono un significato molto più profondo che li porterà a far luce su di sé, ad uscire dalla gabbia, dall'apatia, dalla routine, da un destino già scritto visto che scelto il lavoro non si può più cambiare e che a parte la domenica in cui possono essere se stessi gli altri giorni devono indossare una maschera non solo lavorativa, dato che alcuni lavori coinvolgono anche la personalità (la pettegola, il burlone). E' una storia particolare dove la vicenda cade quasi in secondo piano lasciando il posto all'importanza di ogni parola, alle riflessioni e al loro significato. Ho iniziato questo libro immaginando un'avventura alla ricerca delle ombre di cui parla la filastrocca e del significato di essa ma più andavo avanti più capivo che la ricerca non era messa in rilievo, che in realtà bisognava soffermarsi sulle parole usate dall'autrice e stavo per rimanerci male, ma poi giunta alla fine ho capito il vero obiettivo e rileggendo alcuni passi tutto è stato chiaro e ho capito che la vera ricerca era quella interiore. Mi è mancata però la parte emotiva, perché dovendo prestare attenzione alle parole non sono riuscita ad affezionarmi ai personaggi e a volte non sono riuscita a rimanere coinvolta dalla storia. Vuoto fino all'orlo, perché le esistenze di Alma, Luce, Falso, Cupo, la signora Seccatanzi, la lucertola Errante, Famelico e Zen sono piene di niente; hanno paura di superare il confine che non è solo quello sulla cartina geografica ma rappresenta anche la zona che divide la parte protetta fatta dalle abitudini e dalla routine dalla parte invece sconosciuta e rischiosa. L'autrice durante il racconto si rivolge al lettore e il regno che descrive è una rappresentazione del nostro.

Scrivi una recensione