We're All Somebody From Somewhere

Artisti: Steven Tyler
Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 2
Etichetta: Concord
Data di pubblicazione: 28 ottobre 2016
  • EAN: 0602547967572
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 18,99

€ 28,50

Risparmi € 9,51 (33%)

Venduto e spedito da IBS

19 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Descrizione

Songwriter e cantante di lungo corso (inutile ricordare i suoi trascorsi di fondatore e voce dei mitici Aerosmith), Steven Tyler (alias Steven Victor Tallarico) pubblica il suoatteso album da solista su etichetta Big Machine. Tyler ha prodotto le 15 tracce di We're All Somebody From Somewhere insieme con due musicisti/produttori leggendari come T Bone Burnett e Dann Huff, oltre che con Marti Frederiksen e Jaren Johnston (già con The Cadillac Three). Ora l’album è disponibile anche in doppio vinile!

Disco 1
  • 1 My Own Worst Enemy
  • 2 We’re All Somebody From Somewhere
  • 3 Hold On (Won’t Let Go)
  • 4 It Ain’t Easy
  • 5 Love Is Your Name
  • 6 I Make My Own Sunshine
  • 7 Gypsy Girl
  • 8 Somebody New
Disco 2
  • 1 Only Heaven
  • 2 The Good, The Bad, The Ugly & Me
  • 3 Red, White and You
  • 4 Sweet Louisiana
  • 5 What Am I Doin’ Right?
  • 6 Janie’s Got A Gun
  • 7 Piece Of My Heart
Mostra tutti i brani

Non aspettatevi il country sfilacciato che si ritrovava in alcuni successi degli Aerosmith (per esempio Crazy) dal primo album partorito a Nashville da Steven Tyler. Recentemente trasferitosi nella Music City, il cantante vuole apparentemente inserirsi tra i suoi nuovi vicini di casa, cercando di comprimere la sua strabordante personalità in accettabili tracce midtempo e reinventandosi come coscienzioso interprete di ballad romantiche. Dentro l’album trova il suo spazio una reinterpretazione tradizionale di Janie’s Got a Gun, mentre il suo lato più spinto salta fuori quando canta “free-fallin’ into your yum-yum” in Red, White & You. Troppo spesso, però, Tyler tiene sotto controllo la sua sfacciataggine quando invece avrebbe potuto scatenare il più classico dei polveroni.
 Voto 3/5


Recensione di Keith Harris