Wes's Best. The Best of Wes Montgomery on Resonance - CD Audio di Wes Montgomery

Wes's Best. The Best of Wes Montgomery on Resonance

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Wes Montgomery
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Resonance
Data di pubblicazione: 17 giugno 2019
  • EAN: 0712758040343
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 16,50

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 16,50 €)

"Wes’s Best: The Best of Wes Montgomery on Resonance" è una compilation che comprende dodici brani scelti del grande chitarrista Jazz Wes Montgomery, per un totale di oltre 60 minuti di musica. I pezzi sono tratti da "Echoes of Indiana Avenue" (2012), "In the Beginning" (2015), "One Night in Indy" (2016), "Smokin’ in Seattle" (2017) e "Back on Indiana Avenue" (2019).
Resonance Records lavora da ben nove anni con la fondazione che gestisce l’eredità del musicista per riportare alla luce i suoi preziosi inediti. Per l’occasione, Resonance ha scelto per l’uscita una veste grafica disegnata dall’illustratore giapponese Takao Fujioka, appassionato di Jazz e redattore del mensile di Osaka Way Out West.
Disco 1
1
Jingles (Smokin' in Seattle)
2
Mr. Walker (Back on Indiana Avenue)
3
West Coast Blues (Smokin' in Seattle)
4
Four on Six (Back on Indiana Avenue)
5
Once I Loved (O Amor Em Paz) (Smokin' in Seattle)
6
Wes' Tune (In the Beginning)
7
Li'l Darling (One Night in Indy)
8
Down to Big Mary's (In the Beginning)
9
Diablo's Dance (Echoes of Indiana Avenue)
10
Nica's Dream (Echoes of Indiana Avenue)
11
Give Me the Simple Life (One Night in Indy)
12
Round Midnight (Back on Indiana Avenue)
  • Wes Montgomery Cover

    Propr. John Leslie Montgomery. Chitarrista statunitense di jazz. Autodidatta, rivelò nei primi dischi una certa influenza del sassofonista John Coltrane. Dal 1948 al '50 suonò con l'orchestra di Lionel Hampton e in varie occasioni con i fratelli buddy (Indianapolis 1930) pianista e vibrafonista, e monk (Indianapolis 1921 - Las Vegas 1982) contrabbassista; in seguito con Milt Jackson e altri, oltre che in gruppi propri, imponendosi come il più importante chitarrista jazz dopo Charlie Christian. Approfondisci
Note legali