White Trash

(180 gr.)

Artisti: Edgar Winter
Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 1
Data di pubblicazione: 11 marzo 2016
  • EAN: 4260019715029
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 25,83

€ 36,90

Risparmi € 11,07 (30%)

Venduto e spedito da IBS

26 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello
Descrizione

Give It Everything You Got; Fly Away; Where Would I Be; Let’s Get It On; I've Got News For You; Save The Planet; Dying To Live; Keep Playin’ That Rock And Roll; You Were My Light; Good Morning Music
Domanda: Cosa c’è di più bianco del bianco? Questa domanda può avere una sola risposta: Winter – Edgar Winter. Se il suo ugualmente bianco fratello Johnny ha volto la sua attenzione verso la musica nera aggiungendo qualche elemento del country-blues, Edgar si è fatto conquistare dal travolgente sound delle big band. Il legame familiare si è rivelato decisivo, perché ha liberato il talentuoso Edgar dalla necessità di esibirsi in interminabili serate nei locali notturni e gli ha offerto la possibilità di raggiungere suo fratello maggiore nello studio di registrazione. Dopo il grande successo ottenuto con il suo disco d’esordio Entrance, Winter ha riunito intorno a sé una band di musicisti di altissimo livello e si è recato nello studio di registrazione per incidere White Trash, un album che si è subito collocato nelle prime posizioni delle hit-parade americane. Questo straordinario successo non può stupire nessuno, visto che questi grandi interpreti di soul rock hanno saputo dare vita a un esplosivo mix di funk, blues e rock. Fin dal brano d’apertura “Give It Everything You Got”, un brillante rock esaltato dalla presenza di diversi ottoni, questo disco riesce a esprimere una incontenibile energia e un’atmosfera molto coinvolgente. Un blues eseguito da un cantante dalla voce vigorosa più che sufficiente per fare rizzare i capelli sulla testa (“I’ve Got News For You”) viene seguito con energia e frasi scandite dallo schiocco delle dita di un vivacissimo rock (“Keep Playin’ That Rock And Roll”). Per finire, non vanno dimenticati i passaggi solistici, dai toni spesso follemente scatenati, nei quali i musicisti sembrano davvero sfogarsi. Una vera celebrazione del rock and roll!