Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Wolfman

The Wolfman

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Wolfman
Regia: Joe Johnston
Paese: Gran Bretagna
Anno: 2009
Supporto: DVD
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 3,74 €)

Lawrence Talbot, un nobile tormentato, in seguito alla scomparsa del fratello, fa ritorno nella proprietà di famiglia nel villaggio di Blackmore dopo una lunga assenza. Al suo arrivo scopre che un essere dalla forza bruta e assetato di sangue sta mietendo vittime tra gli abitanti del villaggio e che un sospettoso ispettore di Scotland Yard si sta occupando del caso. Nel corso delle sue indagini sulle tracce del fratello Lawrence Talbot scoprirà la terribile maledizione che incombe su di loro.
2,89
di 5
Totale 9
5
2
4
1
3
2
2
2
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Sniper

    20/03/2011 15:22:03

    Una vera delusione, sia per quel che riguarda la recitazione che gli effetti speciali. Anche lo script delude molto.

  • User Icon

    Manuela

    12/10/2010 16:12:54

    E' senza dubbio un vero horror (almeno per i miei standard), e più volte sono saltata sulla sedia, ma ho trovato le interpretazioni insufficienti, in primis Del Toro, fuori parte e svogliato.

  • User Icon

    oblomov71

    07/09/2010 11:27:35

    Per gli amanti del genere è un gioiellino. Tutti i clichè gotico-lunari sono rispettati e come remake del mitico film del '41 è quanto mai fedele, anche nella resa molto retrò della 'bestia' in camicia di pizzo. Tra brughiere brumose e qualche omaggio alla perla di Landis, il film tiene bene, truculento quanto basta. Efficace e carismatico Hopkins, oscuro e ferino come non mai, e ottimo cast di comprimari (Weaving e Chaplin su tutti). Peccato per il pur bravo e tormentato Del Toro che in abiti da dandy vittoriano con bastone da passeggio fa un pò sorridere.

  • User Icon

    Cat

    31/08/2010 14:13:07

    Brutto e spesso noioso, nonche prevedibile.... inoltre Hopkins mi ha un po deluso...

  • User Icon

    Massimo

    27/07/2010 16:54:24

    Nell'insieme si salva per l'eccellente cast. Ma la rivisitazione di un classico (cosa che limita un po' lo sviluppo della trama) lascia alquanto perplessi. Dalla storia zoppicante agli effetti speciali sottotono, ne viene fuori un giallo sbilenco o un horror poco horror. Gradevolissima (pur se prevedibile) solo la scena nell'aula universitaria. Alla fine, se apprezzate il genere si può guardare, ma sul tema dei licantropi si è visto di meglio. Se cercate qualcosa di originale riguardatevi Dog Soldiers.

  • User Icon

    Cat

    27/07/2010 10:29:17

    Pessimo! uno dei peggiori film del suo genere, e uno dei peggiori realizzati ultimamente. Il buon casta non salva proprio 1 tubo!

  • User Icon

    Marco 75

    10/06/2010 11:39:37

    C'è chi ha stroncato senza mezzi termini questo film ed i risultati al botteghino, almeno da noi, sembrano dargli ragione. Ma Wolfman secondo me è un onesto film di genere. Non era facile nel 2010 misusarsi con un icona horror come il licantropo e Johnston si è preso un bel rischio. Il film e tutt'altro che perfetto, è vero. La tensione è discontinua,e qualche idea in più non avrebbe guastato. Ma tutto sommato la storia funziona. L'ambientazione è affascinante, c'è parecchio sangue(come giustamente richiede l'argomento)Benicio Del Toro fa il suo dovere, senza strafare, ma comunque è calato nella parte. Il film si ispira direttamente ai classici del genere ed anche il "look" del lupo mannaro si rifà ai vecchi film in bianco e nero. I superbi trucchi dell'ormai leggendario Rick Baker completano il tutto. Wolfman non è un capolavoro ma non è affatto brutto. Certamente non annoia e fa fare qualche bel salto sulla sedia. Da vedere

  • User Icon

    edward

    09/06/2010 16:18:29

    Blackwood, Inghilterra. XIX secolo. Lawrence Talbot (Benicio Del Toro), famoso attore teatrale, ritorna dopo una lunga assenza dalla sua famiglia, richiamato da una lettera della moglie di suo fratello, la bellissima Gwen (Emily Blunt), in cui viene chiesto aiuto per il ritrovamento di quest'ultimo, scomparso ormai da diversi giorni. Ma una volta tornato a casa il vecchio padre (Anthony Hopkins) racconta a Lawrence che il fratello è stato già ritrovato... ne è stato trovato il corpo in un fosso, smembrato e divorato da una misteriosa creatura, che si aggira durante le notti di luna piena nel bosco che circonda la tenuta dei Talbot. Per fare chiarezza sull'accaduto Scotland Yard incarica l'ispettore Alberline (Hugo Weaving) di occuparsi di questo oscuro caso. Quasi settant' anni dopo il primo Uomo Lupo della Universal, la bestia torna ad ululare con il volto del premio oscar Benicio Del Toro, in conflitto con un magistrale Ser Anthony Hopkins, il migliore in ruoli di questo genere... Ah, un' altra cosa...attenti ad uscire con la luna piena...una bestia è arrivata tra noi... e la bestia avrà il suo giorno di gloria...

  • User Icon

    Giacomo

    06/06/2010 10:32:55

    SPLENDIDO E VISIONARIO

Vedi tutte le 9 recensioni cliente
  • Produzione: Universal Pictures, 2010
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Durata: 130 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1);Spagnolo (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Ebraico; Inglese; Italiano; Portoghese; Rumeno; Serbo-croato; Sloveno; Spagnolo
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Contenuti: scene inedite in lingua originale
  • Anthony Hopkins Cover

    Propr. Philip A.H., attore inglese. Formatosi al Cardiff College of Drama, si unisce al National Theatre di L. Olivier dove completa la formazione d'attore teatrale classico. Lavora moltissimo alla televisione e non è restio ad accettare offerte cinematografiche di scarso rischio come trasposizioni teatrali (Amleto, 1969, di T. Richardson, Casa di bambola, 1973, di P. Garland) o colossali produzioni come Charlot (1992) di R. Attenborough. Non rifiuta nemmeno scommesse come The Elephant Man (1980), storia sul dolore e la dignità umana diretta da un D. Lynch non ancora assurto alla gloria degli altari critici. Dopo una lunga e ricca carriera ottiene una vasta popolarità con Il silenzio degli innocenti (1991, Oscar come migliore attore) di J. Demme, in cui interpreta lo psichiatra pluriomicida... Approfondisci
Note legali