Awoman of no importance

Awoman of no importance

Oscar Wilde

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: StreetLib
Formato: EPUB
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 586,3 KB
  • EAN: 9788892524644

€ 2,99

Punti Premium: 3

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Mrs. Allonby. What a comfort it is to have got rid of the men for a little!
Lady Stutfield. Yes; men persecute us dreadfully, don’t they?
Mrs. Allonby. Persecute us? I wish they did.
Lady Hunstanton. My dear!
Mrs. Allonby. The annoying thing is that the wretches can be perfectly happy without us. That is why I think it is every woman’s duty never to leave them alone for a single moment, except during this short breathing space after dinner; without which I believe we poor women would be absolutely worn to shadows.
[Enter Servants with coffee.]
Lady Hunstanton. Worn to shadows, dear?
Mrs. Allonby. Yes, Lady Hunstanton. It is such a strain keeping men up to the mark. They are always trying to escape from us.
Lady Stutfield. It seems to me that it is we who are always trying to escape from them. Men are so very, very heartless. They know their power and use it.
Lady Caroline. [Takes coffee from Servant.] What stuff and nonsense all this about men is! The thing to do is to keep men in their proper place.
Mrs. Allonby. But what is their proper place, Lady Caroline?
Lady Caroline. Looking after their wives, Mrs. Allonby.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Oscar Wilde Cover

    Oscar Fingal O'Flahertie Wills Wilde, nato e cresciuto a Dublino in un ambiente colto e spregiudicato, studiò a Oxford dove ebbe come maestri J. Ruskin e W. Pater. Il suo ingegno brillante, i suoi successi letterari e le sue pose eccentriche lo imposero come una delle personalità dominanti nei circoli artistici e nei salotti mondani sia inglesi che francesi. Visse prevalentemente tra Parigi e Londra, ma con frequenti viaggi in Italia, Grecia e Nordafrica. Nel 1882 si recò negli Stati Uniti per un fortunato ciclo di conferenze sull’estetismo. Nel 1884 sposò Constance Lloyd, da cui ebbe due figli, ma ben presto il matrimonio naufragò. Tutta l’aristocrazia e la classe dirigente di cui era stato fino a poco prima l’idolo lo abbandonarono a causa... Approfondisci
Note legali