Zona franca. Un'inchiesta del commissario Micuzzi

Massimo Cassani

Editore: TEA
Collana: Narrativa TEA
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 14 marzo 2013
Pagine: 424 p., Rilegato
  • EAN: 9788850230150
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,50

€ 14,00

Risparmi € 3,50 (25%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luca F.

    07/07/2015 15:17:24

    Bravo Cassani. Una scoperta dal sottobosco del noir italiano. Scrittura limpida, fluente. Ottimo italiano. Trama ben assortita e bella caratterizzazione dei personaggi. Oggi tanto si sorride anche. Insomma: un libro veramente piacevole. Consigliato.

  • User Icon

    Chiara

    25/03/2014 09:20:09

    Ho letto questo romanzo tutto d'un fiato: la trama è limpida, scorrevole, con un montaggio alternato che la rende anche molto rapida. Scene troppo lunghe la appesantirebbero. Un rimbalzo continuo tra storia e attualità, con personaggi verosimili e a modo loro affascinanti: dal piemme che si fa le canne, alla ballerina svampita, passando per l'ispettore infiltrato nella malavita, capace di mostrare personalità e carattere. Penso che Cassani abbia ben sposato uno dei principi fondamentali della narrativa moderna: show, don't tell. Ovvero mostra, non raccontare. Lascia agire i personaggi, e fai in modo che siano loro a tessere la storia. Ho già messo in carrello sottotraccia e pioggia battente!

  • User Icon

    Paolo

    21/11/2013 12:39:51

    ... E' la prima volta che leggo Massimo Cassani ed il libro mi è discretamente piaciuto ... Belle le descrizioni di una Milano diversa dal solito, tutta intorno alla brulicante Via Padova, belli alcuni personaggi, ma la storia è troppo arrovellata e soffre di alcuni equilibrismi logici che "sgonfiano" la tensione, in bilico tra Storia e realtà presente ... Il personaggio meno riuscito e meno credibile (dispiace dirlo) è proprio il protagonista Commissario Micuzzi : va bene la figura dell'antieroe e della modestia, ma qui si è veramente esagerato, sfiorando il "macchiettismo" che per un giallo non è proprio il massimo ... Bella invece l'idea dei proverbi in milanese che seguono la narrazione ...

Scrivi una recensione