Topone PDP Libri
Salvato in 2 liste dei desideri
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Il cuore di tenebra dell'India. Inferno sotto il miracolo
16,15 € 17,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+160 punti Effe
-5% 17,00 € 16,15 €
disp. in 5 gg lavorativi disp. in 5 gg lavorativi
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
16,15 €
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
16,15 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
17,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
17,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multibook
9,00 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Libraccio
9,18 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
16,15 €
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
16,15 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
17,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
17,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Multibook
9,00 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Libraccio
9,18 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Il cuore di tenebra dell'India. Inferno sotto il miracolo - Marina Forti - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Il cuore di tenebra dell'India. Inferno sotto il miracolo Marina Forti
€ 17,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Una guerra percorre l'India profonda. Scontri a fuoco, imboscate, raid. Sui campi avversi, le bande maoiste dei naxaliti e i corpi d'elite con i battaglioni speciali dello stato. Una guerriglia rurale nel cuore dell'India, che riguarda da vicino il pianeta intero, tutti noi. La regione di montagne e foreste che è teatro del conflitto racchiude infatti immensi giacimenti minerari di ferro, carbone, bauxite, uranio. Miniere e acciaierie spuntano sulle terre, abitate da tribali, delle quali accelerano l'esproprio. Così una guerra strisciante tra le montagne dell'India diventa la faccia nascosta e oscura dell'economia globale, che di queste risorse ha un bisogno sempre crescente.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2012
25 ottobre 2012
165 p., Brossura
9788861597051

Voce della critica

L'India è una macchina immaginifica tra le più produttive: le caste, Gandhi, le vacche sacre, Bollywood, Visnù, i guru, l'informatica indiana, il paese emergente, la più grande democrazia del mondo, lo yoga, il sanscrito, la tigre del Bengala, il Kamasutra, i raga… Ce n'è per tutti i gusti. Per questo è difficile dissolvere la nebbia che ci avvolge quando ne parliamo. Marina Forti con questo libro invece ci riesce benissimo e impiega 164 pagine per presentarci un'India fuori dalla nostra portata immaginativa. Lo fa soprattutto dando la parola a donne e uomini che vivono in una certa area del paese nota come tribal belt o anche mineral belt. La semplice sovrapposizione delle due belts, tribal e mineral, già spiega molte cose. Si tratta di popolazioni adivasi, "abitanti originari", volgarmente definite "tribali", novanta milioni di persone, l'8,6 per cento della popolazione, che abitano zone ricche di giacimenti minerari. Secondo il canone dominante, se sei tribal sei per definizione ignorante, primitivo, superstizioso e pericoloso, anche se spesso si tratta di società egualitarie e senza gerarchie di genere. Ma c'è lo "sviluppo" e la "crescita" da sostenere, il Pil da far marciare (6-7 per centodi incremento annuo), se l'India vuole restare tra i "paesi emergenti", i famosi Brics (Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica) e dettare, domani, le leggi del capitalismo globale. Le miniere vanno sfruttate a ogni costo. Per farlo bisogna requisire terre, land grab la chiamano, sfollare e spostare villaggi, recintare territori, installare grandi impianti industriali, deviare fiumi, sezionare montagne, diffondere la corruzione, e tutto ciò che è previsto da quella mega macchina sociale che Marx definiva "accumulazione originaria", cioè l'espropriazione mercantile o coatta di ogni bene comune. Ce lo chiede lo sviluppo, è il mantra. Per i sordi a questo richiamo scatterà la guerra sporca, salwa judun, misto di interventi di esercito, polizia, paramilitari, già visti all'opera in altre parti del mondo in questa identica formazione. Tutto quadra. Se non fosse che di mezzo ci stanno i naxaliti che, nonostante il nome esoterico, praticano una vecchia-nuova guerra di popolo di stampo maoista contro l'appropriazione forzata delle terre e delle vite umane che vi abitano. Una terminologia vintage che tuttavia riferisce di un conflitto di ampie proporzioni e di una concreta alternativa di crescita umana e sociale. Nel paese che ha inventato i subaltern studies, Marina Forti va dai subalterni, ne ascolta le ragioni, dà voce alle paure e alle speranze, imposta una narrazione calda, se così si può dire. Non sta a metà strada tra documentazione e fiction, come è diventato di moda, ma registra con gli occhi, con le orecchie e con l'intelligenza del cuore le aspettative e i contrasti, i programmi, le forme organizzative, le risposte isteriche e qualche volta atroci del potere. La gestione delle fonti è rigorosa tanto quanto la sua soggettività è intonata al mondo di vita che esplora, senza soverchiare e senza nascondersi. Noi che viviamo in una "tribal belt" molto particolare non possiamo che essere rinfrancati dal comune domicilio del mondo che questa lettura "indiana" ci porta a conoscere. Claudio Canal

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Marina Forti

Marina Forti è una giornalista italiana, autrice del blog “Terraterra online. Cronache da un pianeta in bilico”. Si occupa principalmente di temi legati all’ambiente, ai conflitti per le risorse naturali e all’immigrazione ed è stata caporedattrice e caposervizio degli esteri per il quotidiano “il manifesto”, prima di avviare una collaborazione con “Internazionale”. Ha viaggiato a lungo in Iran, in Asia meridionale e nel sud est asiatico e la sua rubrica “terraterra” ha ricevuto nel 1999 il Premiolino, dedicato al giornalista del mese. Tra le sue pubblicazioni si ricordano La signora di Narmada. Le lotte degli sfollati ambientali nel Sud del mondo (Feltrinelli, 2004, vincitore del premio “Elsa Morante” per...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore