L' estate senza uomini

Siri Hustvedt

Traduttore: G. Guerzoni
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
Pagine: 165 p., Brossura
  • EAN: 9788806216313
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Etta_due

    26/07/2017 10:59:14

    Sembra più un esercizio di stile che un romanzo. L’ho voluto finire per due motivi: il primo è che odio lasciare un libro senza averlo terminato e il secondo motivo è che volevo capire fino a che punto non mi piacesse. L’utilizzo che fa dell’io narrante è di dubbio gusto, a volte fastidioso. Qualche spunto di riflessione interessante c’è ma si perde nel caos di una storia-non-storia che somiglia più ad un flusso di coscienza (mal riuscito) che ad un buon libro. Ho tentato fino alla fine di capire come la protagonista riesca (o non riesca) a risollevare le sorti del suo matrimonio e di se stessa, ma non ho trovato risposte. Avrei dovuto dare 1 sola stella, ma la brevità e la scrittura scorrevole gliene fanno guadagnare una seconda. L’autrice se non sbaglio è una filosofa/poetessa, non una scrittrice…beh dovrebbe evitare di scrivere romanzi. Non consigliato.

  • User Icon

    Alberto

    30/08/2013 17:57:03

    Ho letto solo ora questo libro di S.H. dopo averla conosciuta con "Elegia di ... ecc". Non mi ha deluso, a mio modestissimo avviso questo nn è un romanzo, la storia, debole come qualcuno ha scritto precedendomi, è di pretesto per l'autrice che nn dimentichiamo è sopratutto poetessa e filosofa. Ho trovato passi filosofici e qualche verso poetico molto validi. Ecco perchè assegno 4 su 5. Consigliato a chi non cerca la "storia" ma motivi di riflessione sulla vecchiaia e la morte.

  • User Icon

    strummercave

    03/09/2012 11:39:11

    Sembra più un esercizio di stile, con frequenti rimandi alla poesia e alla filosofia, che un romanzo americano. Storia piuttosto modesta e poco reale, alcuni personaggi stereotipati (la setta delle ragazzine su tutti), un uso dell'io-narrante a volte irritante. Unico pregio, la brevità.

  • User Icon

    Mauz

    09/08/2012 15:12:07

    Una commedia americana, a tratti poco realistica. La lettura scorre abbastanza rapidamente.Niente di eccezionale ma leggibile.Più o meno sufficiente

  • User Icon

    Federica

    02/07/2012 15:14:06

    Come fa Mia, poetessa tradita dal marito, a ritrovare se stessa e a fare pace con la vita? Ho cercato una risposta fino alla fine dl libro ma sono rimasta delusa. Romanzo noioso e dispersivo.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione