Categorie

John Freely

Traduttore: M. Ceschi
Editore: Il Saggiatore
Anno edizione: 2007
Pagine: 287 p. , ill. , Brossura
  • EAN: 9788842810964

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    mettiamodeilimiti

    25/12/2015 12.15.56

    interessante la storia, ma, per favore, Maurizio Blondet no! C'è un limite al cattivo gusto...

  • User Icon

    Alessia Monaco

    11/06/2015 17.21.55

    Sabbetay Sevi, come pure in seguito i saggi hassidici, riteneva che l'uomo dovesse guardare in faccia il peccato per poter conoscere il bene e "combattere il male con le sue stesse armi" come ben evidenzia anche questa biografia di John Freely di certo minore ed inferiore rispetto al capolavoro di Gershom Scholem, ma comunque valida ugualmente per scoprire un personaggio altamente enigmatico e misterioso che ha scosso le comunità ebraiche in Europa come le islamiche in Turchia e non solo. Perfino nel peccato ci sono scintille di divino splendore, perché altrimenti il peccatore non potrebbe sopravvivere né muovere la più piccola parte del corpo. In che cosa consistono le scintille che si trovano nel peccato? Nel pentimento. Nell'ora in cui il peccatore si pentirà e si allontanerà dal peccato, queste scintille emergeranno.

  • User Icon

    Josef Wenninger

    19/03/2015 05.36.45

    È un peccato, ma sembra che ci siano molte somiglianze tra il movimento di Sabbatai Sevi e il movimento chassidico del Chabad Lubavitch, che credono che il Rebbe di Lubavitch, Menachem Mendel Schneersohn, è in realtà ancora vivo e sia lui il Moshiach tanto atteso dagli ebrei. La più grande somiglianza tra i due movimenti, io credo, è quando lui (Sevi) si pronuncia il "re, il maestro ..." questo è molto simile a quello dei Chabad Lubavitch che dicono: "Viva il nostro Maestro, nostro Maestro e il nostro rabbino, re Messia, nei secoli dei secoli ". Ottimo libro di John Freely sul "messia perduto".

  • User Icon

    mirari vos

    22/01/2008 10.04.29

    Buon libro su un movimento religioso ancora presente(annovera ancora una dinastia di banchieri americani e generali dell'esercito turco). Oltre a questo vi consiglio anche "Cronache dell'anticristo" di Maurizio Blondet per andare di più lungo la terza dimensione inesplorata dal politically correct Freely John.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione