Categorie

Sarah Waters

Traduttore: F. Ascari
Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
Pagine: 414 p., Brossura
  • EAN: 9788850215607
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giuly

    27/01/2017 09.58.07

    Mi è piaciuto molto. L'attrazione fra le protagoniste è narrata in maniera delicata, palpitante. La descrizione degli ambienti poi è così vivida e meticolosa che mi sembrava quasi di recarmi di persona nel carcere di Millbanks! Io lo consiglierei.

  • User Icon

    Aitch

    10/08/2016 01.27.57

    L'ho letto sulla scia dell'elettrizzante opera prima "carezze di velluto", che ho adorato e letto tutto d'un fiato. Anche questo non è da meno, la Waters si giostra con eleganza e abilità encomiabili la Londra vittoriana, declinandola in un'ampia scala di grigi, al punto da sfiorare il gotico. Non lo definirei nè un libro giallo, nè un libro erotico - anzi, si tiene ben lungi da qualsivoglia classificazione! Non ci sono scene esplicite, ma l'atmosfera è carica di sottintesi, di un desiderio che la sventurata e ingenua Margaret sente ricambiato da parte di Selina, ricca di fascino e infelicemente reclusa a Millbank. Ci sono colpi di scena (pochi), qui è là tra i banchi fitti di una Londra dark. . Però manca qualcosa, nella narrazione, che mi ha lasciato un po' di amaro in bocca. In alcuni punti ho faticato, temevo non succedesse niente.. a tenermi incollata è stato lo stile della Waters, che ha il dono di far volare le pagine. La adoro e adoro le due descrizioni, l'ambientazione! Non vedo l'ora di leggere altri libri suoi!

  • User Icon

    ccampanello

    15/04/2012 17.18.21

    Un libro che sa appassionare e tener desta l'attenzione del lettore dalla prima all'ultima pagina.Con un finale veramente imprevedibile.

  • User Icon

    Carlotta

    10/01/2012 03.13.42

    Sarah Waters riesce a tenerti incollata ad una storia anche se questa ti turba, questo è il caso di questo libro. L'attrazione della protagonista è talmente ben descritta da essere palpabile, i sentimenti fluttuano fuori dalle pagine come gli spiriti di cui si parla. Inaspettato il finale e a mio dire un po' troppo tragico, ma resta comunque il fatto che la lettura è talmente fluida ed emozionante che vale la pena soffrire un po'...

  • User Icon

    stefano

    15/11/2011 11.38.01

    dopo lo splendido "ladra" le aspettative erano di altro tenore. La trama è quasi evanescente ma intatta è la capacità narrativa. In questo caso la water riesce a imperniare un romazo sul paranormale sottraendosi alla facile trappola del grottesco.

  • User Icon

    lauretta

    10/11/2011 10.06.07

    Incantevole lettura, per la caratterizzazione dei personaggi, la perfetta ambientazione storica, la delicatezza con cui vengono trattati i sentimenti della protagonista. La scelta di affrontare un argomento come l'amore saffico, collocandolo nella puritana Inghilterra vittoriana è vincente. Sono certa che leggerò anche i prossimi libri di quest'autrice.

  • User Icon

    miki

    19/02/2011 18.48.37

    è il primo libro che leggo della Waters e sicuramente non sarà l'ultimo...anzi.. è un libro bellissimo,stupendo,che ti incolla dalla prima pagina fino all'ultima..una cosa non ho chiaro.... la ragazza è davvero una medium o non lo è??? aspetto una vostra risposta per risolvere il mio dilemma...!grazie

  • User Icon

    Anya

    24/11/2010 21.12.40

    Libro molto coinvolgente che, grazie all'abilità di scrittura dell'autrice spezza il confine tra realtà e inganno. L'attrazione delle protagoniste è meravigliosa! Da leggere!

  • User Icon

    cristina

    16/05/2010 10.39.09

    bellissimo, coinvolgente, con un finale inaspettato e che prende al cuore e alle viscere. raramente mi capita di provare emozioni forti leggendo una storia. la waters è bravissima ad entrare nell'anima di persone inquiete, irrisolte, umanamente realistiche. ottima scrittura, semplice, ma di alto valore letterario

  • User Icon

    federica

    21/06/2009 18.34.18

    All'inizio la storia è lenta ma dopo un pò ti prende e lo leggi con piacere anche se a dire il vero rimane un pò monotono...lo stile narrativo è comunque buono, la trama si basa senza dubbio sull'ambiguità, su cose che si intuiscono ma nn vengono dette. Il finale ha dimostrato un colpo di scena soddisfacente ma è come se qualcosa non quadrasse (secondo me). In ogni modo l'ho trovata una lettura interessante e mi piacerebbe leggere altri libri della Waters.

  • User Icon

    Alina

    17/11/2008 12.14.42

    Dopo un inizio un pò lento, la storia decolla alla grande e ti trascina in un turbine di emozioni. Consigliato

  • User Icon

    chi

    04/07/2006 16.07.29

    Come è finita Margaret Prior? (© jemmy II/05) “In due anni mi sono trasformata in una zitella. C’erano molte zitelle oggi mi pare… più certamente, di quanto ricordi. Forse, però, è lo stesso per le zitelle e i fantasmi: si deve appartenere alle loro schiere per scorgerne la presenza.” Waters ci invita ancora nel suo salotto vittoriano debordante, con classe infinita, di aristocratiche inquiete e problematiche, di storie piccole e forse intuibili (ma Dio non voglia che se ne parli!) di rapporti frantumati dalla struttura sociale e dai modi del vivere, di famiglie che stritolano gli individui nel tentativo perenne di proteggerli dalla vita di fuori. Dal mondo. Se non fosse che. Ogni uomo è un mondo ogni stanza è un mondo, in questo romanzo anche il carcere di Millbank è un mondo. Margaret Prior è una giovane donna colta e delicata che pare quasi incapace di muoversi tanto è concentrata su un pensiero di un passato che non può tornare e su un presente che non avrebbe dovuto essere ma che figlia e cresce e mette denti e rallegra l’ambiente circostante. Helen ha un bambino. Margaret ha un fratello che ha sposato Helen e una sorella che sta per sposarsi e andare in viaggio di nozze in Italia. Anche Margaret avrebbe dovuto ma suo padre è morto e la vita diventata stanziale e i libri polverosi e sua madre querula. Selina Dawes è una giovane donna che se pure non avesse poteri da medium avrebbe intenzioni e quand’anche decidesse di mutare intenzioni o di lasciarle in un cassetto a seccarsi avrebbe una cameriera fedelissima pronta a rammentarle ogni passo del suo percorso di vita. Ogni passo e ogni proprietà. Selina Dawes è rinchiusa nel carcere di Millbank per truffa e aggressione e certamente, pensa il signor Shillitoe, caro amico del padre di Margaret, Alla signorina Prior farebbe bene uscire da questa casa e avere uno scopo nobile come è certamente quello di ricondurre sulla via del pentimento le donne perdute del carcere. Se non fosse che. Ogni carcere, e questa, è una perdizione comunque, così alienante… dall’ar...

  • User Icon

    Ale

    18/11/2005 13.36.07

    Leggendo le recensioni sul sito mi aspettavo un po' più di suspence psicologica... In realtà del libro ho apprezzato moltissimo le descrizioni del carcere di Millbank e delle sue guardiane che per me sono i veri protagonisti del racconto. Ho trovato le due eroine un po' inconsistenti. Comunque interessante e ben scritto (a parte quando l'autrice si perde nei drammi passionali della protagonista), nel complesso lo consiglio.

  • User Icon

    laura

    01/07/2005 11.31.06

    mi è piaciuto molto....ho preferito ladra ma anche questo merita, ottime le descrizioni e il colpo di scena verso la fine.

  • User Icon

    Francesca

    18/06/2005 11.56.36

    Avevo letto il primo romanzo dell’autrice (Ladra…. anzi, la traduzione letterale sarebbe Borsaiola), sempre ambientato nell’epoca vittoriana. Lì la trama è più scoppiettante, l’ambientazione è più variegata e i colpi di scena sono moltissimi. Questo è più intimista, la vita della protagonista trascorre in giornate apparentemente “normali” e in un circoscritto spazio d’azione. Mi sono piaciuti moltissimo entrambi i romanzi. Ma direi che mentre Ladra ti coinvolge più che altro per l’ottima suspense, Affinità ti convolge di più sul piano emotivo e quindi alla lunga ti rimane più impresso. In ogni modo la Waters è una bravissima scrittrice.

  • User Icon

    Dodo

    04/05/2005 20.33.40

    Inizialmente la stesura sembra frivola, ma dopo le solite presentazioni la storia diventa coinvolgente e trascinante,pur di finirlo non sono andata a dormire ieri, il finale è amaro ma originale e ti lascia uno strano sapore in bocca. La protagonista sembra a tratti (grandi tratti) Emma Bovary nel pieno della sua follia e delle sue crisi per mancanza d'affetto. Il patos è bello ed è un dispiacere interrompere la lettura, anche se magari la storia è un pò... Sintetizzando il tutto: Madame Bovary ha cambiato sponda ed è diventata ancora più debole

  • User Icon

    isabella

    18/04/2005 10.12.15

    Finito di leggere ieri mattina. Margaret Prior, zitellona in cerca d'amore da dovunque esso provenga finisce con l'esserne vittima. Da leggere

  • User Icon

    alba60

    27/01/2005 22.00.48

    L'ho trovato banale, una scrittura casalinga senza alcun mordente. Pietosa la figura della Prior, coinvolta e sconvolta e davvero priva di fascino la sua amica di cui ho anche dimenticato il nome, che non riesce a suscitare passione e resta schiacciata sul fondo, fluttuante come doveva essere ma tanto da essere dimenticata. Non mi sento di leggere altro di questa scrittrice

  • User Icon

    Dario

    11/01/2005 08.28.09

    Ottimo libro di cupa atmosfera che riesce a risultare appassionante come un thriller con il solo ritratto psicologico delle protagoniste. La Waters è bravissima - anche il suo "Ladra" merita davvero - nel ricreare il flair vittoriano tanto di moda al momento.

  • User Icon

    G. Bragadini - da Gazzetta di Parma del 14/12/04

    14/12/2004 10.33.09

    Margaret Prior ha qualche problema: insignificante trentenne da sempre in secondo piano rispetto al fratello (che ha avuto la possibilità di laurearsi in quanto maschio) e alla bellissima sorella minore (in procinto di maritarsi con un buon partito), è reduce da due anni di esaurimento con tentato suicidio, causato dalla morte dell’amatissimo padre e dalla perdita dell’amante, Helen (rientrata nella “normalità” sposando a sorpresa proprio il fratello di Margaret). Come si addice alle zitelle perbene della Londra vittoriana, la signorina Prior è destinata a fare da assistente e dama di compagnia alla madre per il resto dei suoi giorni. Emotivamente fragile, dipendente da cloralio e laudano, per tirarsi su di morale Margaret decide di darsi al volontariato e va a far visita alle sventurate recluse della tetra prigione di Millbank: qui incontra la giovane Selina Dawes, seducente spiritista accusata di truffa e aggressione. La ragazza borghese prenderà come specchio della propria infelicità la popolana Selina, elevandola a possibilità di vita altra senza tener conto dell’astuzia di chi dalla vita ha avuto poco. Romanzo della pluripremiata Sarah Waters edito da Ponte alle Grazie, “Affinità” è giocato sull’ambiguità e sul non detto, protagonista il dubbio che da subito prende il lettore: Selina ci fa o ci è? Storia d’amore e di mistero in salsa gotica costruita su una trama semplice che riserva alle ultime pagine le rivelazioni eclatanti (facilmente intuibili) e sviluppata attraverso i diari incrociati delle due protagoniste, “Affinità” è un romanzo ad alta densità femminile e femminista, dove la debole Margaret viene riscattata da una quantità di coraggio sufficiente a tentare la fuga da un mondo che non la capisce e da un destino segnato; la narrazione mostra i suoi lati migliori nei particolari descrittivi, nelle atmosfere neo vittoriane, nelle relazioni tra i personaggi e in una sensualità esplicita quanto basta. Non lasciatevi ingannare da chi lo presenta come thriller: non succede praticamente niente.

Vedi tutte le 22 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione