Quaderni fiorentini per la storia del pensiero giuridico moderno vol. 33-34: L'Europa e gli «altri». Il diritto coloniale fra Otto e Novecento

Editore: Giuffrè
Anno edizione: 2005
In commercio dal: 1 gennaio 2005
Tipo: Periodico
Pagine: 2 voll., 1408 p.
  • EAN: 9788814120466
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 110,50

€ 130,00

Risparmi € 19,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

111 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Che ruolo ha svolto il diritto nell' esperienza coloniale degli Stati europei? Il diritto era un inutile lusso in un conflitto che divampava in Europa ma aveva il mondo come posta in gioco oppure esso svolgeva il ruolo di una pedina insostituibile in quella partita violenta e decisiva? E se al diritto il dominio coloniale (come ogni dominio) non poteva non ricorrere, che cosa avveniva nel passaggio dalla 'metropoli' alla ""colonia""? Erano le stesse regole e gli stessi principi a valere immutabili ovunque oppure nel passaggio dal ""centro"" . alle zone ""esterne"", dall'Europa dominante alle società dominate, il diritto subiva torsioni e trasformazioni impreviste? A quali istituzioni, regole, pratiche giuridiche ricorreva il dominio coloniale? E quali erano i concetti giuridici funzionali all'impresa coloniale, quale era, insomma, la cultura giuridica della colonizzazione?
A queste e ad altre domande l'opera tenta di dare delle risposte.