Categorie
Editore: Bompiani
Anno edizione: 2014
Pagine: 58 p., Brossura
  • EAN: 9788845275555
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 3,78

€ 5,25

€ 7,00

Risparmi € 1,75 (25%)

Venduto e spedito da IBS

5 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    alida airaghi

    05/09/2014 06.57.12

    "Il potere ha sempre bisogno del segreto...Secretare è una delle prerogative essenziali del potere. Secretare, coprire, cancellare, rendere irreperibile la verità". La verità, che secondo il Vangelo dovrebbe renderci liberi. Cosa c'è di più pericoloso della libertà umana per il Moloch inamovibile e inscalfibile del potere? Claudio Magris indaga, in questo libriccino suddiviso in sei capitoli, su cosa abbia significato e significhi il segreto nelle vite private e nella sfera politica di ogni società: quali pericolose o sovversive trame possa nascondere, quali coperture mimetizzare, quanti errori seppellire. I segreti della storia italiana più recente (da Ustica alla strategia della tensione, dagli scandali finanziari a quelli religiosi) sono rimasti tali per decenni, e forse lo rimarranno per sempre: o almeno fino a quando diventeranno inoffensivi, non più in grado di nuocere. Per rimanere minaccioso, per continuare a fare paura "è necessario che il segreto, qualsiasi esso sia, diventi il Sacro, l'Ineffabile e l'Inconoscibile; una verità superiore accessibile soltanto agli iniziati, a chi è autorizzato da una misteriosa, divina autorità superiore a conoscerlo e a impedirne la conoscenza al volgo". Che tuttavia avrebbe pieno diritto di mantenere per sé i suoi fatti personali, senza dover essere sospettato di chissà quali nefandezze o reati. Così capita che si circondi di un'aura di sospetto e diffidenza qualsiasi naturale ed encomiabile desiderio di riservatezza, quando oggi sembra addirittura doveroso esporre platealmente ogni aspetto fisico e caratteriale del proprio vissuto. Magris rivendica il diritto individuale "all'opacità, a non essere passato da parte a parte...dai raggi X di alcuna conoscenza globale", e alla "umanissima difesa della propria libertà, di un proprio spazio in cui essere liberi da tutto e da tutti, anche dalla persona amata, anche da se stessi". Se la comunicazione diviene espropriazione dell'altrui esistenza, scade nel voyeurismo.

Scrivi una recensione