copertina

Allegria

Giuseppe Ungaretti

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Geoffrey Brock
Editore: Steerforth Press
Formato: EPUB con DRM
Testo in en
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
  • EAN: 9781939810656

€ 11,22

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Geoffrey Brock, whose translations have won him Poetry magazine's John Frederick Nims Memorial Prize and a Guggenheim Fellowship, finally does justice to these slim, concentrated verses in his English translation, alongside Ungaretti's Italian originals.

Famed for his brevity, Giuseppe Ungaretti's early poems swing nimbly from the coarse matter of tram wires, alleyways, quails in bushes, and hotel landladies to the mystic shiver of pure abstraction. These are the kinds of poems that, through their numinous clarity and shifting intimations, can make a poetry-lover of the most stone-faced non-believer. Ungaretti won multiple prizes for his poetry, including the 1970 Neustadt International Prize for Literature. He was a major proponent of the Hermetic style, which proposed a poetry in which the sounds of words were of equal import to their meanings. This auditory awareness echoes through Brock's hair-raising translations, where a man holding vigil with his dead, open-mouthed comrade, says, "I have never felt / so fastened / to life."

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Giuseppe Ungaretti Cover

    LA VITA E LE OPERE. Figlio di genitori lucchesi, trascorse in Africa gli anni dell’infanzia e dell’adolescenza. Determinante fu il soggiorno a Parigi, dove U. si trasferì nel 1912 e dove frequentò alcuni dei personaggi più notevoli della cultura francese (Apollinaire, Breton, Derain, Braque, Picasso) e anche scrittori italiani che di Parigi avevano fatto in quegli anni la loro seconda patria, come Soffici, Palazzeschi, Savinio. Attraverso questi ultimi U. stabilì un contatto forse non profondo, ma certo significativo, col futurismo italiano, ed è infatti sulla rivista futurista «Lacerba» che vennero pubblicate in Italia le sue prime poesie. Tornato in Italia nel ’14, U. si abilitò all’insegnamento del francese e,... Approfondisci
Note legali