L' ambientalista ragionevole. Confessioni di un fuoriuscito da Greenpeace

Patrick Moore

Traduttore: G. Gallo
Editore: Dalai Editore
Collana: I saggi
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 31 maggio 2011
Pagine: 501 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788866201106
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Descrizione
Alla sua nascita quella che sarebbe divenuta Greenpeace era solo un gruppetto di giovani idealisti che protestavano contro gli esperimenti nucleari americani in Alaska. L'epoca hippy era al suo apice, così come l'incubo atomico. In capo a dieci anni quel gruppetto avrebbe formato la più grande, radicata e influente associazione ambientalista del mondo, combattendo battaglie contro la caccia alle balene e le foche, dotandosi di navi e gommoni con cui contrastare le potenti flotte di baleniere di mezzo mondo, come ancora oggi vediamo in tv. Ma a metà degli anni Ottanta l'ideologia prese il sopravvento e le battaglie cambiarono natura. Questo libro è il racconto in prima persona di un ambientalista controcorrente e anticonformista che, dopo aver partecipato alla fondazione di Greenpeace nel 1971 ed esserne stato uno dei massimi promotori e dirigenti, ne è uscito quindici anni dopo per abbracciare una diversa visione dell'ambientalismo. Patrick Moore spiega le ragioni del suo dissenso e della sua fuoriuscita dalla famosa organizzazione pacifista. Ma soprattutto affronta tutte le grandi questioni che inquietano la coscienza contemporanea: dall'energia nucleare ai cambiamenti climatici, dagli organismi geneticamente modificati alla biodiversità...

€ 11,50

€ 23,00

Risparmi € 11,50 (50%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Matteo

    02/02/2012 13:39:06

    Siamo di fronte ad un testo che distrugge i nostri pensieri e le certezze. Confuta praticamente ogni "cavallo di battaglia" degli ambientalisti. Parte dalla sua infanzia, passa per le imprese di greenpeace e i vecchi ideali e arriva al presente sempre con il pensiero verso il futuro. Avvalora e spiega ogni sua tesi screditando con la logica e la razionalità quelle altrui. Scritto in modo semplice e diretto, è scorrevole, gradevole e incisivo. Finalmente qualcuno che si espone e dice "cosa fare" e non si unisce agli altri dicendo "cosa non fare".

Scrivi una recensione