Un anno per un giorno - Massimo Bisotti - copertina

Un anno per un giorno

Massimo Bisotti

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Mondadori
Collana: Omnibus
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 10 maggio 2016
Pagine: 232 p., Brossura
  • EAN: 9788804661818
Salvato in 97 liste dei desideri

€ 8,64

€ 16,00
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


"Noi amiamo essenzialmente quello che ci manca"

Alex Gioia è uno dei più famosi cantanti italiani. La sua vita, baciata dal successo, è attraversata da un cruccio che lo tormenta: non aver potuto vivere fino in fondo la sua storia d'amore con Greta, una ragazza più giovane di lui, conosciuta durante un evento a Napoli. Alex e Greta si sono rincorsi, si sono sfiorati, ma il momento per loro non è stato mai quello giusto. Da qualche tempo Alex si è trasferito a Parigi, per riprendere fiato in una città in cui non conosce nessuno e nessuno lo conosce, per ritrovare la sua ispirazione perduta. Un giorno, in metrò, si incuriosisce osservando una donna che scende sempre a fermate diverse con persone diverse, facendo delle bolle di sapone. Ne resta affascinato, si presenta e si ritrovano a parlare di occasioni mancate e di rimpianti. Improvvisamente Nirvana, questo è il nome della ragazza, offre ad Alex un dono: un tubo di bolle di sapone. Un tubo magico, gli spiega, e ogni volta che soffierà potrà tornare a un giorno del suo passato, e cambiarlo. Ma ogni viaggio avrà un prezzo. Per ogni tentativo fatto per tornare indietro nel tempo, Alex dovrà dare in cambio un arino della sua vita. Un anno per un giorno. Alex torna all'albergo in cui vive, credendo sia uno scherzo. Finché, ripensando a Greta, non osserva il tubo e viene preso dalla voglia di soffiare. E se Nirvana avesse detto la verità? Se davvero il passato si potesse cambiare?
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2,29
di 5
Totale 14
5
1
4
1
3
3
2
5
1
4
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    sissi

    21/09/2018 19:53:54

    Tendo a precisare che è il primo libro che leggo di questo autore; detto ció non mi ha colpito particolarmente, perchè e troppo pieno di monologhi e frasi fatte, che possono essere d'impatto per chi cerca storie tanto romantiche, ma non per chi ricerca storie sorprendenti e più ancorate alla realtà. In ogni caso ho apprezzato la storia di fondo anche se un pó troppo fantasiosa e romantica. Lo consiglio soprattutto per le persone perdutamente romantiche.

  • User Icon

    Marika

    20/09/2018 21:28:01

    Ci ho messo un po' a considerare questo libro, un bel libro. Tuttavia ho deciso di continuarlo a leggere e non me ne sono pentita.

  • User Icon

    Viktoria35

    19/09/2018 13:47:14

    Dopo aver letto La luna blu e tutti gli altri romanzi di Massimo Bisotti non potevo perdermi Un anno per un giorno. Il libro racconta la storia di un cantante e del suo amore perduto, del suo desiderio di riveverlo e di riaverlo che gli fa perdere il senso del presente. La parte più bella di Massimo é quella di saper descrivere nei propri romanzi sensazioni , riflessioni,paure e situazioni provate da tutti che riescono a coinvolgenti in un modo impressionante e inducono a rileggere parti del romanzo per immedesimarsi in esso.

  • User Icon

    Giusy

    19/09/2018 10:39:05

    Ho intrapreso la lettura di questo libro spinta da forti aspettative. L'ho terminato a fatica e fortemente delusa. Una scrittura che punta molto a frasi ben costruite, un po' artificiose. Riflessivo sul senso dell'amore e della vita che sfocia però nello smielato.

  • User Icon

    Veronica

    23/08/2017 12:35:27

    E se invece che romanzo lo si considerasse un saggio? La trama è banale, poco articolata e piuttosto melensa, ma Bisotti sa scrivere bene, sa esprimere in modo limpido e disarmante ogni piccola paura, sentimento, consapevolezza, con una semplicità che nessuno ha. Ecco quindi che considerandolo un saggio sulla capacità di amare incondizionatamente e di cedere alla persona amata il bene più prezioso, il tempo, beh allora Bisotti è davvero il miglio! Ne consiglio una lettura non tanto concentrata sulla storia ma sui sentimenti di un uomo che si spoglia pian piano delle sue difese...cosa ne resta? Una persona da cui ognuno vorrebbe essere amato.

  • User Icon

    cristina

    23/06/2017 10:28:38

    Uno fra i pochi libri che non sono riuscita a terminare, gli ho dato fiducia fino a pag. 65 e poi mi sono detta che non aveva nessun senso sprecare ulteriore tempo. I personaggi sembrano quelli dei cartoni animati, estranei che si incontrano per strada e si mettono a parlare dei massimi sistemi della vita come se fosse del tutto normale, per poi andare anche a pranzo insieme. Stendiamo un velo pietoso sulle bolle di sapone/macchina del tempo: nemmeno un bambino di 4 anni avrebbe elaborato una trovata del genere (che tra l'altro non ci viene nemmeno descritta bene, cioè Bisotti, cos'è che succede esattamente? Boh). Una battuta di dialogo di un rigo è seguita da uno sproloquio filosofico sulla vita e l'amore di una pagina. E' così per tutto il romanzo, almeno fino a pag. 65 dove appunto ho alzato le mani e posto fine al masochismo intellettivo che mi stavo infliggendo. Ma come si fa a pubblicare storie del genere?

  • User Icon

    Stefania

    08/06/2017 14:05:02

    Che peccato!!!!!! Buona l'idea, apprezzabile il tentativo di evidenziare quanto sia importante vivere il proprio tempo senza scuparlo con inutili rimpianti. Poco realistica la storia e finale un pochino banale..... ma la cosa peggiore del libro è il continuo ripetersi di questi dialoghi (interiori ed esteriori) del protagonista che ripete un milione di volte le stesse cose..... la prima è romantico, la seconda è carino.... ma dalla terza in poi ti viene voglia di prenderlo a schiaffi. Peccato veramente..... mi dispiace addirittura di aver consigliato questo libro ad un'amica dopo le prime pagine..... tanta fatica a finirlo!

  • User Icon

    Vincenzo

    20/03/2017 20:26:21

    Devo purtroppo unirmi al coro di coloro che fanno fatica ad arrivare alla fine del libro.Sembra quasi che l'autore abbia spalmato le sue considerazioni sulla vita e sull'amore tra i vari personaggi, ma alla fine è solo lui che parla e solo di se stesso. Narcisismo puro e voglia di parlarsi addosso.

  • User Icon

    Jodie

    22/02/2017 08:20:21

    Mentre lo leggevo mi sono fatta prendere dalla storia e l'ho trovato ispirante, soprattutto per i contenuti "alla Bisotti" (frasi di grande impatto, riflessive, ecc). Ora che ci ripenso però mi chiedo: cosa caspiterina ho letto? Cosa mi è rimasto di questo libro? Il nulla... Confusionario, visionario, utopico, surreale. Finale ridicolo, troppo smieloso e scontato. La letteratura è anche arte, ma qui si sfora un tantino troppo. Sconsiglio.

  • User Icon

    Sembrava carino ma..

    06/01/2017 02:49:24

    Ho iniziato a leggere questo romanzo senza alte aspettative, ed è stato meglio cosí. Ho fatto molta fatica a finirlo, noioso e confuso, con una storia povera di dettagli sia riguardo alla "storia d'amore" (per quanto si possa chiamare tale) dei due protagonisti, sia per quanto riguarda la descrizione dei personaggi che a parer mio è quasi inesistente. Sembra quasi che lo scrittore abbia fretta di eliminare praticamente ogni dettaglio che possa far comprendere piú chiaramente ciò che sta succedendo per buttar dentro alla storia lunghi poemi filosofici che non arrivano quasi mai ad un vero significato. Forse non l'ho capito io, o forse non c'è proprio nulla da capire..

  • User Icon

    Serafina M.

    05/01/2017 16:01:46

    Melenso, noiosino. Tante belle frasi che - prese singolarmente - sono piacevoli da leggere, ma nel contesto del libro sono fini a sé stesse. Pensavo meglio

  • User Icon

    Luisa

    24/12/2016 18:58:13

    Più che un romanzo, è una favola. La prosa si intreccia con la poesia nel racconto di un amore idilliaco, surreale, senza tempo e senza età. ... Questo è quello che ho pensato dopo le prime 15 pagine; vogliosa di andare avanti. ... Ma oltrepassata pag. 50, tutta questa finta poesia annoia da morire! Mi spiace, ma non sono riuscita ad arrivare alla fine: troppo smielato e troppa psicologia spicciola da 4 soldi. Abbastanza deludente!!!

  • User Icon

    Federica

    08/11/2016 10:59:54

    L'ho acquistato con grande entusiasmo e buone aspettative ma, purtroppo, proprio non sono riuscita a terminarlo....noioso, surreale, descrive secondo me un grande amore inesistente, tenta un approccio troppo tecnico/psicologico da manuale.

  • User Icon

    Egome

    11/07/2016 16:13:49

    All'inizio sembra una favola: soffiare nel tubo delle bolle di sapone donato da un misterioso personaggio, Nirvana, per tornare al passato e possibilmente modificarlo, al costo di un anno di vita perduto per un giorno rivissuto. Roba da lampada di Aladino ... Alex ci prova e ci riprova , per recuperare la sua amata Greta, prima che vada a nozze con un altro. La cosa non risulta però così facile e scontata, e nasconde imprevisti in grado di condizionare pesantemente il presente stesso di Alex, la sua storia familiare, il suo successo come affermato cantante. Finale interessante, a sorpresa. Il libro però va consigliato e letto per gli spunti e gli approfondimenti sui temi psicologici, affrontati con profonda introspezione: i conflitti, le riflessioni del protagonista trovano facile ospitalità nell'animo di ciscuno di noi, per riferimenti ad esperienze personali vissute o ancora in corso. Molto belli anche il prologo e i ringraziamenti finali dell' autore, intensi e toccanti, non i soliti e scontati 'inizio e fine-racconto'. Bravo Bisotti e ... mai #controcuore !

Vedi tutte le 14 recensioni cliente
  • Massimo Bisotti Cover

    Massimo Bisotti è nato e vive a Roma, ha studiato Lettere, suona il pianoforte ed è appassionato di psicologia. Dice di sé di avere iniziato a scrivere perché le sue parole rimarginassero le ferite e si chiudessero in cicatrici. Nel 2012 ha pubblicato il suo romanzo di esordio La luna blu (prima edizione Psiconline, seconda edizione 2013 Ultranovel), che è stato uno dei casi editoriali dell'anno. Il successo è stato confermato dal romanzo seguente, Il quadro mai dipinto (Mondadori 2014). Nel 2016 è uscito Un anno per un giorno (Mondadori). Approfondisci
Note legali