L' armata invincibile

Simon Scarrow

Traduttore: R. Prencipe
Editore: Newton Compton
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 1 marzo 2018
Pagine: 383 p., Rilegato
  • EAN: 9788822714503
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Una nuova minaccia arriva dai Pirenei. Riuscirà Roma a domare l'ultima privincia ribelle?

«Una prosa incalzante e una profonda conoscenza della storia antica»Daily Mail

«Ogni nuovo capitolo della lunga serie di Scarrow sull'esercito romano è come sempre un grande piacere»The Times

«Simon Scarrow ha saputo cogliere e raccontare il fascino di certi momenti storici. Quelli in cui il corso degli eventi determina per sempre il futuro»Il Giornale

54 d.C. Le milizie romane sono disposte lungo tutti i confini del gigantesco impero: dal Mediterraneo al Mare del Nord, dall’Atlantico alle rive del Nilo. Roma ha brutalmente imposto il suo dominio e le sue legioni sono l’arma più efficiente e letale di tutto il mondo conosciuto. Due veterani esperti, il prefetto Catone e il centurione Macrone, sono sopravvissuti alle sanguinose campagne in Britannia e vengono finalmente richiamati a Roma. Ma il tempo trascorso in seno alla città della politica è breve, perché vengono nuovamente inviati con la guardia pretoriana in Spagna, l’indomita colonia nella quale i nativi ancora si ribellano al dominio imperiale, alimentando le tensioni. La nuova sfida che i due vecchi amici dovranno affrontare è diversa da qualunque cosa si siano mai trovati davanti: perché stanno per raggiungere una terra che è definita “indomabile”...

Periodo/Luogo/Soggetto: I sec., Impero romano.

€ 9,00

€ 12,00

Risparmi € 3,00 (25%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giuseppe

    20/09/2018 09:07:11

    Il prefetto Catone e il centurione Macrone ancora una volta insieme in missione ai confini dell'Impero. Questa volta vengono inviati, al seguito del legato Vitellio, a sedare una grave ribellione in Hiberia, provincia dalla quale Roma trae ingenti risorse in messi e metalli preziosi. Ed è proprio nella difesa di un'importante miniera d'argento che i due legionari dovranno rischiare il tutto per tutto, mentr a roma le sorti dell'Impero sono in continuo mutamento... Un romanzo storico accurato ed emozionante nel tipico stile Scarrow

  • User Icon

    Simone

    18/09/2018 18:38:50

    Romanzo storico veramente avvincente. Ti tiene sempre con il fiato sospeso e non annoia. Scritto in un linguaggio semplice, non richiede particolari nozioni di storia. Adatto anche ai più giovani!!

  • User Icon

    n.d.

    15/05/2018 18:16:31

    Libro consigliato agli appassionati del genere.

  • User Icon

    Alessandro

    14/04/2018 14:43:20

    Notevole. Apparentemente non sembra altro che l’ennesima missione; in realtà è un capitolo con diversi ribaltamenti e colpi di scena, sia sulla singola vita dei protagonisti sia per l’intero impero. Le battaglie di quest’autore sono semplicemente ottime e appassionanti. Però sarà almeno la quinta volta che vediamo Catone e Macrone stretti d’assedio, non sarebbe male vederli nelle vesti degli assedianti (senza però risolvere la faccenda in un solo assalto). Come sempre un’ambientazione eccezionale. Finalmente vediamo la Spagna, ora spero che Scarrow ci porti in Africa, lungo il Danubio, magari di nuovo sul Reno. Molto dettagliata e forte la realtà degli schiavi, anche se è importante far notare che molti di loro erano criminali o nemici di Roma. Ad ogni modo si mettono bene in luce alcuni degli aspetti più negativi della dominazione romana sulle province, tanto che Catone arriva a mettere in dubbio la giustizia dell’operato romano. Si consola dicendo, come molti romani, che alla fine i difetti del loro impero fossero ben poca cosa rispetto ai benefici portati dal suo ordine, soprattutto se paragonati alla barbarie di certi popoli come i celti. In questo ha ragione, tuttavia la scelta non era limitata tra il mondo barbarico e quello romano, c’era una terza alternativa: l’organizzato mondo delle monarchie orientali, come l’Impero Partico o il futuro Impero Sassanide. Ci viene offerta un’interessante descrizione della Guardia Pretoriana. Sembrerà stupido ma apprezzo molto che finalmente qualcuno precisi che i pretoriani vestivano di bianco e non di blu, convinzione diffusasi grazie qualche stupido film. Però non mi ha coinvolto quanto altri capitoli della saga, quindi ero indeciso tra quattro o cinque stelle. E tanto per essere precisi Claudio decise di graziare Carataco perché colpito dal suo valore e quindi di sua iniziativa. Non mi è mai piaciuto il dipinto fatto di Claudio da Scarrow

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione