Categorie

Agente Italiano

Editore: Aliberti
Anno edizione: 2006
Pagine: 252 p. , Brossura
  • EAN: 9788874241712

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Antonio.

    07/09/2013 12.45.55

    Il libro sarà anche interessante,ma le cose scritte assolutamente false. Le schede bianche sono rimaste basse pure nel 2008 e nel 2013 col CDXEuro fuori da ministero. Solo 485000 nel 2008 e solo 395000 nel 2013. Fosse come dice l'Agente Italiano senza Berlusconi al ministero a fare fantomatici brogli dovevano tornare a crescere,ma non è stato così.

  • User Icon

    mario

    14/12/2006 18.31.45

    il libro è intrigante e per certi versi anche convincente, pur essendo fondato su deduzioni ed ipotesi. non mi è piaciuto lo stile di scrittura infarcita di dialoghi spesso inutili che creano confusione e difficoltà nel seguire lo sviluppo della vicenda.

  • User Icon

    Gianmarco

    14/12/2006 18.06.55

    La storia è molto interessante, lo stile non è sempre convincente. Sicuramente un libro da leggere per capire che la democrazia, anche in un paese come il nostro, può essere messa in discussione da un momento all'altro e senza grosse difficoltà.

  • User Icon

    Donatella

    12/12/2006 11.24.55

    La storia è intrigante... lo stile in cui è scritto il libro un po' meno: se non fossi stata particolaermente interessata all'argomento avrei fatto fatica ad arrivare sino in fondo.

  • User Icon

    marco

    27/11/2006 23.12.56

    Mi ha lasciato indifferente. Ma la cosa che più mi fa pensare è che questo libro lo vendono! ahahah! ci vogliono fare soldi? ma per favore, se Agente volesse fare veramente informazione, lo avrebbe dovuto mettere online su internet, in pdf magari. Fa ridere ai polli questa cosa (non il contenuto del libro). idem per il video di Deaglio.

  • User Icon

    Mauro Giordano

    13/11/2006 23.52.44

    Romanzo istantaneo sicuramente interessante e pieno di spunti. Ancor più interessante (per certi versi sconvolgente) ho trovato però la continuazione del Romanzo: Il Broglio: la soluzione, che è però stato scritto da un altro autore e che prende le mosse proprio da questo Romanzo per svelare se e come è avvenuto il broglio elettorale alle elezioni politiche.

  • User Icon

    Silvia

    05/09/2006 12.07.11

    Ho letto il broglio e sono stata molto delusa. So che quello che lì viene raccontato non è invenzione, ma assolutamente vero. Non ho però apprezzato nè la scrittura (brutta) nè l'invenzione letteraria che oscura qualcosa di realmente accaduto ed è costruita in maniera confusa. Avrei preferito qualcosa di più asciutto e che non lasciasse così tanto il dubbio che si tratta di un racconto di fantasia.

  • User Icon

    albi

    16/07/2006 21.34.09

    Lettottuttodunfiato. Speriamo che sia solo un modesto giallo, perchè se fosse vero che le elezioni sono state truccate, allora sì che ci sarebbe da preoccuparsi. Eppure i dati citati, la scomparsa delle schede bianche, alcune strane coincidenze, sono davvero inquietanti. Speriamo che sia solo un giallo.

  • User Icon

    Alessio

    08/07/2006 16.43.08

    E' bello :scritto in maniera puntuale e coinvolgente, predilige la paratassi ma non stanca, noir col lanternino.

  • User Icon

    pummarulella

    18/06/2006 12.16.47

    La cosa che non mi convince del libro è che il kaimano sia stato fermato dai democristianoni. Per due motivi. Il kaimano non si arebbe fatto fermare. Se i democristianoni avessero avuto documenti per ricattarlo se lo sarebbere tolti dalle balle, sapendo che la destra non ha riomontato per la sua capacità mediatica, ma solo grazie a i brogli. Piuttosto sono delle'idea che qualcosa sia andato storto...magari la fretta ha fatto fare male i conti( cosa che capita spesso in questa detsra incolta che ha sbagliato anche le leggia d personam!), qualche funzionaro ha sgamato la cosa e , nell'anonimato, ci ha messo una pezza...o ha gettato una chiave inglese nell'ingranaggio.... Ma che ci sia stato un tentativo non ci piove.. E se non si legge l'uscita strana di Fassino la notte dello spaoglio in tal senso, fa pensare il silenzio della sinistra. Ma se anche loro sanno qualcosa perchè non denunciano , almeno per pararasi il culo nel caso si andasse al riconteggio? Se il Kaimano vuole tanto il riconteggio sa che da li esce qualcosa, lui ha gridato al broglio, e qualunque cosa uscisse si dirà " Aveva ragione". A quel punto inevitabile rtornare a votare coin il berluska nel ruolo di vittima e la sinistra in quella dei truffatori.

  • User Icon

    Franco

    15/06/2006 14.05.00

    Per me il broglio è stata una vera illuminazione: ho aperto la finestra e sto per lanciarmi, pensando al fatto che non riuscirò a emigrare da questo paese entro breve. Viva il Ghana.

  • User Icon

    Achille

    15/06/2006 11.31.52

    L'ho comprato dopo averne letto dappertutto, la Repubblica, l'Espresso... E' un'idea nuova, questa del romanzo simultaneo, e il fatto che sia forse vero e forse no, forse attendibile e forse no e (fondamentale) anonimo, non fa che accrescerne l'appeal. Ci sono proprio tutti, i politici e i giornalisti più noti, e ci catapulta in un mondo davanti agli occhi di tutti ma praticamente sconosciuto: quello delle relazioni stampa/politica, delle telefonate a porta chiusa, della selezione delle notizie, della creazione degli eventi. Va letto, per scoprire che c'è una faccia nascosta del mondo, e che, ancora una volta forse, le cose possono non essere proprio come sembrano...

  • User Icon

    funicelli

    14/06/2006 10.57.48

    Come lo vogliamo chiamare? Un'inchiesta portata avanti da giornalisti che vogliono rimanere anonimi? Un giallo di fantapolitica che racconta fatti inventati (e solo verosimili)? Un romanzo di attualità ... Il libro mostra racconta una storia incredibile: la storia del broglio (alle elezioni del 9 aprile 2006). Potete crederci, al broglio, oppure potete fare come sta facendo la sinistra adesso. Finta di niente, e pensare che questa, per dirla alla Lucarelli, è una storia che non è mai esistita.Il broglio è un "romanzo simultaneo" con più personaggi, dai politici (il Tycoon-Berlusconi e il Curato/Prodi) ai giornalisti (le cui testate sono celate da nomi di comodo, come Diorama per il Corriere e La Pagina anzichè il Foglio di Ferrara). Leggetevi il libro: rimane una strana sensazione alla fine. Sarà vero? E' la solita fantapolitica che vede complotti dietro tutto? Se è falso, bene. Ma se fosse? ...

Vedi tutte le 13 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione