Traduttore: M. Campagnoli
Curatore: C. L. Haven
Editore: Adelphi
Anno edizione: 2015
Pagine: 314 p., Brossura
  • EAN: 9788845930218
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Come nasce la poesia? Di quale misterioso lavoro è l'esito? E qual è il suo compito? Chiunque si sia posto, almeno una volta, domande del genere potrà finalmente trovare in queste interviste - che coprono l'intero arco della vita di Brodskij in esilio, dall'inizio degli anni Settanta fino a poche settimane prima della morte improvvisa, avvenuta a New York nel 1996 - risposte di un'audace limpidezza. Scoprirà così che la poesia è "uno straordinario acceleratore mentale", "lo scopo antropologico, o genetico" della nostra specie, e che non vi è strumento migliore per "mostrare alla gente la visione reale della scala delle cose". Scoprirà, poi, che quelli che ha sempre ritenuto imperscrutabili artifici tecnici - gli schemi metrici ad esempio sono in realtà "formule magiche", "magneti spirituali", capaci di incidere profondamente sulla poesia, al punto che un contenuto moderno espresso secondo una forma fissa (un sonetto, per intenderci) può sconvolgere quanto "una macchina che sfreccia contromano in autostrada". Per di più Brodskij sa illuminare anche il lavoro dei poeti che amava - Auden, Frost, Kavafis, Mandel'stam, Achmatova, Cvetaeva, Milosz, Herbert, per limitarci ai contemporanei - con una lucidità mai disgiunta da una vibrante partecipazione: "Non mi capita spesso di leggere qualcosa che mi dia una gioia così intensa come quella che mi dà Auden. È vera gioia, e con gioia non intendo un semplice piacere, perché la gioia è qualcosa di molto oscuro".

€ 17,00

€ 20,00

Risparmi € 3,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 19,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    16/11/2015 08:07:10

    La poesia è la clemenza incarnata in parola, qualcosa come un perdono che parte da lontano, da baie o alture che scrutano il dentro di ogni uomo, i suoi tormenti, le sue cadenze e i suoi dubbi, e lo attraversano, lo invitano ad ascolti unici, lo amano di quel calore che è solitaria carezza di silenzio e che a sua volta diviene pane interiore nei germogli di un verso, di un canto d'amore. Non saprei trovare altro assunto per omaggiare questo testo, che pur dentro il nobile recinto di varie interviste è la biografia dialogata di un uomo anzitutto, e poi (ma tanta distanza in definitiva non c'è) di un poeta, uno fra gli otto dieci grandi poeti che ci ha donato il secondo Novecento. Un percorso finito presto, troppo presto, nelle secche di polmoni malati, nel vento veneziano che soffierà sempre sul suo nome le sillabe dell'eterno quando l'eterno ringrazia l'essere umano, nelle vene e nei polsi di un destino che ha saputo rovesciare in albe e in fregi, in perfette malinconie e in amari commiati le sue tante stazioni di vita. Libro di debiti e stima immensa verso altri poeti (li conosciamo, Auden, Herbert, Cvetaeva), libro di fastidi sinceri e ironici rimandi, nell'idea che tutto il mistero dell'universo poetico sia l'irrisolvibile trucco nel quale la parola dimora e illumina, salva e incanta nella sua essenza tutta, regno e forza, traino e volto di una biografia, più che la vita stessa. Tanto il poeta rimarrà comunque un esule, una creatura la cui tessitura di dentro, il cui midollo naturale è un altrove senza cartine. Solo immagini allora a scandirsi e a sciogliere la presa sulla parola: "Molto spesso non hai nessuna immagine in testa, e a essere sincero non hai nemmeno nulla da dire. Le immagini e tutto il resto sono suggerite dalla lingua, nel suo processo di dispiegamento". Un consegnarsi alla propria coscienza, fino ai limiti invitanti e curiosi dell'ultimo viaggio; libro magnifico, luce di un animo rarissimo nel secolo in cui è piovuto sangue da ogni parte.

Scrivi una recensione

Introduzione di Cynthia L. Haven
Cronologia

CONVERSAZIONI
Una conversazione con Iosif Brodskij
Intervista a Iosif Brodskij. Di Michael Scammell
La Musa in esilio: conversazione con il poeta
Un poeta traccia la mappa delle sue poesie
Un poeta in esilio: Iosif Brodskij
Domande e risposte dopo la lettura pubblica di Brodskij (21 febbraio 1978)
Intervista a Iosif Brodskij. Di Eva Burch e David Chin
L'arte della poesia XXVIII: Iosif Brodskij
Esiliato
Un'intervista a Iosif Brodskij. Di David Montenegro
Intervista a Iosif Brodskij. Di Missy Daniel
L'estetica è la madre dell'etica
Iosif Brodskij: il poeta e la poesia
Iosif Brodskij: un'intervista
Iosif Brodskij, «La mia vita è un'astronave»
Un'intervista a Iosif Brodskij. Di Blair Ewing
Sulle due sponde dell'Oceano
Iosif Brodskij risponde alle domande di «The Argotist»
Un'intervista a Iosif Brodskij. Di Elizabeth Elam Roth
Fonti