Curse on Dostoevsky

Curse on Dostoevsky

Atiq Rahimi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Random House
Formato: EPUB con DRM
Testo in en
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 410,61 KB
  • EAN: 9781448105205

€ 11,99

Punti Premium: 12

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

For every crime, there must be a punishment.

Rassoul’s world consists of little more than a squalid rented room – strewn with books by Dostoevsky, relics from his days as a student of Russian Literature at Leningrad – and his beloved fiancée Sophia, for whom he would do anything.

So when he finds himself committing a murder, axe in hand, as if re-enacting the opening of Dostoevsky’s Crime and Punishment, his identification with the novel’s anti-hero is complete: Rassoul is Raskolnikov, transplanted to late twentieth-century Kabul. Amid the war-torn streets, Rassoul searches for the meaning of his crime. Instead he is pulled into a feverish plot thick with murder, guilt, morality and Sharia law, where the lines between fact and fiction, dream and reality, become dangerously blurred.

Blackly comic, with flashes of poetry as well as brilliant irony, Atiq Rahimi's latest novel is an ingenious recasting of Dostoevsky’s masterpiece and a transgressive satire with a frightening resonance all its own.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Atiq Rahimi Cover

    Atiq Rahimi nasce nel 1962 a Kabul, in Afghanistan. Frequenta il Liceo franco-afghano Estiqlal e poi prosegue gli studi alla Facoltà di Lettere dell’Università di Kabul. Nel 1984, dopo l'invasione sovietica, fugge dall'Afghanistan e trova rifugio prima in Pakistan e poi in Francia, dove ottiene l'asilo politico e successivamente la cittadinanza. A Parigi consegue un master alla Sorbona e collabora con una casa di produzione, dove realizza alcuni documentari per la televisione francese e numerosi spot pubblicitari. A partire dalla fine degli anni '90 inizia a scrivere. Nel 2000 pubblica Terra e cenere. Il romanzo, scritto in dari, la lingua persiana dell’Afghanistan, ottiene subito molto successo e diviene anche un film, diretto dallo stesso autore. La pellicola vince,... Approfondisci
Note legali