I due capitani

The Far Horizons

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Far Horizons
Regia: Rudolph Matè
Paese: Stati Uniti
Anno: 1955
Supporto: DVD
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 9,99

Venduto e spedito da Allstoreshop

Solo 1 prodotto disponibile

+ 5,00 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 9,99 €)

Nel 1803 gli Stati Uniti acquistano dalla Francia il territorio della Louisiana e gli ufficiali Clark e Lewis vengono incaricati di esplorarla. Giunti sul posto trovano una tribù di indiani in guerra con quella degli Scioanes e scoprono che Sacajawea, la sorella del capo è loro prigioniera. Clark e Sacajawea si innamorano e decidono di sposarsi a Washington. Ma la ragazza indiana capisce subito che quello non è il suo mondo.
  • Produzione: A & R Productions, 2013
  • Distribuzione: A & R Productions
  • Durata: 108 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo);Inglese (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Fred MacMurray Cover

    Propr. Frederick M., attore statunitense. Figlio di un violinista, impara a suonare il sassofono e parte in tournée con un'orchestra. Nel cast di alcuni musical a Broadway, viene notato da un produttore della Paramount e messo sotto contratto. Con il suo primo ruolo di rilievo, in The Gilded Lily (Il giglio dorato, 1935) di W. Ruggles, diventa in brevissimo tempo uno dei partner più ambiti dalle star di Hollywood, da C. Colbert a K. Hepburn, da C. Lombard a R. Russell. Dotato di un garbato umorismo, sfida il codice Hays in film come I milioni della manicure (1935) di M. Leisen, e Troppi mariti (1940) di Ruggles, e passa al melodramma con Ricorda quella notte (1940) ancora di Leisen. A suo agio nei panni dell'uomo perbene, affidabile e istintivamente simpatico, tradisce il suo personaggio quando... Approfondisci
  • Charlton Heston Cover

    Nome d'arte di John Charles Carter, attore e regista statunitense. Dopo gli studi di recitazione, debutta sul palcoscenico portando sulle scene numerosi testi di Shakespeare fino al debutto a Broadway nel 1947. Alto, atletico, sguardo freddo e fiero, occhi chiari e cipiglio severo, inizia una carriera fortunata che spazia dal teatro al cinema, dalla televisione al mondo editoriale. Esordisce sul grande schermo con un ruolo di sfondo nel drammatico La città nera (1950) di W. Dieterle, ma la consacrazione avviene nel 1956 con l'interpretazione di Mosè in I dieci comandamenti di C.B. DeMille. Negli anni seguenti conosce un successo dietro l'altro e pur cimentandosi in produzioni eterogenee, dal giallo alla fantascienza, dà vita a personaggi dalla notevole valenza drammatica, caratterizzandoli... Approfondisci
  • Donna Reed Cover

    Nome d'arte di D. Belle Mullenger, attrice statunitense. Bruna, bellezza delicata, viso da brava ragazza, esordisce appena ventenne sul grande schermo con parti a lei congeniali di giovane e brava moglie americana. Il trampolino per il successo arriva con il piccolo ruolo di Bess in La commedia umana (1943) di C. Brown e con le pellicole successive: è la dolce moglie di J. Stewart in La vita è meravigliosa (1946) di F. Capra, giovane prostituta dal nobile cuore in Da qui all'eternità (1953, con cui ottiene l'Oscar) di F. Zinnemann, cognata affidabile e leale in L'ultima volta che vidi Parigi (1954) di R. Brooks, madre alla ricerca del figlio rapito in Il ricatto più vile (1956) di A. Segal. Dagli anni '60 dirada l'attività per dedicarsi alla televisione e alle opere di beneficenza. Approfondisci
Note legali