Salvato in 5 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Escluso il cane
6,21 € 11,50 €
LIBRO USATO
Dettagli Mostra info
Escluso il cane
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
6,21 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
ibs
10,92 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
10,92 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
6,21 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
Escluso il cane - Carlo D'Amicis - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

Cosa succede a un giovane avvocato omosessuale residente a Roma, tormentato da un problema psicosomatico di incontinenza, tiranneggiato dalla madre, inutilmente sollecitato a "emanciparsi" dal suo compagno ­ nonché collega ­ americano, se si innamora di un cliente accusato di duplice omicidio? E se l'accusa ha tutta l'aria di essere fondata? E se il duplice omicidio in qualche modo finisce per toccare le alte sfere vaticane?
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2006
18 aprile 2006
257 p., Brossura
9788875210878

Valutazioni e recensioni

4,4/5
Recensioni: 4/5
(5)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(4)
4
(0)
3
(0)
2
(1)
1
(0)
Max
Recensioni: 2/5

Mi sono avvicinato al libro spinto dalle ottime critiche e dopo avere sentito un intervento dello stesso autore su radio 3. Devo ammettere la delusione. Inizio avvincente, il prosieguo, secondo me, risulta caotico e spesso fuori logica. C'è di tutto: imputato (dall'aspetto bonario e di forte fede religiosa) possibile assassino e omosessuale; protagonista con vari problemi di salute e disagi psicologici; moglie dell'imputato poco di buono e dedita alle benzodiazepine; sullo sfondo il Santo Padre in punto di morte che si interroga sulla fede...e molto altro ancora! Forse non ho capito lo spirito del racconto...la delusione rimane.

Leggi di più Leggi di meno
francesco v
Recensioni: 5/5

ma quanto è carino? sullo stile di "non avevo capito niente" di de silva, persino superiore per caratterizzazione dei personaggi secondari. Scrivi Carlo scrivi ancora ancora...

Leggi di più Leggi di meno
Gnavitto
Recensioni: 5/5

Davvero un bel romanzo! Trama originale e ben concepita, libro scorrevole e denso di colpi di scena. L'autore riesce continuamente a stupire alternado momenti di comicità grottesca (esemplari le "passeggiate" al guinzaglio con il cane "dolore" o i dialoghi serrati tra il protagonista ed il suo "sfuggente" promotore finanziario)a scende dense di drammaticità ( una tra tutte, la morte inaspettata e straziante della madre di Marcello). In alcune pagine sembra di leggere un romanzo di Kafka, allo stesso tempo irreale ma fortemente anocorato alla realtà quotidiana, ma dal ritmo molto più serrato e scorrevole. L'autore riesce a far cambiare continuamente stato d'animo al lettore, che proverà prima divertimento per le gag del protaginista con il suo cane, poi compassione per il carattere debole e sottomesso di Marcello, ed infine una forte rabbia e sete di vendetta per le ignobili azioni che il medico, imputato di omicidio, compirà per l'intero corso del romanzo in nome dell'obbedienza ad una fede religiose folle, malvagia e cieca. Sorprendente!

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(4)
4
(0)
3
(0)
2
(1)
1
(0)

Conosci l'autore

Carlo D'Amicis

1964, Sava

Carlo D'Amicis vive e lavora a Roma. È autore del programma di Rai 3 "Quante Storie" e del programma di Radio 3 Rai "Farenheit". Ha pubblicato i romanzi Piccolo Venerdì (Transeuropa, 1996), Il ferroviere e il golden gol (Transeuropa, 1998, selezione Premio Strega), Ho visto un re (Limina, 1999, Premio Coni per la letteratura sportiva), Amor Tavor (Pequod, 2003). Per Minimum Fax ha pubblicato quattro romanzi: Escluso il cane (2006), La guerra dei cafoni (2008 - selezione Premio Strega), La battuta perfetta (2010), Quando eravamo prede (2014). Nel 2017 da La guerra dei cafoni è stato tratto l'omonimo film diretto da Davide Barletti e Lorenzo Conte. Nel 2018 ha pubblicato con Mondadori Il gioco.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore