€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lucia

    13/01/2014 07:20:29

    Bellissimo libro, una vera chicca :-)... se pur forse x appassionati sia di storia sia dell'autrice, grande giallista di x sè.. DOMANDA: quando, dopo secoli, grazie, si fa x dire, a Shakepeare, ovviamente senza nulla togliere al suo genio creativo...nonchè ben pagato soprattutto in questo caso ! dai Tudor, eccome no ! sennò manco Shakespeare campava !!!Beh... Quando si smetterà di distrorcere e di parlare male di Riccardo ??

  • User Icon

    Silvia

    06/06/2013 18:51:36

    Veramente bello ed interessante, io su Riccardo III sapevo solo le bugie storiche, ora sono felice di conoscer quella piccola parte di verità che me lo ha fatto vedere nella giusta luce... Anche la struttura del romanzo è godibilissima, bello, bello, bello!

  • User Icon

    riccardo tuechtel

    28/05/2010 10:26:11

    La nostra conoscenza sulle "malefatte" di Riccardo III ci è stata in grandissima parte rivelata dalla tragedia di Shakespeare che , molto molto probabilmente,era sul libro paga dei Tudor.Per cui: la figlia del tempo......

  • User Icon

    ric

    06/05/2010 17:05:28

    Delizioso, come l'anatra all'arancia, ammesso che piaccia a tutti.

  • User Icon

    Elisabetta V.

    27/04/2009 12:18:41

    Condivido pienamente il parere precedente. Mi piace la storia e molto meno gli stereotipi storici. Qui se ne ribalta uno famosissimo, costruito ad hoc proprio ai tempi dei Tudor al solo scopo di rafforzare la loro inizialmente traballante dinastia. Scritto come un mix di indagine poliziesca e di saggio storico è nel contempo molto accurato e scorrevole.

  • User Icon

    roberto cocchis

    18/04/2005 17:41:00

    Questo romanzo è una meraviglia, è la prova di come, nelle mani di un autore (o un'autrice!) geniale, qualsiasi materia può trsformarsi in un racconto appassionante e insieme istruttivo. Lo consiglio caldamente come regalo: agli adulti come segno di stima e per fare bella figura, ai ragazzi perché comincino a esercitare un'atteggiamento critico verso le fonti del loro sapere e si abituino a non prendere nulla per oro colato. Si impara più da questo libro in un paio d'ore che in un intero corso di studi storici a scuola, almeno com'è previsto adesso.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione


scheda di Bertini, M. L'Indice del 2000, n. 10


Dal fondo del suo letto in un ospedale di Londra, il simpatico ispettore Grant, momentaneamente immobilizzato a causa di un incidente sul lavoro, si distrae applicando a ritratti di celebri personaggi storici quella stessa conoscenza della fisionomia umana che fa di lui un eccellente poliziotto. Un volto che esprime profonda sofferenza e scrupolosa rettitudine lo mette in crisi: dovrebbe essere quello di Riccardo III, accusato in tutti i libri di storia di aver fatto assassinare i suoi due nipotini per usurpare il trono d'Inghilterra. Grant ha trovato il modo di sconfiggere la noia: smontando, con l'aiuto di un giovane ricercatore americano, le certezze degli storici d'ogni ordine e grado (dagli estensori dei testi per le scuole elementari, ai paludati accademici e ai pi— moderni fautori della storia sociale) risolver… il mistero dei principini assassinati nella Torre di Londra e scoprir… la verit… sul "perfido gobbo" messo sotto accusa da Shakespeare e da Tommaso Moro. Josephine Tey (pseudonimo di Elisabeth Mackintosh, 1896-1956) riesce cos nel duplice intento di mettere in luce la fragilit… estrema di uno stereotipo storico universalmente accettato, e di coinvolgerci in un intreccio dei pi— avvincenti: siamo di fronte al capolavoro indiscutibile della sua non vastissima produzione romanzesca.

Mariolina Bertini

L'ispettore capo Grant è costretto in ospedale per un banale incidente e si annoia a morte. Un'elegante amica gli porta delle stampe che lo distraggano. Tra queste il ritratto di Riccardo III, famigerato sovrano inglese del xv secolo di cui la storia narra che fece uccidere i nipotini per impadronirsi del trono. Ma c'è qualcosa in quel viso, in quella postura, che accende l'intelligenza del raffinato detective e la pietà del poliziotto. E studiando carte, test e documenti, Grant scopre quanto la verità sia figlia del tempo: il tempo, che distorce e che riabilita.