Categorie

Alberto Camerra

Editore: Boopen
Anno edizione: 2009
Pagine: 148 p., Brossura
  • EAN: 9788862236171
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    michele

    26/05/2014 19.55.21

    Un racconto veloce e intenso, laddove l'autore racconta in maniera garbata e sobria la storia di un wrestler che alla fine della carriera ritrova se stesso e il senso della vita. Dopo sconfitte, umiliazioni e abbandoni, la tenacia e la voglia di vivere portano ad una rinascita, per un futuro migliore e virtuoso. Spesso la vita alterna momenti sereni a turbolenze e dolore...quando tutto sembra finito e risalire la china impossibile, ecco una nuova luce che ci spinge a lottare: la forza interiore e un incontro del destino. Una storia di sconforto e riconciliazione che ho trovato molto attuale e toccante.

  • User Icon

    Donatella

    01/08/2013 21.34.28

    Conosco bene gli scritti di Alberto Camerra, che mi hanno sempre conquistata per la loro delicatezza ed intensità. Da tanti anni, infatti, lo seguo sul suo blog, dove sono diventata un'appassionata lettrice dei suoi racconti. "Fiori nella neve" è un piccolo gioiello. La trama si dipana fluida e coinvolgente, con la finezza di un alabastro. E il fatto singolare è che il protagonista è un ex-wrestler, un uomo i cui ricordi appartengono ad un mondo cinico e cruento. Eppure, con la consueta finezza, l'autore riesce a sfumarli in un acquarello delicato e ricco di profondità. Così, nel protagonista, un presente di quiete immobile e sofferta si intreccia ad glorioso passato dove hanno trovato posto la fama, l'amore ma anche la crudeltà. Bello ed originale il ritmo della narrazione, che alterna capitoli dedicati alle vicende passate al racconto del tempo presente, nel quale Steve, il wrestler, cerca nell'isolamento di un paese di montagna di guarire dalle ferite di un terribile rimorso. Splendidi i personaggi, tratteggiati con grande acutezza psicologica, "fiori" che tentano di sopravvivere agli inverni terribili del cuore.

  • User Icon

    Monica Desirée A.

    05/02/2013 15.08.16

    Un ottimo libro d'esordio per questo Autore cui, senza dubbio, non mancano creatività e passione. Un libro dalla trama molto coinvolgente, molto ben ingegnato e ben strutturato, secondo alcune regole che vanno certo "oltre" agli abituali artefizi in voga. Molto ben delineati, e profondi, i personaggi; molto ben descritto, il paesaggio. Ho letto, in questo libro, una "fiaba"; una storia cui, personaggi e paesaggio, mi hanno piano piano condotto in una sorta di storia nella storia... come accade talvolta nelle fiabe, sì. Ma so che le chiavi di lettura di questo libro sono talmente varie! Quale sarà la vostra? Vi invito a scoprirlo. Complimenti Alberto! Al.

  • User Icon

    Cristiana Tagliaferri

    27/06/2011 10.36.04

    Racconto ambientato in un paese dalle bellezze naturali mozzafiato, con retrospettive di una vita insolita ... una vita da wresler. ... Ma dietro questo contesto, i temi predominanti sono la storia di ogni uomo: l'amore, la decadenza, il tormento e la redenzione. E' un racconto ben strutturato, di facile lettura ... un racconto di un uomo che dopo varie peripezzie ritrova se stesso ed il senso della vita, sotto la guida misteriosa di un Gatto che Manzoni chiamerebbe Provvidenza. ... E come fiori nella neve che, pur contro ogni avversità, fanno capolino nel candido manto naturale, così ogni uomo si può rialzare ... e dal buio più profondo può ritornare a vedere la Luce. (by Cristiana Tagliaferri) P.S.: Complimenti Alberto continua così!!! Un grande abbraccio dalla tua amica virtuale Cristiana.

  • User Icon

    Claudine Giovannoni

    19/09/2009 17.09.33

    Non ricordo quand’è stata la prima volta che ho letto dei racconti di Al sul suo blog… Il tempo è trascorso velocemente, ma è certo che dal suo mondo virtuale sono sempre passata con una conscia accortezza mista a curiosità. Ogni racconto è narrato con una sagacia tale da coinvolgere il lettore sin dalle prime strofe… e questo è stato anche per questo suo romanzo d’esordio. Evidentemente mi sono lasciata catturare dal ritmo narrativo con una convinzione: ero sicura che Alberto mi avrebbe portata a provare delle emozioni speciali. Dolcezza e sensibilità, dunque, seppure avvolte nella rozza espressione di uno sport-spettacolo… fragilità dell’Essere malgrado la forza bruta atta a mascherare inconsciamente la debolezza umana. Ho la brutta [o forse bella] abitudine di sviscerare ciò che leggo… avvezza sin dall’adolescenza quando sfogliavo con circospezione i classici russi o quelli francesi. Una passione, quella del leggere [ed in seguito dello scrivere] che porta a vivere quasi in prima persona il narrato di un buon romanzo. Ed è stato così per Fiori nella Neve… forse già ero avvinta dallo stile speciale e conturbante di Al… forse gli altri stupendi racconti pubblicati su Splinder mi hanno assecondata nel porre il mio giudizio “molto favorevole”… Sta di fatto che gli auguro di vero cuore di riuscire a raggiungere un pubblico cosciente che a volte un eccellente romanzo non necessariamente deve portare una “Griffe” conosciuta o mondana. Complimenti ancora… nell’attesa che giungano presto anche gli “altri” tuoi racconti… Claudine Giovannoni

  • User Icon

    Massimo Turrata

    13/09/2009 15.30.23

    Non sono un lettore abituale di gialli e thriller. Ma la lettura di questo libro mi ha dato qualcosa di fondamentale: mi ha dato emozioni. Al suo esordio, il vicentino Alberto Camerra costruisce con sapienza un romanzo che ruota attorno al mondo del wrestling, la lotta libera americana, e ad un protagonista, Steve Travel, ex-lottatore quarantenne segnato nel fisico e nella mente da una vita sul ring e da una carriera da pedina al servizio dei dirigenti delle federazioni di wrestling, in un ambiente bieco, falso e violento, dove l’unica cosa che conti è il denaro. Attorno a lui si muovono vari personaggi, qualcuno emerso come un fantasma da un passato ormai lontano, qualcuno che si presenta sulla sua strada di oggi, e che può anche diventare una fonte di speranza per chi non si aspetta più niente dalla vita. Come recita l’introduzione, la trama del libro si può riassumere nella “decadenza, tormento e redenzione” di Steve Travel, emblema di ciò che la vita può, all’estremo, offrire, di un percorso di dolore che può, quando tutto sembra perduto, riservare la riscoperta della gioia: di, appunto, “fiori nella neve”. Nell’economia del libro è fondamentale la struttura “ad incastro” dei capitoli: le vicende che vengono seguite sono più di una, e all’inizio di ogni capitolo si riprende il filo di una narrazione abbandonata in precedenza, con continui salti temporali. Inoltre ogni capitolo finisce in bilico, con il narrato che si stoppa proprio mentre sta per succedere qualcosa di capitale. Tutto ciò va a creare una gradevole suspense, e chi legge non vede l’ora di proseguire. Va registrata una certa fumosità nei brani “astratti”, dove l’autore dovrebbe trasmettere al lettore i ragionamenti che sta facendo il personaggio: a volte risulta difficile capire i concetti, che risultano un po’ contorti. Di contro i personaggi sono oggetto di uno scavo psicologico piuttosto profondo, che ce li pone davanti nei loro aspetti più veri.

  • User Icon

    Elena Ruchin

    10/09/2009 09.15.26

    Nel flusso delle parole, a volte piacevolmente insolite nel contesto delle frasi, l'autore riesce a dipingere davanti agli occhi le immagini delle scene che sta descrivendo e contrmporaneamente richiama con delicatezza emozioni e sensazioni che quasi si condividono con i protagonisti. Il libro è avvincente e piacevole da leggere anche per la qualità del linguaggio che non ho mai trovato banale o scontato.I repentini cambi di scena invogliano a proseguire per arrivare ad un finale assolutamente inaspettato e originale. E' un libro che vale la pena leggere!

  • User Icon

    monica marghetti

    07/09/2009 14.40.47

    conosco di persona l'autore di questo libro, e posso dire che il romanzo rispecchia molto bene la sua personalità. si legge dolcezza, sentimento e un modo di vivere la vita intenso che mai si potrebbe pensare in un lottatore di wrestling. di questo sport poco tempo fa è uscito un film che mi ha profondamente emozionata, ecco credo che "Fiori nella neve" parli di questo argomento con la stessa capacità di saper emozionare e commuovere: si, ho anche pianto leggendo alcune parti di questa storia, ma lacrime buone e spinte da pensieri positivi. il protagonista Steve esce dalla carta e si racconta in mezzo alla neve, in mezzo a dei fiori bellissimi, in mezzo alle sue cicatrici che ne fanno una persona incredibilmente vera. Ti coinvolge dalla prima all'ultima pagina come un grande thriller. Sono contenta di aver letto questo libro bellissimo che merita davvero tanta fortuna! Bravo Alberto complimenti sinceri!

  • User Icon

    Floriana

    07/09/2009 14.38.39

    Mi sono avvicinata a questo libro per la copertina. Quel fiore, dal colore blu così intenso in uno sfondo con molto bianco e qualche nero, mi ha attratta stimolando la mia curiosità. Ho intuito che si trattasse di un autore emergente imbattendomi per caso in una presentazione in rete, e ho colto l'occasione di investire il mio tempo di lettura in un nome nuovo. Non ne sono rimasta delusa. Dalle prime pagine ci si addentra in un'atmosfera piacevole e intrigante, dove il protagonista cattura l'interesse per il suo bagaglio di debolezza e umanità. Il libro parla di wrestling, argomento di cui non sapevo quasi nulla e che si integra in maniera interessante nella storia, ma il destino di questo ex lottatore si sviluppa anche e soprattutto su altri piani e in stati d'animo diversi. C'è molta suspense, ogni capitolo ti cattura spingendoti a leggere il successivo per riuscire a scoprire come finirà. La scrittura è godibile e scorrevole, regala parti emozionanti dove trova posto anche una certa dolcezza. "Fiori nella neve" è insomma un romanzo che appassiona e colpisce, un libro che mi sento di consigliare a tutti coloro che desiderano leggere un nuovo autore capace di tenere vivo l'interesse del lettore dall'inizio alla fine, con personaggi che sanno esplorare le corde dei sentimenti in profondità.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione