The Fitzwilliam Virginal Book vol.2 - CD Audio di William Byrd

The Fitzwilliam Virginal Book vol.2

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: William Byrd
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 9 novembre 2012
  • EAN: 5028421943626

€ 10,90

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Questo disco rappresenta il secondo volume di un progetto editoriale senza precedenti, ovvero la prima registrazione integrale del Fitzwilliam Virginal Book, la più vasta raccolta di opere per strumenti da tasto di epoca elisabettiana e giacobiana giunta fino ai giorni nostri, comprendente oltre 300 brani dal carattere molto eterogeneo scritti da alcuni dei compositori più famosi dell’epoca come John Bull, William Byrd, Orlando Gibbons e Jan Pieterszoon Sweelinck. Il programma di questo disco è incentrato sulla produzione di Byrd e comprende tra le altre cose le famose Walsingham Variations e le variazioni sulla melodia popolare The Carman’s Whistle, lavori caratterizzati da un grande virtuosismo e da una straordinaria piacevolezza. Un nuovo grande successo di Pieter-Jan Belder, che passa con assoluta nonchalance dal clavicembalo, all’organo portativo e al virginale, eseguendo queste opere con grande musicalità e un assoluto rigore filologico.

Dopo aver studiato con Bob van Asperen allo Sweelinck Conservatorium di Amsterdam, Pieter-Jan Belder ha iniziato una intensa carriera concertistica e discografica, che lo ha visto registrare tutte le 555 sonate di Domenico Scarlatti.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • William Byrd Cover

    Compositore inglese. Allievo forse di Th. Tallis, fu nominato, benché fosse cattolico, organista del duomo di Lincoln e della cappella reale a Londra (dal 1572); in società con Tallis ottenne inoltre dalla regina Elisabetta il monopolio per l'edizione e la vendita della musica stampata. È il maggior compositore inglese del tardo '500. Coltivò la musica strumentale scrivendo oltre un centinaio di pezzi per virginale (di estrema eleganza e ricchi di inventiva) e, fra i primi, libere fantasie su melodie liturgiche per consort di viole. Autore di più di 200 composizioni religiose e profane su testo inglese, fu pure fra i primi a scrivere pezzi per voce e accompagnamento di viole in luogo del liuto consueto. Eccelse nella musica sacra su testo latino, nella quale, accanto a una brillante tecnica... Approfondisci
Note legali