Fleurs

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Franco Battiato
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Mercury
  • EAN: 0731454677523

78° nella classifica Bestseller di IBS Cd musicali CD - Musica italiana - Cantautori italiani

Salvato in 22 liste dei desideri

€ 10,50

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 10,50 €)

Disco 1
1
La canzone dell'amore perduto
2
Ruby tuesday
3
J'entends siffler le train
4
Aria di neve
5
Ed io tra di voi
6
Te lo leggo negli occhi
7
La canzone dei vecchi amanti
8
Era di maggio
9
Che cosa resta
10
Amore che vieni, amore che vai
11
Medievale
12
Invito al viaggio
4,5
di 5
Totale 2
5
1
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Isabella

    06/03/2019 23:29:03

    Lo confesso, amo Battiato da sempre e amo infinitamente la sua musica. E anche questo disco che ha come filo conduttore l'amore non mi ha deluso. Di amore hanno parlato e parlano in tanti, ma per me solo Catullo, Virgilio, Stendhal, Montale e pochi altri hanno saputo dire il vero; tra questi, anche Battiato che con le cover di questo disco ci racconta che cosa significa. La mia preferita? Sicuramente La canzone dei vecchi amanti di Brel: vera, appassionata, profonda, con quel ritornello che si vorrebbe sentire per davvero da chi ci ama.

  • User Icon

    Monica B.

    21/02/2019 17:14:56

    Veramente bella questa raccolta di cover, il maestro Battiato non delude neanche spaziando nella musica di altri.

  • Franco Battiato Cover

    Nato in provincia di Catania, Francesco (detto «Franco») Battiato consegue la maturità scientifica ad Acireale. Il padre era scaricatore di porto a New York, e a seguito della sua scomparsa, il giovane si trasferisce a Roma, e poi a Milano. Di questo periodo Battiato ricorda: «Milano allora era una città di nebbia, e mi sono trovato benissimo. Mettevo a frutto la mia poca conoscenza della chitarra in un cabaret, il "Club 64", dove c’erano Paolo Poli, Enzo Jannacci, Lino Toffolo, Renato Pozzetto e Bruno Lauzi. Io aprivo lo spettacolo con due o tre canzoni siciliane: musica pseudobarocca, fintoetnica. Nel pubblico c’era Giorgio Gaber che mi disse: vienimi a trovare. Il giorno dopo andai. Diventammo amici». Con il compaesano Gregorio Alicata,... Approfondisci
Note legali