Categorie

Lawrence Lessig

Traduttore: L. Clausi
Editore: Feltrinelli
Collana: Serie bianca
Anno edizione: 2006
Pagine: 269 p. , Brossura
  • EAN: 9788807171239

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Massimo

    26/11/2010 17.02.59

    Concordo pienamente con il giudizio di Francesca: libro molto importante su un argomento di notevole spessore, ma oberato di trascuratezze e refusi che ne pregiudicano una piacevole lettura e, talvolta, addirittura la comprensione. Peccato, su un argomento tanto interessante (per di più trattato da un autore come Lessig - dagli evidenti intenti divulgativi) si poteva e doveva fare di più sia come traduzione, sia come edizione.

  • User Icon

    francesca

    08/01/2007 12.50.43

    Testo fondamentale su un argomento importante, tradotto malissimo e con un editing inesistente. Pullula di errori, refusi, anacoluti, pare tradotto da Altavista Babelfish ed editato da un correttore ortografico. A mio avviso e' stata pubblicata la bozza e non il lavoro definitivo, volendo far credito a Leonardo Clausi che ne ha curato la traduzione. Peccato! 5/5 per il contenuto, 0/5 per l'editing

  • User Icon

    Fausto Intilla (Inventore-divulgatore scientifico)

    27/07/2006 18.57.20

    L’invenzione del Web nei fatti ha prodotto una controrivoluzione “proprietaria” di cui ancora non si è percepita esattamente la portata. Il progetto di Internet in realtà era stato pensato in maniera tale da permettere ai creatori di poter sperimentare liberamente. Internet era uno spazio libero in cui la cultura e l’informazione – le idee del nostro tempo – potessero liberamente fluire generando un’inedita libertà di espressione. Questa libertà si sta restringendo, tecnicamente e legalmente, giorno dopo giorno. Potentati economici stanno riconquistando la Rete, trasformandola da forum aperto per le idee in null’altro che televisione via cavo ad alta velocità. Il rischio di un ritorno a un’età medievale in cui pochi gestori dei diritti impongano le proprie regole a tutti sembra non essere più una metafora azzardata. Lessig, giurista e intellettuale tra i più impegnati nella difesa dei diritti digitali, sviluppa le proprie argomentazioni entrando nel merito della proprietà privata delle idee, riscoprendo il valore delle idee come bene comune, contro la possibilità di una nuova fase di “recinzioni”, che già aveva segnato in maniera decisiva l’accumulazione originaria del capitale, decisiva per la Rivoluzione industriale. Nel libro sono presentati molti casi in cui il sistema del copyright ha messo a repentaglio la creatività e la libertà di parola, presentando altresì delle possibili soluzioni per ridurre la proprietà intellettuale al suo fine originario: la tutela non tanto degli interessi monopolistici delle aziende, quanto del lavoro e della creatività dei singoli. “Questo libro è una lettura obbligatoria per chiunque sia interessato al futuro dell’information technology e al suo impatto.”

  • User Icon

    Stefano Quintarelli (presidente AIIP)

    12/06/2006 11.16.48

    5 e lode/5. Larry Lessig e' uno dei pensatori più influenti contemporanei. basta cercare su google +lawrence +lessig o +larry +lessig e confrontarlo a chiunque altro, per rendersene conto. Non e' molto noto in Italia perche' propugna apertura e interoperabilita, in una parola, il mercato e la concorrenza, temi che tornano d'attualita' solo in prossimità di scandali associati a favoritismi. E' un avvocato, costituzionalista, e stupisce che nel 2001 avesse gia' capito che la QoS nelle reti può essere usata come fattore anticompetitivo. Il primo avvocato che conosco che scrive di RSVP. E' molto noto per la parte "alta" del suo lavoro, per quello che riguarda il processo di evoluzione dei meccanismi della Proprietà Intellettuale. Ma anche la parte "bassa" (intesa in senso TLC) che riguarda le reti è assolutamente brillante e degna di attenta lettura. Ho avuto il piacere e l'onore di partecipare assieme a lui al convegno Condividi la Conoscenza, organizzato dal (allora) Senatore Cortiana, Presidente della (allora) Commissione Parlamentare Bicamerale per l'Innovazione Tecnologica e posso assicurare che trattasi di personalita' elevata che non ricorre a ghost writers. Di questi capitoli, a chiunque abbia a cuore il pluralismo e la liberta' dell'informazione e l'innovazione ICT, consiglio di leggere in particolare i capitoli 3, 8, 9, 10. Personalmente, in passato, ne ho comprato 50 copie in inglese che ho consegnato brevi manu a persone che hanno a che vedere con il mondo dell'ICT in Italia. Ora che e' stato finalmente tradotto in italiano, ne acquistero' un'altro centinaio. Chiunque voglia confrontarsi con me sui contenuti, e' il benvenuto: s.quintarelli@aiip.it Spero che lo troviate interessante e importante quanto lo ho trovato io e che diffondiate la riflessione in questo campo che e' vitale per lo sviluppo.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione