Categorie

Rudolf Wittkower

Editore: Einaudi
Collana: Saggi
Anno edizione: 1992
Pagine: XXVI-432 p., ill.
  • EAN: 9788806123499
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:


scheda di Dardanello, G., L'Indice 1993, n. 5

Il denominatore comune imposto a questi dieci saggi riuniti in un unico volume da Margot Wittkower nel 1978, a sette anni di distanza dalla scomparsa del grande studioso di arte italiana, è il Rinascimento. Uno di quei termini generici come Gotico e Barocco, che, nelle parole dello stesso Wittkower, servono solamente "a dare l'idea di ciò di cui parlano gli storici dell'arte", ma il cui "valore è estremamente limitato". Gli argomenti toccati spaziano dai sistemi geometrici e proporzionali nella costruzione architettonica ("Il mutevole concetto di proporzione" - "Brunelleschi" - "La proporzione in prospettiva"), ai problemi di lettura critica del documento figurativo, individuazione dell'originale, attribuzione e datazione ("Il San Gerolamo nel Deserto di Desiderio da Settignano" - "Il taccuino di "Menicantono" della collezione Paul Mellon*); dalle condizioni per l'affermazione individuale nel mondo del lavoro artistico ("Il giovane Raffaello"), al carattere peculiare dell'arte di Giorgione ("Giorgione e l'Arcadia"); dalla restituzione dell'iter progettuale delle tappe più problematiche dell'opera di Michelangelo ("La Biblioteca Laurenziana" - "Michelangelo e la cupola di San Pietro"), agli studi sulla formazione di culture figurative che nascono dal rapporto centri/periferie ("I pittori di Verona: 1480-l530" - "I Sacri Monti delle Alpi italiane"). Come nell'edizione originale, anche l'editore italiano non ha purtroppo ritenuto di dotare il volume di uno strumento necessario alla completezza di una raccolta di saggi (indispensabile nel caso in questione dove gli interventi coprono l'intero arco di attività di storico dell'arte di Wittkower, dal 1924 al 1971): l'indicazione delle circostanze e delle sedi in cui sono stati presentati i materiali di ricerca (ha provveduto a colmare la lacuna la documentata recensione di Lionello Puppi in "Casabella", n. 594, ottobre 1992, pp. 31 - 32).