copertina

Iron Tracks

Aharon Appelfeld

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB
Testo in en
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 3,48 MB
  • EAN: 9780307486394

€ 10,39

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

A NEW YORK TIMES NOTABLE BOOK

How does one live after surviving injustice? What satisfaction comes from revenge? Can the past ever be left behind?

Masterfully composed and imbued with extraordinary feeling and understanding, The Iron Tracks is a riveting tale of survival and revenge by the writer whom Irving Howe called "one of the best novelists alive today."

Ever since he was released from a concentration camp forty years earlier, Erwin Siegelbaum has been obsessively riding the trains of postwar Austria. His days are filled with drink, his nights with brief love affairs and the torments of his nightmares. What keeps him sane is his mission to collect the menorahs, kiddush cups, and holy books that have survived their vanished owners. And the hope that one day he will find the Nazi officer who murdered his parents—and have the strength to kill him.

A haunting exploration of one survivor's complex, wrenching, inner world, The Iron Tracks is distinguished by the depth of insight and the distinctively stark, elegant style that have won Aharon Appelfeld recognition as one of the world's great writers.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Aharon Appelfeld Cover

    Scrittore israeliano, di famiglia ebraica, fu deportato in un campo di concentramento insieme al padre, dopo che i nazisti ne avevano ucciso la madre. A soli otto anni riuscì a fuggire e trascorse i successivi tre anni vagando per i boschi. Alla fine della guerra raggiunse l’Italia e da qui si imbarcò nel 1946, per approdare in Palestina. In seguito ha insegnato letteratura ebraica all’università Ben Gurion.Nei suoi numerosi romanzi affronta il tema della Shoah e dell'Europa prima e durante la seconda guerra mondiale. Per le sue opere ha ricevuto numerosi premi tra cui il Premio Israele, il Premio Mèdicis in Francia e il Premio Napoli in Italia.I suoi libri, tra i quali l’autobiografico e struggente Storia di una vita (Guanda, 2001), sono... Approfondisci
Note legali