Categorie

Raymond Buckland

Traduttore: B. Volpe
Editore: Armenia
Collana: Miti senza tempo
Anno edizione: 2003
Pagine: 445 p. , ill. , Brossura
  • EAN: 9788834416037

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    L

    20/06/2016 11.59.41

    E' il libro Wicca migliore in assoluto sotto ogni aspetto che si possa considerare. Il più avanzato ed equilibrato. Certo ai cultori di congreghe esclusive o aspiranti a costituzioni di forme gerarchiche non può assolutamente piacere.. Se infatti la persona che lo legge si applica un minimo, subito intende come questo grandissimo autore spiga ad ogni riga come possiamo conoscere noi stessi attraverso noi stessi e ciò che veramente vogliamo essere, non scrive una parola nei rituali che non faccia breccia in questa direzione. Un libro eccezionale, 7 stelle !!

  • User Icon

    Carolina Laitano

    23/01/2015 18.20.03

    Non mi entusiasma

  • User Icon

    Thely AceCast

    06/02/2014 03.24.38

    io ke volevo con questo libro fare uso delle erbe per la pratica della "Brujería", non sono diventata una "Bruja" ma pero ho finido de encontrar un "Hombre muy Brujo"! jajaja :)

  • User Icon

    Fabily

    23/03/2011 09.59.21

    Questo libro è fatto davvero bene! é un' importante guida per congreghe e solitari ed è completo e serio. Lo consiglio a chi vuole approfondire la wicca dal punto di vista cerimoniale e delle pratiche tradizionali, lo sconsiglio invece come primo libro per neofiti.

  • User Icon

    La Fata Nera

    03/05/2008 18.18.58

    Questo libro è incantevole..ti incanta x davvero!!! Un libro importantissimo x i wiccan

  • User Icon

    MonicaZelda

    04/10/2006 16.07.06

    Non c'è che dire: è un testo preziosissimo. Non è il solito libro per novelli wiccan, questo è un vero e proprio libro delle ombre. Qui Buckland descrive fin nei minimi dettagli i rituali di coven: iniziazioni, celebrazioni, feste e molto altro. Ci sono schede sulle erbe, sugli oggetti rituali e tantissime altre informazioni. Chiaramente NON è un libro per neofiti, ma -pur essendo un lavoro di congrega- offre ottimi spunti anche per gli eclettici e i solitari. L'unica pecca è la grafica in copertina: Stevie Wonder farebbe di meglio.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione