Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Light Grenades

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Incubus
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Epic
  • EAN: 0828768385227
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 7,69

Venduto e spedito da Shop Mio

spinner

Disponibile in 5 gg lavorativi

Solo 1 prodotto disponibile

+ 2,98 € Spese di spedizione

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (11 offerte da 6,92 €)

Disco 1
1
Quicksand
2
A Kiss to Send Us Off
3
Dig
4
Anna Molly
5
Love Hurts
6
Light Grenades
7
Earth to Bella (Part 1)
8
Oil and Water
9
Diamonds and Coal
10
Rogues
11
Paper Shoes
12
Pendulous Threads
13
Earth to Bella (Part 2)
4
di 5
Totale 4
5
1
4
2
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    l'uomo nero

    09/07/2007 12:08:39

    con light grenades gli incubus fanno capire come il loro "naturale" passaggio verso il pop-rock non sarà così veloce e repentino come molti, me compreso, temevano. è vero che c'è sempre meno potenza cerebrale ma è anche vero che il livello medio raggiunto dalle canzoni è sempre elevato. purtroppo la parte vocale ( ma di ottima fattura) "ruba spazio" ad assoli ed intro strumentali.

  • User Icon

    viviana

    02/01/2007 18:40:37

    trovo che light grenades sia un gran bel disco, ormai gli Incubus si sono allontanati dal vecchio stile che si poteva trovare in science, anche se pezzi come light grenades rispecchiano ancora lo stile "chiassoso" della band. Ma nonostante cio' trovo che tutte le canzoni siano molto curate, soprattutto i testi,sempre ricchi di emozioni. C'è chi dice che gli incubus stanno progredendo, ma personalmente penso che siano una delle migliori rock band in circolazione.

  • User Icon

    Pask

    02/12/2006 14:10:08

    Light Grenades presenta un gran lavoro nella preparazione delle sonorità che nonostante varino dall'hard rock alle ballate, hanno un filo conduttore: Granate di luce, appunto. La tracklist si apre con Quicksand, con un noise sound che figura quasi il preludio alla caduta delle granate. Segue "a kiss to send us off", che ricalca (dal punto di vista sonoro, non testuale) un'atmosfera molto angosciosa e speranzosa allo stesso tempo. L'alternarsi di sonorità cupe e leggere ad altre ben più decise (che nonostante tutto non ricordano in pieno il funk metal ben espresso dagli incubus, ma son degne di nota) è il dunque il filo conduttore della tracklist, e la presenza di due canzoni come "earth to bella I" e "earth to bella II" poste antiteticamente al 7 e al 13 posto, marcano ancor di più la continuità del disco e il filo conduttore presente. Tralasciando l'analisi compositiva del disco, va detto che la maggior partecipazione di Chris Kilmore con nuovi strumenti (Marxophone, Theramin, Mellotron... oltre alla classica consolle)è ben sottolineata in quasi tutti i pezzi, e compensa il vecchio suono scarno (presente in pezzi come "Talk shows on mute") che Mike Einzinger, nonostante la grandissima evoluzione della sua tecnica, non può compensare da solo. Dal punto di vista evolutivo della parte ritmica, c'è da dire che Josè Pasillas rappresenta sempre una garanzia per la band, con stacchi mai banali e fill sempre nuovi, mentre Ben Kenney purtroppo non riesce ancora a prendere degnamente il posto di Dirk Lance: nonostante siano passati 6 anni dall'addio del talentuso bassista, l'ex chitarrista dei Roots non riesce ad emulare i virtuosismi del suo predecessore tantomeno non propone Bass Lines innovative. In ultima analisi Brandon Boyd ha avuto un'evoluzione nelle liriche e da il suo completo apporto all'album (anche nelle grafiche), unica nota negativa che magari i fans si sarebbero aspettati, un ritorno alle vecchie influenze funk di S.C.I.E.N.C.E. e quindi un ritorno allo Jambè per Mr.Boyd.

  • User Icon

    annamolly

    26/11/2006 11:11:39

    Allucinante!nel suo insieme è un bell'album! spazia da riff-rock a ballate melodiche hard rock. C'è chi già lo aveva ascoltato e sosteneva fosse un misto con Morning view, ma sinceramente non ne vedo la minima somiglianza. I loro primi album sono più "decisi" più "forti" difficilmente hai un solo pezzo preferito. In Light Grenades prevalgono forse di più le ballate melodiche che I pezzi "carichi". Comunque ci si sente dentro qualcosa di nuovo, gli Incubus hanno voluto osare, ed il risultato è buono. Non parlando più musicalmente nei testi traspae questo "dolore" e "gioia"(che potrei definire la con due parole(sua esperienza)di Brandon Boyd, che a quanto poi si possa capire anche leggendoli sembra stare davvero bene, e come a suo solito ha cercato di indigare l'arte sotto le sue forme. Concludo dicendo che in questo album si sente chiaramente"la maturazione" della band, perchè nonostante il marchio di fabbrica Incubus si distacca molto dagli altri album precedenti. UN BUON ALBUM!lo apprezzo

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
Note legali