Il mio amico Abdul - Raffaele Mangano - copertina
Salvato in 1 lista dei desideri
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Il mio amico Abdul
11,40 € 12,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
Il mio amico Abdul 11 punti Premium Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Il mio amico Abdul - Raffaele Mangano - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Il mio amico Abdul Raffaele Mangano
€ 12,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Michele legge gli appunti dell'amico scomparso (Renato) e parla con lui, compiendo un passaggio nel tempo e aldilà del tempo. Un dialogo che attraversa e attutisce la difficile distanza degli anni, e fa i conti con quella ancora più forte tra la vita e la morte. Tra i due amici si inserisce la vicenda di un terzo personaggio, Abdul, studente afgano conosciuto durante le peregrinazioni giovanili. Ed è Abdul che diventa il protagonista dell'ultima parte del libro con la sua storia personale, sino a chiudere il cerchio delle vite incrociate proprio alla fine del quaderno. Sopra i tre personaggi vive il sentimento dell'amicizia; un'amicizia color del cristallo, disinteressata, assoluta, che supera ogni barriera e si fa beffe del tempo.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2003
23 maggio 2003
181 p.
9788887058819

Valutazioni e recensioni

4,86/5
Recensioni: 5/5
(7)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(6)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Silvia Santi
Recensioni: 5/5

Mi ha ricordato " Viaggio in India” di Pasolini, un libro che mi era piaciuto molto. Amo conoscere le esperienze di persone che hanno vissuto realtà così diverse dalle mie , per confrontarle e meditare. Il Mio amico Abdul è un libro profondo e con continui spunti che inducono a riflettere. L’ autore ha toccato temi che coinvolgono proprio tutti. Lo dovrebbero leggere coloro che vivono con superficialità i sentimenti e non danno mai profondità ai pensieri. Silvia Santi ( Milano)

Leggi di più Leggi di meno
Pietro Vitali
Recensioni: 5/5

Viviamo tempi che ci allontanano sempre più dai valori etici fondamentali - amore, amicizia, solidarietà, tolleranza ecc. -, imponendoci schemi e modelli di grossolana massificazione. Per questo motivo ho apprezzato i protagonisti del libro, tesi all’ irriducibile ricerca di qualcosa di trascendente che li porti alla conoscenza di sé stessi e della vita. Con le loro esperienze, anche controverse, non ci danno solo palpitanti emozioni, ma, quello che più conta, la forza di non smettere di credere, magari da illusi, nella poesia e nella profonda bontà dell’ uomo. In uno stile conciso, antiretorico ed immediato, senza mai indulgere alla moda scontata della facile denuncia e dei messaggi gratuiti, l’autore ha saputo creare personaggi autentici e non stereotipi: uomini veri, in sostanza, concepiti e raccontati da un vero uomo. Pietro Vitali ( Milano)

Leggi di più Leggi di meno
Bartolomeo Di Monaco
Recensioni: 4/5

Michele, quasi un alter ego, è una voce che parla con un amico defunto che ha nome Renato, il protagonista, e commenta, con grafia in corsivo, il diario scritto da quest’ultimo su di un vecchio quaderno di scuola: “Copertina nera, carta di pessima qualità”, in cui racconta le sue esperienze, vissute insieme con alcuni amici in un viaggio che lo porta dal maggio francese fino ai Paesi poveri del Sud Est asiatico. Nel corso di questo viaggio si ha l’incontro con la meridionalità, considerata spregiativamente dai Paesi ricchi, dal Nord Europa soprattutto, a partire dai cugini francesi, così che Abdul, l’amico afgano, che dà il titolo al libro, incontrato a Parigi e ritrovato a Bangkok, siamo e sono (come suggerisce la stessa copertina, che ritrae un uomo senza volto) tutti i discriminati della Terra, senza alcuna ragione che lo giustifichi, sia essa il colore della pelle, o la propria fisicità, il censo, la provenienza, la religione, le proprie idee, e tutte le altre possibili ingiustizie che sono e saranno. Ma soprattutto discriminati dalla miseria, mentre vi è una parte del mondo “ricco e sprecone, che esibisce in modo osceno la sua opulenza senza riguardo verso chi soffre”. Si tratta di un protagonista speciale, dunque, che non è colpito dalle bellezze paesaggistiche che gli si aprono davanti, ma i suoi occhi sono attenti a cogliere la sofferenza e le umiliazioni che il nostro egoismo occidentale non vuole o non riesce a vedere. È scomparso l’allegro e ironico piglio che contraddistinse la scrittura di Mangano ne “Le lumache non bevono vino”. Qui vi è tutta la rabbia e la delusione per una viltà collettiva che ci ferisce singolarmente, anche se ci rendiamo conto che, pur tentando, nulla si può fare da soli per contrastare l’avidità dei potenti. Vi sono descrizioni agghiaccianti di povertà ridotta agli estremi, in cui perfino percepirla e soffrirla interiormente ci fa sentire ugualmente in colpa di trovarsi lì diversi da loro. Questo è un segno del particolare missaggio (stimolato da “un inconscio senso di colpa p

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,86/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(6)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore