Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

copertina

Molto rumore per nulla

William Shakespeare

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Masolino D'Amico
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: 272 p.
  • EAN: 9788804556350
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 8,50

Venduto e spedito da L'Asterisco

spinner

Disponibilità immediata

Solo una copia disponibile

+ 5,00 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 4,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,67
di 5
Totale 3
5
1
4
0
3
2
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    sandro landonio

    26/07/2013 21:26:21

    Fresca commedia degli errori, senza particolari profondità e incapace di comunicare fremiti di sorta, ma ben costruita nei ritmi. Le schermaglie fra Benedetto e Beatrice, i dialoghi più riusciti.

  • User Icon

    Lady Libro

    05/04/2013 22:46:45

    Chiariamoci: l'inizio della commedia è una pizza. All'inizio vi sono, infatti, praticamente e unicamente chiacchiere da salotto, gossip e pettegolezzi tipici di una corte, tanto che ho pensato più volte di abbandonare il libro, ma ho tenuto duro sperando in una svolta (ovvero il fattore che innescherà gli equivoci) che, grazie al cielo, c'è stata e mi ha fatto apprezzare il tutto. Anche se a mio parere la trama è piuttosto prevedibile e banalotta (in quante migliaia di commedie, in fondo, si trovano degli intricati nodi di errori e fraintendimenti da districare?), non ho potuto fare a meno di affezionarmi a tutti i protagonisti, in primis Benedetto e Beatrice, quest'ultima in possesso di un carattere veramente forte, tenace e testardo, oltre che di una lingua velenosissima e una bocca capace di sputare pesanti sentenze. Non bisogna pensare, però, che sia una bisbetica megera, al contrario, più volte si dimostra molto dolce e protettiva nei confronti della cugina e detentrice di sentimenti profondi che non ha il coraggio di rivelare. Però? Che dire? Mi piacciono troppo le tipette tutto pepe nate in un'epoca sbagliata! Claudio ed Ero, invece, suscitano quasi tenerezza nel loro candore, innocenza ed ingenua esperienza d'amore. Lui, timido nella materia di Cupido ma valoroso nella vita e nella guerra, si lascia un po' troppo influenzare dalle circostanze, dalle maldicenze e dalle persone, senza mai verificare che ciò che gli viene riferito sia tutto vero. Oserei definirlo lunatico, proprio come Leonato, il padre di Ero, che un secondo prima adora la figlia, poi la vuole morta e sofferente e subito dopo la riama! Ero, forse uno dei personaggi meno caratterizzati, non dice molto nell'opera, ma è perfettamente intuibile quanto bene rivesta il ruolo di delicata e fragile verginella di turno. Come dimenticare, poi, Carruba e Sorba, i soldati della ronda? Saranno anche i dei ex machina della vicenda, ma sono simpaticissimi! Veramente consigliato!

  • User Icon

    Fosca

    08/11/2009 21:03:52

    si tratta certamente dell'opera più leggera di shakespeare (non per questo la meno importante, n.b.) sono legata affettivamente a quest'opera: l'ho letta, ho visto il film e una delle rappresentazioni teatrali che ne sono state tratte è stata la prima che abbia visto per puro piacere personale. E' una storia geniale, un divertente intrico di fraintendimenti, complotti e sentimenti.

  • William Shakespeare Cover

    Nacque da John, guantaio e piccolo proprietario terriero e da Mary Arden, di famiglia socialmente più elevata di quella del marito. Terzo di otto fratelli, studiò nella scuola di Stratford, che dovette forse abbandonare per sopravvenute ristrettezze economiche. A 18 anni si sposò con la venticinquenne Anne Hathaway da cui ebbe subito la prima figlia Susan, causa delle affrettate nozze, e nel 1585 i due gemelli Judith e Hamnet, morto poi nel 1596. Fino al 1592 non ci sono notizie attendibili; certo è che a questa data aveva ormai lasciato famiglia e paese natio per trasferirsi a Londra, dove era in contatto con l’ambiente degli University Wits. Nel periodo della peste (1593-94) scrisse due opere poetiche dedicate al duca di Southampton:... Approfondisci
Note legali
Chiudi