Categorie

Curatore: L. Mancinelli
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: LXIV-364 p.
  • EAN: 9788806183882

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Pietro Smusi

    12/09/2015 16.37.29

    Un libro assolutamente insulso e privo di qualsiasi tipo di azione e coinvolgimento del lettore. narrazione fredda e biblica. narratore extradiegetico eterodiegetico che non aiuta a migliorare la sua reputazione.

  • User Icon

    Vale

    19/06/2013 10.34.21

    E' un po' un peccato che in questa saga si perda l'elemento magico che contraddistingue Sigfrido e che è più tipico della versione norrena della vicenda. Anche le relazioni tra i protagonisti sono diverse e soprattutto non è presente la storia d'amore tra Sigfrido e Brunilde. Il poema è più concentrato sulla vita delle corti dell'epoca, con i loro sfarzi e i loro intrighi. Cmq i personaggi sono accattivanti e anche se, ridotto ai minimi termini, I Nibelunghi è la storia di una vendetta tramata per anni, l'ho trovato interessante e meritevole di essere letto.

  • User Icon

    Agata

    25/08/2009 08.45.37

    Ma che bello! Ma che meraviglia!Eroi e guerrieri valorosi o vigliacchi, tesori magici e nascosti, storie d'amore e passione, tradimenti e riscatti. Destini che già dall'inizio mostrano l'ombra implacabile della tragedia. Certo è un poema epico del XII-XIII secolo, ma non lasciatevi impressionare: si legge come un romanzo scritto oggi. E per un po' non riuscirete a lasciar andare Sigfrido e Crimilde, Rüdiger e Hagen, Brunilde, Gunther e Attila. Farete fatica a ritrovare la strada del presente.

  • User Icon

    Lorenzo

    29/02/2008 01.07.18

    Tra i grandissimi poemi epici...

  • User Icon

    Nicola

    15/10/2007 18.21.49

    Opera indispensabile della letteratura europea, questo poema epico soffre della incompleta riscrittura da parte di un anonimo medievale, che non è riuscito a fondere bene il tradizionale argomento germanico con l'ambientazione in una corte contemporanea. maggiore armonia è presente nella "corsa" finale degli assassini verso Attila e il loro destino, uno dei momenti più alti e tragici, a mio parere, dell'intera letteratura occidentale.

  • User Icon

    Chris

    16/10/2006 13.52.42

    Uno dei migliori poemi epici...

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione