Non puoi dimenticare

Jonathan Stone

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: R. Lanzi
Anno edizione: 2015
In commercio dal: 22 gennaio 2015
Pagine: 282 p., Rilegato
  • EAN: 9788854172296
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 5,35

€ 9,90

Punti Premium: 10

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 9,90 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Stanley Peke è un tranquillo pensionato che, dopo aver trascorso quarant'anni a Westchester, vicino New York, ha deciso di trasferirsi con la moglie a Santa Barbara, per passare quanto gli resta da vivere sotto il caldo sole della California. Peke è ancora un uomo forte per la sua età, ma comincia a dimenticarsi le cose. Per questo, quando la ditta di traslochi si presenta a casa sua con un giorno di anticipo, Stanley non si insospettisce più di tanto: pensa semplicemente di aver memorizzato la data sbagliata e tutte le sue cose vengono caricate su un enorme camion che parte in direzione della nuova casa...
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2,67
di 5
Totale 3
5
0
4
1
3
1
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    giulia

    14/02/2016 23:31:54

    Si è vero un uomo dell'età di Peke che diventa un supereroe è molto improbabile. Però il libro scorre bene e la storia rimane impressa. Da leggere

  • User Icon

    Fabio Ponzana

    25/08/2015 11:03:25

    Era partito bene. Poi però ha preso il via la costruzione di un Rambo settantaduenne che, spesso, diventa divertente...per non dire scurrile ed offensivo nei confronti degli autentici sopravvissuti alla Shoah. Il ricorso poi a certa psichiatria naif, per così dire, rende il romanzo incerto fra il pulp ed il trash. Peccato.

  • User Icon

    monica

    02/02/2015 14:41:31

    Un po' lento pochi colpi di scena e anche un po' scontato anche se l'idea e' sicuramente originale. Non e' un romanzo indimenticabile ma vale la pena leggerlo.

Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali