Papa Giulio scacciato dai cieli - Erasmo da Rotterdam - copertina

Papa Giulio scacciato dai cieli

Erasmo da Rotterdam

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Curatore: P. Casciano
Editore: Argo
Collana: Il vello d'oro
Anno edizione: 1998
In commercio dal: 1 febbraio 1998
Pagine: 188 p.
  • EAN: 9788886211253
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 25,00

€ 25,01
(-0%)

Venduto e spedito da Libreria Fernandez

Solo una copia disponibile

+ 4,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


scheda di Malaspina, E. L'Indice del 1999, n. 09

Giulio II, morto il 21 febbraio 1513, giunge alla porta del Paradiso e si stupisce di non riuscire a disserrarla con la chiave in suo possesso, che è quella della potentia, non della scientia. Ne nasce così una fitta discussione con il Genius, che si limita a poche mordaci battute, e con Pietro, accorso per il gran baccano, alla fine della quale Giulio II resta sì exclusus, ma minaccia di tornare con un esercito e di stringere d’assedio il Paradiso (da notare come il finale pessimistico contrasti con quello dell’Apocolocintosi di Seneca, modello principe della satira erasmiana, ove l’imperatore Claudio è invece condotto agli inferi). La collana "Il vello d’oro" ha già al suo attivo riuscite riproposizioni di testi latini e greci, classici e medievali: questo è il primo d’epoca rinascimentale ed è il benvenuto, per la personalità dell’autore scelto, l’interesse del tema e la cura della presentazione di Paola Casciano. Il latino di Erasmo è affascinante e non cessa di stupire, perché la forma, sempre elegante, viene piegata con duttilità in un altalenarsi di registri, dall’ironico del Genio, al truculento del Papa, al severo e risentito, talvolta stupito e scoraggiato, di Pietro. La traduzione (la seconda integrale in italiano, dopo quella di Giorgio Maselli, Palomar, 1995) è spigliata, ma la sua maggior lunghezza rende in molte pagine impossibile leggerla comodamente con il testo "a fronte". Le note di commento, ricche di indicazioni bibliografiche e con i riferimenti alle fonti, costituiscono un supporto sempre utile al testo, del quale sfuggirebbero altrimenti le allusioni a fatti della vita di Giulio II. L’introduzione lascia invece in qualche caso insoddisfatti, sia per inutili ripetizioni (il paragrafo 4, sulla politica del Papa, si sovrappone al successivo, sul viaggio di Erasmo in Italia; lo stesso dicasi per il problema della paternità dello scritto, trattato ai paragrafi 2 e 3), sia per qualche reticenza a livello di costituzione del testo e di scelta delle varianti. Molto buono, invece, il capitolo sulle fonti, che informa, oltre che sui classici – Plauto, Seneca e Luciano –, anche sulla libellistica contemporanea a Erasmo, oggi del tutto dimenticata.

(E.M.)

  • Erasmo da Rotterdam Cover

    (Rotterdam 1466 o ’69 - Basilea 1536) umanista olandese. Figlio illegittimo di un prete, educato da frati agostiniani, studiò teologia in Olanda e a Parigi (ottenendo il dottorato a Torino nel 1506). Precettore privato, cominciò a preparare per i suoi allievi quegli opuscoli pedagogici che diventeranno poi, per secoli, i libri di testo della cultura europea. Discepolo ideale di Lorenzo Valla, entrò in contatto, in Inghilterra e in Italia (dove passò tre anni, 1506-09), con i più eminenti umanisti del suo tempo e cominciò lo studio del greco. Con l’Enchiridion militis christiani (1502) si fece portavoce di una riforma della chiesa ispirata a idee di tolleranza e di pace universale. A Venezia, ospite di Aldo Manuzio, lavorò agli Adagia, una raccolta di proverbi dell’antichità. Tornato in Inghilterra,... Approfondisci
Note legali