Una passione tranquilla - Helen Simonson - copertina

Una passione tranquilla

Helen Simonson

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: L. Prandino
Editore: Piemme
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 26 aprile 2011
Pagine: 486 p., Brossura
  • EAN: 9788856610338

€ 10,53

€ 19,50

Punti Premium: 20

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 19,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Ernest Pettigrew, ex maggiore dell'esercito britannico, è un uomo tutto d'un pezzo. Non perde tempo in frivolezze, né in inutili chiacchiere di paese. Ama la vita tranquilla, retta da valori solidi e intramontabili: decoro, senso del dovere e una tazza di tè fatto come Dio comanda. Ma la morte del fratello sembra aprire una breccia nel suo cuore, ed è allora che si abbandona all'amicizia per Jasmina Ali: la signora di origini pachistane che gestisce l'emporio del villaggio. Ad accomunarli non è solo lo stato civile (sono entrambi vedovi), ma anche la passione per la lettura. E così, il tè della domenica pomeriggio nella biblioteca del maggiore Pettigrew diventa ben presto un appuntamento fisso, atteso con trepidazione per tutta la settimana. Letto da Mrs Ali, Kipling è tutta un'altra cosa. Tuttavia, quando dalle amabili chiacchierate sui libri preferiti si accende qualcosa di più di una semplice amicizia, l'insolita coppia si ritrova al centro dei pettegolezzi e dei pregiudizi della piccola comunità di campagna. Perché, anche se Mrs Ali è nata a Cambridge e non si è mai spinta più in là dell'Isola di Wight, agli occhi di quel mondo chiuso resta sempre una straniera. Per non parlare del biasimo delle rispettive famiglie. A quel punto, starà al maggiore Pettigrew scegliere se piegarsi sobriamente alle tradizioni o combattere un'ultima, decisiva battaglia. Ma stavolta in nome dell'amore.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,4
di 5
Totale 10
5
5
4
4
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Roberta

    15/07/2013 09:48:21

    Deliziosa lettura che sembra ambientata lontana nel tempo ma che in realta' si svolge nei nostri giorni. E' un romanzo tranquillo ed ironico, che parla di tradizioni, di famiglie ma soprattutto di passione, che nel caso del maggiore Pettigrew e di Mrs. Ali non è tranquilla, e che li porta, a sfidare le convenzioni sociali del piccolo paesino in cui vivono. Il Maggiore Pettigrew mi ricorda molto Mr. Darcy di Orgoglio e Pregiudizio magari un po' attempato, ma beneducato e sempre consapevole di quando sia opportuno parlare e quando tacere, e con in più un pizzico di pungente humour inglese.

  • User Icon

    Laura

    24/05/2012 11:57:40

    Un romanzo davvero incantevole e delicato che parla di amore, culture diverse, libri e tè... il tutto sullo scenario meraviglioso di un paesino immerso nella campagna inglese che sembra essere "immune" allo scorrere del tempo. Tant'è che mentre lo leggevo avevo la sensazione (piacevole) che non fosse ambientato ai giorni nostri. Giunta al termine sento già la mancanza del distinto maggiore Pettigrew, del grazioso cottage Rose Lodge... persino di Roger e Sandy!!! E lo stile della Simonson così dettagliato, grazie al quale, chiudendo per un attimo gli occhi, ti sembra quasi di percorrere le stradine di Edgecombe St. Mary o di essere seduti davanti al caminetto a chiacchierare di Kipling con il maggiore e Mrs Ali. Non posso fare altro che consigliarlo!

  • User Icon

    Ragnetto

    15/04/2012 16:55:08

    Una storia romantica, quasi d'altri tempi, raccontata con delicatezza ed eleganza di scrittura, un racconto davvero piacevole da leggere. L'Inghilterra, con tutti i suoi pregi e i suoi difetti, è qui magistralmente raccontata, quasi al limite dello stereotipo, e questo forse è l'unico difetto del romanzo. Ma lo possiamo perdonare...

  • User Icon

    Monica

    04/01/2012 17:30:24

    E' un romanzo delicato, rilassante, ben curati i dialoghi,le descrizioni e le caratterizzazioni dei personaggi. Una bella storia d'amore, che scalda il cuore senza essere mai scontata o banale!

  • User Icon

    Elisabetta V.

    18/12/2011 16:58:10

    Lettura piacevolissima alla quale ci si attacca con la colla. Da legegrsi, insomma, molto volentieri. La descrizione dell'ambiente ingese corrisponde agli stardard a cui siamo abituati. Es.la differenza fra le classi sociali, lo spregio per chi non è inglese e per gli stanieri in generale...soprattutto se di colore... Mi domando se esistono ancora queste cose e se (con altrettanto spregio da parte mia) l'Inghilterra "pensante" non si evolverà mai !! Il personaggio del protagonista è descritto, nel suo piccolo mondo, come un grande uomo, ed in effetti pare sia tale. Interessante anche la descrizione delle differenze di opinioni fra le generazioni padre/figlio (il che mi fa pensare che a questo punto sarebbe meglio non avere figli). Nel complesso un libro piacevolissimo. Abbasso però il voto perchè la storia d'amore mi sembra non solo improbabile, ma decisamente impossibile... ai limiti dell'assurdo.

  • User Icon

    elda

    07/10/2011 23:13:09

    Romanzo molto gradevole che si legge con piacere, pagina dopo pagina, con un tenero sorriso sulle labbra. Il linguaggio è semplice ma accurato, l'intreccio narrativo è convenientemente strutturato, i personaggi risultano ben delineati psicologicamente.

  • User Icon

    juliet

    28/05/2011 22:09:27

    mi piacerebbe poter suonare al campanello del maggiore Pettigrew e della signora Ali nelle sere un po' stonate e farmi dare qualche dritta sulla vita sorseggiando un tè sul loro divano. è quando vorresti che i personaggi uscissero dalle pagine ed entrassero nella tua vita che capisci che quella è una storia che ti resterà dentro, e il libro finirà sullo scaffale degli eletti. signora Simonson, c'è spazio per un secondo romanzo su quello scaffale: io glielo tengo occupato, ma lei si sbrighi, per favore!

  • User Icon

    roberta r

    24/05/2011 09:43:43

    Il titolo dice molto. L'amenità della campagna inglese è resa magnificamente dallo stile minuzioso ma non noioso e ti coinvolge con inesorabile tranquillità, fino a non farti più allontanare dal libro. Vorresti che non finisse mai e nello stesso tempo non vedi l'ora di proseguire nella lettura. Paesaggi sapientemente pennellati sono lo sfondo di personaggi decisamente tridimensionali. Con affilata precisione, la Simonson (speriamo pubblichi ancora...e presto!) ci dimostra che una certa attitudine al buon senso, all'educazione e al rispetto della tradizione non significa superficialità o grettezza. Si parteggia per il Maggiore Pettigrew (anche quando non lo si condivide), si ammirano la sua coerenza interiore, i suoi scrupoli segreti, quella pudica tenerezza che non vuole lasciare trasparire, il rispetto dei vecchi valori. Che strano eroe, questo pacato settantenne tutto preso dalle tradizioni del paese e dall'onore della famiglia, che si commuove leggendo Kipling e Johnson. Un senso dell'onore genuinamente inteso, sia chiaro, radicato nella coerenza, nell'educazione, nella cortesia, nella lealtà. Uomo che guarda alla sostanza più che all'apparenza, uomo dalle segrete, piccole debolezze (una qualche propensione a certa vanità, ma è peccato veniale!) Ernest Pettigrew è così diverso dal figlio, Roger, tutto apparenze, carriera e status simbol! Il dialogo tra padre e figlio è pressochè impossibile, agli occhi di noi lettori che possiamo vedere cosa stia dietro (rectius, dentro) la mentalità dei due soggetti. Notevoli anche i personaggi di contorno, un contorno così sapido che diventa co-protagonista. Bilanciato, ben scritto, affascinante, è un libro che fa sognare di vecchi maglioni di lana shetland, robuste giacche di tweed e bicchierini di chiaretto davanti al camino con tenerezza e un sorriso. L'amore non ha età, la personalità nemmeno. Incidentalmente: il Maggiore Pettigrew non poteva chiamarsi che Ernest.

  • User Icon

    M.G.

    14/05/2011 12:54:38

    Maggiore Pettigrew, ti prego, diventa il mio vicino di casa! Il vicino di buon senso, quello con cui commentare il quotidiano con la certezza di ricevere un'opinione ponderata, ragionevole, pacificatrice. La signora Simonson ha davvero scritto una storia indimenticabile, fresca, romantica nel senso migliore del termine, in cui non tutto finisce bene, ma d'altra parte quando mai va tutto bene? L'importante è essere attenti, come il Maggiore, a quello succede attorno a noi, riconoscere il momento in cui far valere le nostre ragioni e quello in cui compiere il salto, fidarci, cambiare idea, non lasciarci fossilizzare dall'età o dal giudizio degli altri. Andare incontro alla vita, insomma. Passate parola.

  • User Icon

    M.T.

    12/05/2011 10:25:48

    Una bella storia d'amore che travalica ogni differenza di razza e status sociale; delicatezza, ironia e acuta descrizione dei caratteri fanno di questo romanzo un vero capolavoro.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente
  • Helen Simonson Cover

    Helen Simonson è una scrittrice inglese. Si è laureata alla London School of Economics e ha lavorato in campo pubblicitario. Trasferitasi quando era giovane negli Stati Uniti, attualmente vive a Brooklyn. Ha pubblicato Una passione tranquilla e I giorni prima della guerra. Approfondisci
Note legali