Paura liquida - Zygmunt Bauman - copertina
Salvato in 4 liste dei desideri
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Paura liquida
14,99 €
;
LIBRO USATO
Dettagli Mostra info
Paura liquida Venditore: Tomi di Carta + 5,00 € Spese di spedizione Solo una copia disponibile
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Tomi di Carta
14,99 € + 5,00 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
ibs
14,25 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,25 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Tomi di Carta
14,99 € + 5,00 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Chiudi
Paura liquida - Zygmunt Bauman - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

Credevamo che nella modernità saremmo riusciti a lasciarci alle spalle le paure che avevano pervaso la vita in passato; credevamo che saremmo stati in grado di prendere il controllo della nostra esistenza. "Noi, uomini e donne che abitiamo la parte "sviluppata" del mondo (la più ricca, la più modernizzata), siamo "oggettivamente le persone più al sicuro nella storia dell'umanità". Lo siamo contro le forze della natura, contro la debolezza congenita del nostro corpo, contro le aggressioni esterne. Eppure proprio noi che godiamo di sicurezza e comfort senza precedenti, viviamo in uno stato di costante allarme. Questo nuovo libro di Zygmunt Bauman è un inventario delle nostre paure. È il tentativo di scoprirne le origini comuni, di esaminare i modi per disinnescarle e aprirci gli occhi sul compito con cui dobbiamo confrontarci se vogliamo che domani i nostri simili riemergano più forti e sicuri di quanto noi siamo mai stati.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

4
2008
10 gennaio 2008
227 p., Brossura
9788842081623

Valutazioni e recensioni

3,5/5
Recensioni: 4/5
(2)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(1)
1
(0)
Massimo
Recensioni: 5/5

Il potere politico, economico e mediatico, incapace di garantire l'assistenza e la previdenza sociale ai cittadini, li spaventa, alimentando paure ingiustificate (terrorismo e criminalità), per distrarli affinché questi chiedano solo di essere protetti e non pretendano i costosi istituti di assistenza sociale. E' il (terribile) passaggio dallo Stato sociale allo Stato dell'incolumità personale. Questa è la tesi principale di Bauman in questo saggio. Molto interessante, reale, apre la mente di fronte alla retorica di paura dei media e di certa politica. Una citazione su tutte quelle proposte da Bauman: "Il carosello pro-sicurezza è per la criminalità ciò che la pornografia è per i rapporti amorosi". Il carosello pro-sicurezza non corrisponde alla reale criminalità, come la pornografia non corrisponde ai rapporti amorosi. Illuminante.

Leggi di più Leggi di meno
Alberto
Recensioni: 2/5

Ho comprato senza nessuna esitazione l'ultimo libro di Bauman “Paura liquida”, abituato da altri titoli del Professore ad una trattazione arguta e incalzante dei temi affrontati ed anche ad una lettura impegnativa, ma scorrevole : questa volta non è andata così! L'argomento di questo saggio sulle umane paure - contestualizzate nell'ormai abituale scenario del mondo liquido-moderno - è affrontato con quella che mi è parsa, purtroppo, una certa stanchezza intellettuale. Chiarisco. Non che si sia venuta meno l’attualità delle intuizioni di Bauman o che si sia appannata la lucidità delle sue analisi : dico solamente che questa volta la trattazione fa fatica a svolgersi e richiede al lettore un surplus di attenzione nel seguire il filo di un ragionamento che si dipana tra incisi e citazioni che si accavallano (troppe davvero!) ed una prosa che spesso appare ampollosa quando non pleonastica . Insomma, sembra smarrito lo stile incisivo e convincente che ha caratterizzato scritti come “Vite di scarto”, “Amore liquido” o il fulminante “Modus vivendi…” e questa mi è parsa, appunto, una traccia di stanchezza intellettuale. All’attivo di queste pagine, comunque, c’è sempre di base il pensiero forte e attuale di uno dei più profondi critici della contemporaneità, del quale segnalo tre spunti interessanti: 1) la tendenza ad allontanare la dimensione naturale della morte attraverso la ricerca costante delle cause scientifiche e ultime che ne determinano ogni singolo caso; 2) la inadeguatezza delle istituzioni statuali nazionali a fornire risposte a problematiche che hanno origine in dimensioni sovranazionali, o meglio globali; 3) lo spostamento della funzione dello Stato (e quindi della politica) da garante della protezione personale , a garante della protezione della incolumità dei singoli. Tuttavia la pesantezza strutturale del saggio resta la sua caratteristica più marcata: quindi- senza nulla voler togliere al valore dei contenuti- se non avete mai Bauman, non cominciate da qui...

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,5/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(1)
1
(0)

La recensione di IBS

Quali sono le paure del nostro tempo? Che cosa significa temere oggi? Da dove nasce il clima di inquietudine, ansia e insicurezza che spesso pervade le nostre giornate? Nel suo nuovo libro, Zygmunt Bauman, uno dei più noti e influenti pensatori contemporanei, ci invita ad approfondire questo argomento che ci accomuna. Chi può infatti dire di non avere mai avuto paura?
"La paura è una sensazione nota a ogni creatura vivente" scrive l'autore, creatore del concetto di "modernità liquida" esposto in molti dei sui libri, tra cui Modernità liquida, Vita liquida e Amore liquido. Addentrandosi nella sua analisi sottolinea soprattutto, come nell'uomo, a differenza degli animali, questo sentimento sia particolarmente vincolante, infatti "orienta il comportamento dell'essere umano dopo avere modificato la sua percezione del mondo e le aspettative che ne guidano le scelte". Insomma nell'uomo esiste una particolare sensibilità al pericolo, che influenza la sua visione della vita e che determina uno stato di timore strisciante, sospeso nell'aria, presente anche in assenza di una minaccia reale e dunque ancora più subdolo. Nella nostra epoca questa paura latente è purtroppo assai diffusa. è proprio questo aspetto che colpisce Bauman: la paura vista e descritta con gli occhi del sociologo e dell'acuto osservatore del mondo contemporaneo è la vera protagonista di questo libro. "La paura più temibile è la paura priva di un indirizzo e di una causa chiari; la paura che ci perseguita senza una ragione, la minaccia che dovremmo temere e che si intravede ovunque, ma non si mostra mai chiaramente. "Paura" è il nome che diamo alla nostra incertezza: alla nostra ignoranza della minaccia, o di ciò che c'è da fare per arrestarne il cammino o, se questo non è in nostro potere, almeno per affrontarla." Nei nostri tempi, poveri di certezze e garanzie, le occasioni per avere paura non mancano. Secondo l'analisi di Bauman, i pericoli che si temono possono essere di tre tipi: quelli che minacciano il corpo e gli averi, quelli di natura generale, che riguardano la stabilità e l'affidabilità dell'ordine sociale, e quelli che insidiano la propria collocazione nel mondo e la propria identità, esponendoci alla possibilità di essere umiliati ed esclusi a livello sociale. D'altro canto, questo è ciò che preoccupa maggiormente, la paura è caratterizzata dall'ubiquità, "può uscire da qualsiasi angolo o fessura della nostra casa o del nostro pianeta": dalla strada, dalle persone che conosciamo o dagli sconosciuti, dalla natura, da altri popoli. Cosa fare di fronte a questo fantasma interiore? Il libro di Bauman non offre ricette o soluzioni miracolose ma ci invita a riflettere. Tenta di individuare le radici comuni delle paure e gli ostacoli di cui è costellata la via della loro scoperta, conservando speranze e ottimismo nel futuro nonostante le difficoltà. Scrive infatti: "Questo libro è solo un invito a pensare di agire e ad agire consapevolmente… Si prefigge unicamente di avvertirci del tremendo compito che dovremo certamente affrontare per gran parte di questo secolo, nella speranza che l'umanità sappia portarlo a termine e, alla fine, si senta più al sicuro e sicura di sé di quanto non fosse all'inizio".

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Zygmunt Bauman

1925, Poznan

Fuggito dalla Polonia in seguito all'invasione nazista, Zygmunt Bauman (Poznan 1925 - Leeds, Regno Unito 2017) dopo la guerra ritorna in patria e si laurea in sociologia a Varsavia. La sua dissertazione sul socialismo britannico, che per prima gli diede notorietà, nacque dalla sua permanenza alla London School of Economics. Ottimo conoscitore di Gramsci e di Simmel, dapprima marxista ortodosso, gli venne tolta la cattedra all'università in tempo di epurazioni, cioè nel 1968. Insegnò per un certo periodo all'università di Tel Aviv e poi a quella di Leeds.È il creatore del concetto di società "liquida": l'incertezza dei tempi moderni trasforma i cittadini in consumatori, smantellando ogni certezza conduce a una vita liquida...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore