Categorie
Traduttore: M. Colombo
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2009
Pagine: 238 p. , Brossura
  • EAN: 9788804593843

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Davinelulinvega

    29/06/2013 12.13.25

    Due anni fa avevo abbandonato questa lettura dopo soli tre capitoli, scoraggiato fondamentalmente dalla traduzione in italiano. Che pigro che sono! Ripreso in mano qualche giorno fa, me lo sono letteralmente divorato. Certo, ci vogliono una cinquantina di pagine per iniziare a leggere scorrevolmente uno stile tanto involuto (ma assolutamente funzionale alla storia) dopodichè ci si lascia immergere nel miglior Palahniuk, quello della critica sferzante ed irrisoria alla società moderna che contraddistingue le sue opere migliori. Per quel che mi riguarda è uno dei suoi libri più riusciti, due spanne sopra gli ultimi deludenti "Senza veli" e "Dannazione". L'impegno che richiede la lettura è inizialmente un po' irritante, ma alla fine si rivela un'ottima palestra mentale. Per i suoi fans questo è un MUST.

  • User Icon

    Dario76

    02/06/2012 11.52.28

    A me personalmente è piaciuto, l'ho trovato molto più originale e interessante di opere come "Soffocare" e, nonostante lo stile, molto più facile da seguire di "Invisible monster". Non capisco proprio dove sia tanta difficoltà nella lettura, forse per bambino delle elementari, ma un trentacinquenne con licenza superiore e mediamente istruito come me o più dovrebbe fare appena un lieve sforzo di concentrazione in più rispetto a una qualsiasi opera di Palahniuk, il che rende anche la lettura più accattivante e motivante. Se cercate il romanzetto da leggere scorrevolmente e senza impegno sotto l'ombrellone leggetevi quelli di Moccia, certo non Pigmeo ma a questo punto neanche uno qualunque di Palahniuk.

  • User Icon

    Lorenzo

    24/02/2011 01.44.12

    ok ha una scrittura inusuale alla quale bisogna abituarsi, aggravata dal fatto che probabilmente nella traduzione (molto ardua) il libro ha perso scorrevolezza. infatti alcune frasi non si capisce se sono "sbagliate apposta dall' autore" o "tradotte male dal traduttore". oltre a questo inconveniente è come gli altri suoi libri: incredibile e realistico, triste e irriverente, stomachevole e romantico... gran libro.

  • User Icon

    uomo nero

    28/03/2010 23.00.10

    Bisogna ammettere che non è banale (come di consueto) e che dopo le prime pagine si rimane spiazziati. Confesso di aver sbirciato le ultime pagine per capire se lo stile di scrittura fosse rimasto inalterato! Bisogna anche ammettere che non è un romanzo di facile lettura per buona parte della storia mentre sul finale diventa più fluido (ma anche banalotto).Non bellissimo e neanche bello ma a modo suo si fa ricordare.

  • User Icon

    Paolo

    22/03/2010 10.04.51

    Premesso che il linguaggio utilizzato nel libro può non piacere (ho trovato difficile la lettura all'inizio), ritengo sia funzionale alla storia. Una certa società americana ignorante e violenta si spoglia attraverso le descrizioni disincatate del Pigmeo e questo è quello che mi è sempre piaciuto in Palahniuk. Sarcastico e divertente, soltanto il finale mi ha deluso, dovendo ammettere amaramente che è addirittura romantico, come citato in copertina.

  • User Icon

    Milla

    10/03/2010 16.01.41

    Divertente e irriverente, certo il metodo di scrittura utilizzato non aiuta il lettore, ma bisogna dire che certe perle di comicità non sarebbero state tali se lo scrittore avesse utilizzato una scrittura "tradizionale". La società americana ne esce a pezzi in tutta la sua superficialità e finto perbenismo. Occorre solo avere la pazienza di abituarsi al "linguaggio" del protagonista per il resto il libro è godibilissimo.

  • User Icon

    Gus

    28/01/2010 23.51.42

    Resoconto di lettore me, lettore vecchia data Palahniuk. Oggi trova autore irriconoscibile e propone fare fuoco, fiam-fiam, incenerire libro. Lettore me cita Nietzsche: "Il libro deve desiderare penna, inchiostro e scrivania: ma di solito sono penna, inchiostro e scrivania a desiderare il libro. Perciò oggi i libri valgono così poco"

  • User Icon

    Lorenzo

    04/01/2010 17.16.18

    Divertente e irriverente. Pigmeo è il personaggio più bizzarro ritratto da Palahniuk. Comicità esilarante (e delirante) il romanzo, attraverso la lente deformante e grottesca in cui Pigmeo agisce, descrive la decadenza dell’occidente. Chuck evidenzia il degrado culturale e le contraddizioni della società moderna in maniera acuta, pungente con un linguaggio decisamente non convenzionale....è proprio il caso di dirlo: per molti, ma NON per tutti!

  • User Icon

    Luigi Orazzo

    11/12/2009 15.27.01

    E' ormai cosa tristemente nota che Palahniuk non sia lo stesso di 15 anni fa.I suoi capolavori (Fight club,invisible monsters,survivor)sembrano appartenere ad un altra epoca e, grazie alle ultime deludenti pubblicazioni,anche ad un altro scrittore. Sta di fatto che "pigmeo" segna una sua piccola "rinascita" e,se non si può parlare di una vera "resurrezione",perlomeno è da registrare un netto miglioramento rispetto all'assurdo "gang bang".La storia del piccolo terrorista è tra le migliori idee dell'autore americano,che torna ad essere feroce,scorretto e spietato nei confronti della società a cui appartiene."Pigmeo" è un autentica parodia del mondo a stelle e striscie,sorretto da una trama piacevolmente "sconclusionata" e farcito da un'ironia dissacratoria. Un delirio spesso molto coinvolgente,che difficilmente annoia il lettore,stupito dal ritrovato "Palahniuk-style".Purtroppo non è tutt'oro quello che luccica,dato che l'autore ha deciso di affidare l'itera narrazione all'inglese (italiano) stentato del protagonista e, il risultato,per quanto divertente in alcune parti è complessivamente una scelta sbagliata."Operativo me" diventa fastidioso dopo 20 pagine e,issoportabile dopo 100,rendendo cosi' il traguardo dell'ultima pagina,un'autentica impresa,che solo pochi,pazienti e,appassionati lettori possono aver il coraggio di affrontare.Resta il rammarico di questa discutibile scelta stilistica ,che a mio giudizio penalizza eccessivamente quello che poteva essere un piccolo capolavoro.

  • User Icon

    Giovanni

    23/11/2009 15.20.49

    Divertente ed irriverente libro di Palahnik, scritto in un linguaggio al limite del comprensibile, che rende la lettura un pò difficoltosa. Ammetto che abituarsi a ciò comporta fatica, ma a lungo andare ho trovato questa trovata simpatica e pertinente al personaggio in questione. In questo racconto ci sono tutti gli elementi dell'autore, che non risparmia amare frecciate alla nostra società e al tempo stesso colpisce il lettore con il calssico humor politicamente scorretto. Se si tralascia il linguaggio e un finale un pò piatto , non si può non apprezzare questa opera, che si burla del nostro mondo "occidentale" denigrandone le pessmie abitutini e l'assoluta mancanza di valori. D'altro canto anche il cosidetto paese "terrorista" è dipinto come una macchietta, ironizzando sul totalirarimo dello stesso. In sintesi non si può non pensare che il nostro mondo è colmo di eccessi e questo libro, ingigantendoli, ce li mostra attraverso le tipiche vicende di Palahaniuk.In particolare la società giovanile è dipinta come fredda e assolutamente priva di valori a parte queli sessuali. Tale situazione è descritta via via in modo molto credibile, colpendo con le consuete vicende "al limite", ma anche per la veridicità, ahimè, di alcune situazioni. Da ammiratore dello scrittore ho apprezzato come sempre le situazioni, i dialoghi e alcuni personaggi e giungo alla conclusione che questo racconto mi ha divertito e colpito come sempre, ma mi ha fatto anche riflettere su tanti aspetti della nostra vita e del niostro mondo malato.

  • User Icon

    pippowski

    09/11/2009 18.27.21

    ..operativo me arrivato a lettura di pagina 61 di blocco fogli rilegato con copertina con impresso titolo "Pigmeo". Pensato che forse scherzo, pensato che forse introduzione durare più capitoli. Poi me sbirciato pagina 114, poi pagina 156, 187, 234.. Poi basta, poi me capito.. Palahniuk ha sbroccato. A parte i parafrasismi alla fine mi sto anche divertendo, sarà perchè adoro le sue opere passate o altro, ma visto in una certa ottica è anche coraggioso come romanzo. L'istinto era quello di alimentare la stufa. Al momento gli dò un 50%. Vediamo come finisce.

  • User Icon

    Stefano

    06/11/2009 08.22.13

    Sicuramente il modo in cui è scritto non aiuta, ma qui credo che quello che si può lamentare di più è il traduttore! Mi immagino il lavoraccio che gli è toccato... A me è piaciuto abbastanza, anche se non è paragonabile a Soffocare, Survivor, Fight Club e Ninna Nanna, che sono i miei preferiti!

  • User Icon

    Nikola

    30/10/2009 13.53.02

    Geniale. Pigmeo è il personaggio più divertente che Palahniuk abbia mai scritto. La modalità di scrittura aiuta a rendere alcune scene di una comicità delirante. Un esempio a caso: Pigmeo cerca di sedurre una ragazza alla festa della scuola: "Esemplare femminile, permette effettua danza di accoppiamento precedente generazione di embrione umano?" oppure "Stimata Signora Poppe. Richiede di dimostra anatomia superiore a scopo riceve generoso deposito di seme maschile"...... È un Palahniuk in gran forma. Consiglio questo libro solo ai veri ammiratori. Gli altri vadano pure a leggere Dan Brown.

  • User Icon

    Mattia

    27/10/2009 12.49.51

    Ho letto tutti i libri pubblicati da Palahniuk e ritengo che questo non sia all'altezza degli altri. Devo però sottolineare che il linguaggio scelto ti fa immedesimare nel personaggio che racconta la storia. Si riesce a vedere con gli occhi di un estraneo del mondo occidentale la realtà.

  • User Icon

    Luca De Rosa

    27/10/2009 12.31.38

    Devo dire che sono d'accordo con Massimiliano...sono stato in libreria sabato pomeriggio, ho guardato almeno 5 o 6 libri leggendo anche le pagine intermedie, solo per questo non l'ho fatto e quando mi sono reso conto di come era scritto mi sono molto arrabbiato...ho anche pensato che forse era il caso di scriverlo sulla copertina, tipo il bollino per il linguaggio esplicito: "ATTENZIONE: Libri non scritto in italiano"

  • User Icon

    enrico

    26/10/2009 12.22.44

    Lo stile effettivamente è incomune,ma leggendo con attenzione si arriva alla fine del libro. Trovo assolutaente attuali le analisi sulla sessualità dei personaggi,non riesco in questo momento a non collegare alcune situazioni descritte nel libro con ciò che sta accadendo in Italia.Il romanzo descrive la decadenza dell'Occidente,che ormai trova soltanto nel sesso più sfrenato un lenimento al vuoto interiore.Palahniuk mette in evidenza l'assurdità dello stile di vita europeo creatosi dopo la seconda guerra mondiale,un occidente composto da bulli fuori e deboli dentro,pronti ad innamorarsi del primo che li sodomizza e che gli trasmetta un po di sana e vitale forza.

  • User Icon

    PaulTefth4

    25/10/2009 09.41.37

    La prima delusione letteraria di Palahniuk. E' dura ammetterlo, anche per me, che sono uno stimatore assoluto di Chuck ma Pigmeo è al limite dell'illeggibile.

  • User Icon

    Elio

    22/10/2009 23.46.34

    Mi sento di sconsigliare questo libro a chi ha voglia di leggersi qualcosa di semplice. Capisco chi critica questo libro ma personalmente,dopo le prime 15 pagine,una volta entrato nel "meccanismo",l'ho trovato scorrevole e divertente, come al solito Palahniuk condisce il tutto con una satira ferocissima e graffiante. Pigmeo è spassoso e lo sguardo visionario dell'autore raggiunge livelli altissimi (specialmene le parti in chiesa e nel supermarket). Chuck è il mio autore preferito ma era dai tempi di Cavie che una sua opera non mi prendeva cosi. Personalmente lo colloco tra i suoi libri migliori con Soffocare,Survivor e Cavie. Chi non ha voglia di mettersi di impegno in questa lettura compri qualcos'altro,non è colpa dell'autore se la maggior parte delle persone non vogliono lambiccarsi il cervello.

  • User Icon

    Giuliano

    22/10/2009 17.22.56

    Uno dei pochissimi libri della mia vita che non sono riuscito a finire. Più che noioso ed irritante, è incredibilmente banale, una sorta di parodia autocelebrativa dello stile dell'autore. E dire che avevo molto amato Rabbia, Survivor e Fight Club....

  • User Icon

    massimiliano

    16/10/2009 18.01.29

    non ho mai scritto una recensione in vita mia, ma stavolta mi sento di doverlo fare: sono arrabbiato nero! ma con me stesso, che mi sono fidato a occhi chiusi del nome dell'autore e della semplice introduzione del libro, senza nemmeno leggere almeno qualche pagina, come dovrebbe essere buona cosa fare SEMPRE. dico subito che dopo sole poche pagine ho buttato l'occhio alle successive, e qui l'amarissima sorpresa: erano TUTTE scritte (scritte...) nel medesimo "linguaggio" illetterato!!! questo libro è una burla di Palahniuk, che ormai si permette di "giocare" come vuole, scrive quello che gli passa per la testa e nel modo che più gli aggrada, convinto che tanto verrà pubblicato. io ho già rinunciato a proseguire nella lettura, non si può fare così tanta fatica per leggere. prima di comprarlo accertatevi che anche per voi non sia insostenibile leggere tutto un libro scritto in una NON LINGUA. assurdo...se fosse possibile votare liberamente darei ZERO.

Vedi tutte le 23 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione