Categorie

Pierre Douzou

Traduttore: E. Ioli
Editore: Dedalo
Edizione: 2
Anno edizione: 1999
Tipo: Libro universitario
Pagine: 128 p. , ill.
  • EAN: 9788822062024

scheda di Fasolo, A., L'Indice 1998, n. 7

Cosa si deve (e si può!) fare per divulgare efficacemente la scienza... In un mondo sempre più basato sull'immagine, dopo la scienza illustrata e quella a fumetti, con Pierre Douzou siamo arrivati allo zen della genetica. Il libretto ci racconta la saga dei geni in un modo godibilissimo, intrecciando una arguta sequenza di disegnini essenziali con frasi lapidarie, piene di spirito e di reminescenze letterarie, ma allo stesso tempo pregnanti e scientificamente corrette. Come promette la copertina, si va dall'abate Mendel alla pecora Dolly, percorrendo un itinerario che dalla genetica formale approda ai fremiti prometeici dell'ingegneria genetica. Il percorso, fatto in volata, è spericolato e di grana grossa, ma di "cervello fino". Meglio di tante opere paludate, riesce a evidenziare snodi concettuali e a presentare problemi seri, ricordandoci che ci si può accostare al sapere scientifico sorridendo, con curiosità, senza drammatizzare. È solo un primo passo, ma fondamentale per cominciare la lunga e faticosa strada della conoscenza. La morale del libro, del tutto condivisibile, recita con François Rabelais: "La scienza senza coscienza è la rovina dell'anima".