La smorfia - Lello Arena,Enzo De Caro,Massimo Troisi - copertina

La smorfia

Lello Arena,Enzo De Caro,Massimo Troisi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Einaudi
Anno edizione: 1997
In commercio dal: 1 gennaio 1997
Pagine: 137 p.
  • EAN: 9788806144074
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 7,00

Venduto e spedito da Libreria Fernandez

Solo una copia disponibile

+ 4,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 6,71 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

I fortunati sketch televisivi di Troisi, Arena e De Caro che hanno inaugurato una nuova stagione della comicità napoletana.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    gera

    29/04/2020 12:01:42

    Il libro ripropone i testi integrali degli episodi televisivi della Smorfia, spettacolo satirico approdato alla Rai negli anni ’80. Massimo Troisi, Lello Arena e Enzo De Caro gli autori. Il sarcasmo e l’ironia dell’opera è moderno e mai banale. Si ride, e si ride bene. Il libro è adatto anche a chi non dovesse conoscere il dialetto napoletano. Non è un caso che dopo tanti anni i singoli episodi dell’opera vengono regolarmente rappresentati in tutti i teatri d’Italia. Lo consiglio, un intramontabile classico del teatro popolare.

In tre anni la Smorfia mise a punto un repertorio popolarissimo, che fece segnare il tutto esaurito in giro per l'ltalia, grazie anche al successo televisivo in trasmissioni come Non Stop e Luna Park. Questo libro è un'occasione unica per assaporare la comicità di lello Arena, Enzo Decaro e Massimo Troisi, i tre attori protagonisti dell'avventura della Smorfia. Con la sua aria da vittima che la sa piú lunga del carnefice, la sua voce pigra e difensiva, il suo napoletano smozzicato, sempre sull'orlo dell'afasia, Troisi ha creato un personaggio indimenticabile. E indimenticabili restano le performances di Enzo Decaro e Lello Arena, quest'ultimo in particolare nelle parti del "cattivo" gabbato. Piú ancora del cabaret e del teatro di varietà si avverte l'eco della tradizione della commedia e della farsa napoletana, rivisitata con una leggerezza che fa piazza pulita dei luoghi comuni della napoletanità. Questo repertorio, affidato finora solo alla memoria e alla cultura orale, non era mai stato pubblicato.
Un'edizione rigorosa e una trascrizione fedele lo mettono oggi a disposizione dei lettori e degli appassionati che riconoscono nella Smorfia uno straordinario fenomeno comico e linguistico del teatro italiano.

  • Lello Arena Cover

    Propr. Raffaele A., attore e regista italiano. Con M. Troisi e E. Decaro è uno dei fondatori del gruppo «La Smorfia» che negli anni ’70 incarna l’avanguardia della comicità teatrale napoletana. Debutta al cinema nell’opera prima di M. Troisi (Ricomincio da tre, 1981) al quale resta legato anche nel successivo Scusate il ritardo (1982). Non si separa mai dai ruoli comici delle origini, fatta eccezione per il personaggio interpretato in Tu ridi (1998) dei fratelli Taviani. Come regista esordisce nel 1982, in coppia con L. Gasparini, No, grazie, il caffè mi rende nervoso, da un soggetto di M. Troisi, mentre nel successivo Chiari di luna (1988) ripercorre in toni bozzettistici le sue prime esperienze nel mondo dello spettacolo. Negli anni ’90 lavora soprattutto in tv. Approfondisci
  • Massimo Troisi Cover

    Attore e regista italiano. Di umili origini, si appassiona, contro le tradizioni di famiglia che lo vorrebbero geometra, al teatro, cominciando a praticarlo come attore, prima da solo, poi con il gruppo cabarettistico La Smorfia, costituito con L. Arena e E. Decaro. Il buon successo degli spettacoli teatrali gli apre le porte della televisione e poi del cinema, dove esordisce nel triplice ruolo di regista, sceneggiatore e protagonista con Ricomincio da tre (1981): i sorprendenti incassi del film, in un periodo non particolarmente felice per il cinema italiano, premiano l'originalità di T., la cui comicità punta su elementi surreali e paradossali, sicuramente debitori dello spirito partenopeo, ma che anche lo costringono nell'eterogenea famiglia dei «nuovi comici» dei primi anni '80 (F. Nuti,... Approfondisci
Note legali