Categorie

Violetta Bellocchio

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2009
Pagine: 352 p. , Brossura
  • EAN: 9788804581574

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Sara

    15/06/2016 17.41.43

    Romanzo vuoto e inutile. La lettura è appesantita da una voce narrante alquanto sgradevole, anzi morbosa oserei dire. D'altra parte la protagonista Laila è una persona morbosa, visto che ci tiene ad esserlo. Come è morboso il rapporto col suo schiavetto a tempo pieno Sean. Non si capisce dove l'autrice voglia arrivare con questi due personaggi strambi che non hanno niente da dire al lettore. La Bellocchio tenta di fare il colpaccio con lo stupro subito da Laila alla tenera età di 14 anni. Il problema è che la protagonista stessa ne parla come se fosse un pettegolezzo, o come una cosa che non la riguardi affatto. Ma si è trattato di uno sforzo vano dell'autrice, in quanto il lettore continuerà ad avere un'opinione bassissima di Laila, anzi ne rimane pure infastidito. Laila e Sean sono i due personaggi più alienati mai incontrati, un'eccellente coppia di disadattati sociali. Bellocchio, per cortesia smettila con la scrittura perchè non sei credibile.

  • User Icon

    dario

    09/05/2012 15.40.56

    Davvero deludente. Stile simil-palahniuk ma senza mordente, voce narrante sgradevole, approccio pretenzioso. Peccato.

  • User Icon

    mentapiperita

    30/08/2009 21.31.57

    Abbastanza deludente, speravo in qualcosa di più. Alcuni passaggi sono ben riusciti e soprattutto alcune battute sono da sottolineare, ma nel complesso la trama non entusiasma, a volte il racconto si perde nel non senso, e soprattutto la fine mi ha lasciata perplessa.

  • User Icon

    Enrico Remmert

    28/06/2009 15.34.12

    Trovatemi un libro così al giorno, vi prego.

  • User Icon

    Daniele

    17/06/2009 17.25.37

    Originalmente strano, belle frasi da sottolineare e da ricordare, battute che possono tornare utili. Non sempre facile da seguire la storia, ma è proprio questa l'originalità, che è poi il senso profondo del racconto, l'eterna fuga da se stessi, dal passato troppo ingombrante, dai propri dubbi, dalle incertezze, dalla vita stessa che a volte ci sembra cosi ingiusta.

  • User Icon

    ang

    12/05/2009 19.16.53

    bellissimo!

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione