Categorie

Amos Oz

Traduttore: E. Loewenthal
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2002
Formato: Tascabile
Pagine: 236 p.
  • EAN: 9788807817144

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Libricciola

    24/03/2010 22.24.10

    Le prime pagine mi hanno fatto venire voglia di buttare il libro giù dalla finestra! Poi però mi sono abituata al linguaggio quasi poetica e ad un ritmo che accellera e rallenta e a situazioni che saltano di palo in frasca, e alla fine l'ho trovato quasi bello. Voto medio, perchè è inferiore al resto della produzione di Oz e perchè la storia è davvero uno spezzatino che a tratti richiede un bel po' di attenzione per capire chi parla di cosa...

  • User Icon

    manvela

    04/09/2008 18.21.00

    "Lo stesso mare" è la conferma che Amos Oz è un'autore di eccezionale livello! Qui la sua capacità di distillare l'essenza della narrazione facendo un uso strutturale e plastico delle parole e della forma espressiva raggiunge livelli propri delle arti figurative e forse di più: se potesse una scultura emanare calore e talvolta gelo, e profumi e sapori, ecco sarebbe una scultura alla Amos Oz. Non ho dubbi sulla genialità di questo scrittore. Il mare è un simbolo: vastità, profondità, imperscrutabilità e terribile ineluttabilità che si frappone tra chi ama e chi non c'è più o non c'è mai stato o non potrà mai esistere. E così le frasi, le righe e i capoversi come onde si gonfiano e refluiscono, montano come la marea e si ritraggono e l'essenza del narrato come acqua di mare si concentra quando evaporano i vocaboli che trasformano una frase in un verso! Toccante, straordinariamente intenso, immaginario e sinceramente autobiografico... come sempre Amos Oz!!!

  • User Icon

    roby

    08/06/2007 22.15.39

    Libro deludente,lo si legge velocemente nella speranza di porre fine ad una noiosa e sconnessa storia. Non c'è sale, non c'è emozione,non c'è vita:un mare morto fa da sfondo alla vita triste dei protagonisti.Oz Amos sarà sicuramente ricordato,come lui spera,con questo libro;infatti un libro così brutto non l'ho mai letto.

  • User Icon

    ERIKA MUGNAINI

    04/06/2007 20.32.08

    Un libro che sembra un quadro. Pennellate di emozioni e sentimento,colore e nostalgia. Non conta il susseguirsi di eventi ma la nota che risuona dentro quando si legge. Parole che restano dentro, che si collocano nello spazio generato nella lontanaza di ogni uomo dal proprio oggetto d'amore. Splendido, come ogni libro di Amos Oz.

  • User Icon

    angela66

    04/05/2007 19.50.57

    lembi di poesie, spruzzi di racconti svolazzano nel libro alla ricerca di una storia che non c'è. le vicende dei protagonisti in modo schizzofrenico si intrecciano con quelle del "narratore" come ama definirsi lo stesso Os Amos. un libro di veloce lettura: inutile, sconnesso ,fastidioso. l'alternarsi di brani di poesia e di narrativa da' l'impressione di "diario"dove il narratore ha annotato appunti, riflessioni, pensieri monotoni e vuoti. il mare ,descritto in vari modi, compare all'improvviso in alcune pagine testimone triste, stanco, desolato utilizzato ,in modo improprio ,per giustificare il titolo del libro e nel disperato tentativo di trovare un nesso, un filo che unisca le varie pagine tra loro.

  • User Icon

    frida

    08/03/2007 23.39.58

    Lo stesso mare è un libro "diverso", si alternano prosa e poesia e le poesie sono sorprendenti,Oz è un autore completo."Adagio" "Lascito Tardivo"..e altre che proseguono la narrazione come sospiri notturni, e in lontananza s'ascolta il mare.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione