Studi sulla prelatura dell'Opus Dei. A venticinque anni dalla Costituzione apostolica «Ut sit»

Curatore: E. Baura
Editore: Edusc
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 1 gennaio 2008
Pagine: 210 p.
  • EAN: 9788883331947
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

La prelatura dell'Opus Dei, eretta il 28 novembre 1982 ed inaugurata solennemente il 19 marzo 1983, ha celebrato il venticinquesimo anniversario. È un'occasione particolare per ringraziare Dio dei doni che ha concesso in questo quarto di secolo, e un'opportunità per riflettere su alcuni profili teologici e giuridici della prelatura dell'Opus Dei. La Pontificia Università della Santa Croce, che è una delle tante iniziative che la prelatura dell'Opus Dei ha avviato in questi venticinque anni, ha voluto celebrare l'anniversario promuovendo lo studio delle principali tematiche, soprattutto teologiche e giuridiche, che il fenomeno dell'Opus Dei presenta, facendo tesoro degli approfondimenti scientifici realizzati in questi cinque lustri. L'idea è sfociata in una Giornata di studio tenutasi il 10 marzo 2008 nella sede dell'Università. Il presente volume, oltre a raccogliere le relazioni tenute in tale occasione, contiene anche gli studi che alcuni professori dell'Università, dalla prospettiva della propria specializzazione, hanno compiuto su aspetti specifici della prelatura dell'Opus Dei.

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luigi Murtas

    17/05/2013 10:49:26

    Una rassegna approfondita delle caratteristiche giuridiche dell'Opus Dei. Il diritto non è tutto, non si può comnprendere una realtà umana, e tantomeno una umano-divina solo concentrandosi sulla sua struttura normativa. Però il diritto è una prospettiva inevitabile nelle relazioni umane e anche con Dio, si direbbe, visto che Dio "ama il diritto e la giustizia" (non solo la giustizia, quindi, ma anche il diritto, contrariamente a quanto pretenderebbero le visioni sostanzialistiche ed esistenzialistiche). Se devo muovere un rilievo a quest'antologia di scritti è la mancanza di un capitolo relativo alla questione della riammissione nell'Opus Dei, cioè della possibilità di far reingresso nell'Istituzione (con tutti i diritti e gli obblighi connessi) per quei fedeli che per qualsiasi ragione hanno ottenuto o subito la dimissione.

Scrivi una recensione